Claudio Tamburrino

EFF supporta MS: per i brevetti, contro i brevetti

Se la tesi difensiva di Microsoft venisse accolta dalla Corte Suprema, invalidare un brevetto diventerebbe molto pi¨ semplice

Roma - Electronic Frontier Foundation (EFF), con Apache Software Foundation e Computer&Communications Industry Association si è schierata dalla parte di Microsoft, in qualità di amicus brief, nel caso che vede quest'ultima impegnata nella battaglia contro i4i per la paternità di Custom XML e ora in attesa del giudizio (discrezionale) della Corte Suprema che dovrà decidere se vale o meno la pena di riaprire ancora il caso che è già passato attraverso gli altri gradi di giudizio.

Microsoft, nonostante le ripetute sconfitte, si è infatti spinta fino alla più alta Corte per cercare di far valere il suo punto di vista: e proprio la sua tesi accusatoria potrebbe permettere a EFF di veder abbassare l'asticella per la valutazione dell'invalidità di un brevetto.

Tra i4i e Redmond c'è il brevetto 5,787,449 sull'editor Custom XML, ottenuto dalla prima e la cui validità è contestata dalla seconda.
La strategia di Microsoft in tribunale consiste nel cercare di ottenere di poter consegnare non un tipo "di prova chiara e determinante" ma di poter offrire la "preponderanza degli elementi di prova", il principio giuridico per cui è più probabile che un fatto sia vero che no e che vige in ambito civilistico. La stessa logica, d'altronde, sarebbe già stata affermata, secondo BigM, in un altro procedimento federale attinente i brevetti.
Normalmente in un processo brevettuale vigerebbe questo principio: colui che contesta un brevetto deve dimostrare inequivocabilmente la validità delle prove che porta a suo favore, mentre il difensore si può limitare a cercare di invalidare quelle dell'avversario. Il tutto riducendosi ad un susseguirsi di testimonianze ed esperti di parte sulla validità di un determinato fatto o test.

Secondo EFF, nei casi in cui viene messa in discussione la validità di un brevetto, dovrebbe invece prevalere, come sostenuto in quest'ultima vicenda da Microsoft, il principio di "preponderanza degli elementi di prova", dando in questo modo l'onere della prova al difensore del titolo brevettuale in discussione.

D'altronde, sottolinea EFF, il bene pubblico sta nell'eliminazione dei brevetti ridondanti o non validi. E questo sarebbe, secondo la Fondazione, utile in particolare al mondo open source e all'innovazione.

Hanno deciso di schierarsi come amicus curiae (e a favore di questo principio di accettazione delle prove) anche altri importanti soggetti IT come Google, Apple, Intel, Netflix, Yahoo!, Dell, Hewlett-Packard, Facebook e aziende come Walmart e Toyota.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàMicrosoft, XML alla Corte SupremaRedmond non si arrende alle numerose sentenze sfavorevoli. Dalla massima autoritÓ giudiziaria USA spera di ottenere uno spiraglio che le permetta di riaprire la partita con i4i
  • AttualitàMicrosoft e Open Source: odi et amoLe motivazioni restano un mistero, ma da Redmond ora giungono messaggi d'amore alle community un tempo avversarie (o, peggio, nemiche). Chi si ricorda Ballmer dare del "cancro" a Linux alzi la mano
  • BusinessBrevetto XML, anche l'USPTO contro MicrosoftL'Ufficio Brevetti statunitense conferma la validitÓ della proprietÓ intellettuale di i4i. Per Microsoft Ŕ l'ennesima sconfitta e la consapevolezza di avere probabilmente solo un'ultima chance, appellarsi alla Corte Suprema
5 Commenti alla Notizia EFF supporta MS: per i brevetti, contro i brevetti
Ordina
  • Io faccio il tifo contro ... nonostante la ovvia buona fede di EFF.

    Spero che proseguano così (siamo ormai ad un passo dal sucidio di quel sistema di brevetti assurdo e dannoso per tutti tranne che per i patent troll e i loro avvocati)...

    MS si lamenta oggi di quello che ha abbondantemente usato contro altri e ora che tocca raccogliere i "frutti amari" chiede "padre mio allontana da me questo calice"....

    Troppo comodo!

    Bere! e bere tutto fino in fondo... si tratta solo della propria "buona medicina".... cosa'è quando tocca per se stessi non piace più?

    Nonono bevi Rosmunda!

    Bevi fino in fondo e che ti vada di traverso!

    Magari cambi idea e ti rendi conto che c'è "qualcosina da rivedere" nella formula della medicina o meglio ancora è meglio toglierla dall'elenco dei farmaci e metterla in quello degli agenti pericolosi per la salute e inquinanti!
    non+autenticato
  • Concordo: se passa la linea del processo diventa solo più "caciarona" la discussione.
    Devono sbattere la faccia sul sistema che hanno voluto.
  • - Scritto da: Valeren
    > Concordo: se passa la linea del processo diventa
    > solo più "caciarona" la
    > discussione.
    > Devono sbattere la faccia sul sistema che hanno
    > voluto.

    se si avra l'invalidazione del brevetto e si potranno cosi istruire ogni volta del processi per vedere chi ha ragione o meno la trovo una scappatoia al vero crack che avrebbe fatto il sistema di brevetti.. quindi preferiranno istruire piu processi e/o mettersi daccordo piuttosto che continuare fino al crack del sistema
  • Quoto, ma spesso il meglio è nemico del bene.
    Funz
    13021
  • Parli come il marito geloso che si evira per far dispetto alla moglie...
    non+autenticato