In Danimarca vivono gli iperconnessi

Passa ad un paese europeo lo scettro della nazione più connessa. In Danimarca il 54 per cento delle famiglie dispone di un accesso alla Rete. In Messico invece gli uomini utenti sono molto più numerosi delle donne

Roma - Il 54 per cento delle famiglie danesi possiede un accesso ad Internet. Un dato elevatissimo che pone la Danimarca sul trono dei paesi iperconnessi, di quei paesi dove l'accesso non solo è diffuso, ma è pervasivo.

Lo "scettro" la Danimarca lo ha sottratto agli Stati Uniti che si fermano a quota 50.9 per cento, seguiti da Singapore (47,4 per cento), Taiwan (40 per cento) e Corea del Sud (37,3 per cento).

A formulare questa "classifica" sono gli esperti di NetValue che monitorano fino a questo momento il "mercato Internet" in dodici paesi, vale a dire: Cina, Danimarca, Francia, Germania, Hong Kong, Corea, Singapore, Spagna, Taiwan, Gran Bretagna, Stati Uniti e Messico.
E proprio in Messico, NetValue ha scoperto il maggior differenziale percentuale nell'uso di Internet tra uomini e donne. A differenza di quanto accade negli altri paesi dove maschi e femmine accedono alla rete in modo paritario o quasi (negli USA il rapporto è di 52 a 48), in Messico gli uomini prevalgono nettamente: 66 a 34.
TAG: mondo