Roberto Pulito

Ubuntu, cosa bolle in pentola

Una nuova versione test dell'OS 10.10 che prelude al rilascio di quella finale e un'app mobile per Android. Per ascoltare in streaming la musica archiviata sul servizio di storage personale

Roma - Pochi giorni prima del lancio ufficiale di Ubuntu 10.10, atteso per domenica prossima, la Canonical di Mark Shuttleworth rende disponibile per il download anche una Release Candidate con caratteristiche da versione finale. Chi aveva già scaricato la beta uscita all'inizio di settembre può passare direttamente a questa installazione, con un semplice aggiornamento.

La nuova release dell'OS libero e gratuito basato su GNU/Linux (nome in codice "Maverick Meerkat") è un misto tra correzioni, modifiche e miglioramenti. L'applet Sound Indicator integra ad esempio i controlli per il player musicale. Gwibber, il client di micro-blogging, supporta finalmente il nuovo sistema di autenticazione usato da Twitter. Il client mail Evolution passa alla versione 2.30.2 mentre il performante Shotwell diventa il visualizzatore e l'editor di immagini predefinito, al posto dello storico F-Spot scritto in C#. La Release Candidate si presenta poi con l'ultima versione dell'ambiente desktop GNOME 2.32.0 con API gsettings e dconf. I pacchetti kernel sono stati invece aggiornati alla versione 2.6.35-22.23.

Molte delle feature introdotte in quella che sarà la tredicesima release completa di Ubuntu lasciano intendere che nel prossimo futuro potrebbero fare la loro comparsa anche dei tablet equipaggiati con questo OS. Tanto per cominciare, il sistema operativo ora supporta pienamente il touchscreen multitouch, in linea con Windows 7 e Mac OS X. Oltretutto, la nuova interfaccia utente Unity dedicata all'installazione netbook rielabora la grafica dei menù in modo intelligente, proprio per sfruttare al meglio i display di piccole dimensioni.
Nel frattempo, Canonical ha anche avviato la fase di Beta test di Ubuntu One Music per Google Android. Applicazione che permette la riproduzione in streaming di qualsiasi MP3 associato all'account Ubuntu One e caricato nei 2GB di spazio libero. Il nuovo servizio di audio streaming (gratuito, per un limitato periodo di tempo) è al momento disponibile solo per smartphone e cellulari equipaggiati con Android, non supporta altri formati audio e non include la possibilità di creare una playlist. Nei prossimi aggiornamenti si parla però di caratteristiche "potenziate" e di una versione speciale, tutta dedicata ad iPhone.

Roberto Pulito
156 Commenti alla Notizia Ubuntu, cosa bolle in pentola
Ordina
  • mi fa piacere che , come sempre ubunto ci propone tante novita interessanti.
    Lo uso dalla 5.10 aggiornando ad ogni uscita di versione ma questa volta mi terro la 10.04 che e una LTS e va troooppo bene!
  • Concordo! UBUNTU DOCET Fan Linux
    - Scritto da: hacher
    > mi fa piacere che , come sempre ubunto ci propone
    > tante novita
    > interessanti.
    > Lo uso dalla 5.10 aggiornando ad ogni uscita di
    > versione ma questa volta mi terro la 10.04 che e
    > una LTS e va troooppo
    > bene!
  • Infatti. Il problema delle distro moderne è il ritmo troppo serrato dei rilasci. Così nessuno sviluppatore o casa hardware farà mai la pazzia di garantire supporto. Una relaese con 2 anni di orrizzonte dovrebbe essere lo standard... altrimenti windows tutta la vita!
    non+autenticato
  • - Scritto da: abcb
    > Infatti. Il problema delle distro moderne è il
    > ritmo troppo serrato dei rilasci. Così nessuno
    > sviluppatore o casa hardware farà mai la pazzia
    > di garantire supporto. Una relaese con 2 anni di
    > orrizzonte dovrebbe essere lo standard...
    > altrimenti windows tutta la
    > vita!

    ma sei fuori??? anche se ubunto rilascerebbe una versione ogni 2 giorni sarebbe molto meglio di window!!!
    ma senti questa.. Sorride
  • Io ho già abbandonato Ubuntu, la sua instabilità come desktop è paragonabile a Windows purtroppo.
    PEr chi mi legge, non sono un MS fanboy, anzi dire che sono un Linux fanboy, ed è proprio per quello che mi arrabbio nel vedere uno spreco di risorse come questo.

    Mi spiego meglio.
    Sono utente Ubuntu, tra le altre, dalla 8.04. Come desktop, hanno peggiorato ogni release, nel senso che sistemavano tanti bug e aggiungevano tante cose carine, ma la quantitò di bug nuovi o riaperti o integrazioni sbagliate era tale che faceva rimpiangere le vecchie release.
    Ad esempio, la barra Gnome non si ricorda le posizioni quando cambi risoluzione, e nemmeno tra un boot e l'altro. Ogni tanto mi trovo le icone in ordine diverso, anche se seono tutte "bloccate" o cose simili. Oppure il volume da un certo giorno è scomparso, chissà come mai...

    Poi Firefox anche lui da un certo giorno ha iniziato a chiudersi improvvisamente, senza segnalare messaggi su nessun file di log ne sul sistema.
    Nautilus ogni tanto si pianta, specialmente con ftp, e la barra si blocca bloccando ogni operazione successiva.
    Compiz anche lui non scherza in quanto a bug, come la funzione di "mostra desktop" che ogni tanto si guasta e le finestre spariscono dal monitor, senza mai più farci ritorno purtroppo.
    Se usi dischi usb, spesso l'operazione dura tantissimo quando smonti l'unità, se ti viene fatta una domanda (es. vuoi sovrascrivere) qualsiasi altro Nautilus viene congelato e non puoi aprirne di nuovi, oppure semplicemente quando riapri il disco scopri che i file non ci sono.
    Potrei cnotinuare, avendo solo Linux vedo anche alcuni bug non sono imputabili ad Ubuntu ma più in generale a Gnome/Kde/Mozilla, ma non è possibile avere così tanti problemi per fare poche cose (mail, copia file, ftp, internet, multimedia).

    Aggiungo che Brainstorm, che raccoglie migliaiai di idee molto buone (ho postato un centinaio di consigli) non viene minimamente preso in considerazione, e di quella mole di informazioni solo poche idee poi vengono sviluppate, e di certo quelle più inutili (come ad esempio riportare il numero di versione sul live cd).

    Ho provato hardware differente quindi non è un problema solo mio.

    Quello che mi fa arrabbiare, è che inizialmente sembra tutto perfetto ma poi inizia a guastarsi qualcosa, ed ogni giorno c'è sempre un problemino, magari piccolo, ma ci perdi sempre molto tempo.
    Oppure i programmi che ci sono sono concettualmente pensati male, come F-Prot, spacciato per album fotografico ma all'uso profano (mio padre) si è dimostrato inutile e non intuitivo.

    Non parlo delle periferiche tipo stampanti o altro, la sua gestione fa davvero pena. Possibile che il doppio click non apra i lavori, e che il CANC non cancelli un job? Ma chi ha sviluppato questi programmi?

    Magari sono troppo critico, ma essendo sviluppatore ho contribuito anche ad alcuni pezzi di codice open source e basta davvero poco, a volte, per fare la differenza.

    Adesso potete mandarmi a quel paese, ho raccontato però quello che mi è sembrata essere la verità.
    Felicissimo di essere contraddetto ovviamente e di scoprire che con questa 10.10 ci sarà la svolta!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > Felicissimo di essere contraddetto ovviamente e
    > di scoprire che con questa 10.10 ci sarà la
    > svolta!

    Nessuno, sano di mente, può contraddirti: hai detto la pura verità.
    Sono proprio i piccoli (e assurdi) problemini che mi hanno fatto scappare da linux, con enorme profitto, parecchi anni fa. I problemi grossi, in particolare l'installazione delle periferiche è notevolmente migliorata ultimamente ma solo questo. I piccoli problemi, quelli che fanno perdere tantissimo tempo se sommati sono ancora tutti li anzi forse sono aumentati (10 anni fa c'era meno crapware tra cui scegliere quindi si faceva prima a risolvere eventuali problemi).

    Da oltre un anno uso 7 e il tempo sprecato in risoluzione di problemi hardware, conflitti (hw e sw) o altri casini è pari a ZERO. Qualcuno dirà che però ho dovuto installare un AV o che devo sempre stare attento a chiavi USB: ma questo a me costa zero in termini di tempo, mi richiede solo un pelo di attenzione in più.

    Alla fine chi ha "pagato" davvero il SO? Chi a fine anno ha perso decine di ore in configurazioni INUTILI e anacronistiche o io che ho pagato la licenza di 7 e ho perso esattamente ZERO ore del mio tempo in risoluzione di problemi? Linux in ambito desktop ad oggi è solo un danno, per privati e imprese; in ambito server va più che bene, a patto di usare distro serie e di non toccare niente una volta messo su il sistema.

    Meditate, gente, meditate!
  • Bravo, l'hai detta... ora vai pure, grazie.
    non+autenticato
  • Windows e' stato da sempre concepito per essere a prova di utonto (anche se la storia insegna che non sempre c'e' riuscito), linux e' focalizzato su altri principi piu' geek-style dalla nascita e con tutte le ottimizzazioni di questo mondo che sia interfaccia o hardware supportato nelle distro wannabe utonto-proof non c'e' storia, ci si avvicina sempre di piu' ma non ci arriva, anche perche' il supporto hardware di ultima generazione specialmente e' costantemente in ritardo rispetto a windows, e sappiamo bene cosa gira per la testa agli utonti, specie se un problema non si puo' risolvere con i click e serve la linea di comando o l'editor di testo.
    C'e' poco da fare a meno che le aziende importanti mettano tutto alla pari dando un supporto costante. Vedi se Adobe, Microsoft e tutti i produttori di hardware iniziassero a produrre applicazioni e driver per linux nei loro support/download center.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nycho
    > Windows e' stato da sempre concepito per essere a
    > prova di utonto (anche se la storia insegna che
    > non sempre c'e' riuscito), linux e' focalizzato
    > su altri principi piu' geek-style dalla nascita e
    > con tutte le ottimizzazioni di questo mondo che
    > sia interfaccia o hardware supportato nelle
    > distro wannabe utonto-proof non c'e' storia, ci
    > si avvicina sempre di piu' ma non ci arriva,
    > anche perche' il supporto hardware di ultima
    > generazione specialmente e' costantemente in
    > ritardo rispetto a windows, e sappiamo bene cosa
    > gira per la testa agli utonti, specie se un
    > problema non si puo' risolvere con i click e
    > serve la linea di comando o l'editor di
    > testo.

    Ci faresti qualche esempio partendo dalle stesse condizioni di operazioni di uso comune che siano cosi' complesse sull'uno e semplici sull'altro ?

    Possiamo partire con entrambi i sistemi da installare o entrambi preinstallati, a tua scelta.

    > C'e' poco da fare a meno che le aziende
    > importanti mettano tutto alla pari dando un
    > supporto costante. Vedi se Adobe, Microsoft e
    > tutti i produttori di hardware iniziassero a
    > produrre applicazioni e driver per linux nei loro
    > support/download center.

    Molti si stanno avvicinando finalmente.
    krane
    22544
  • Mi hai dato l'idea per un post da blog, ma in breve potrei darti due risposte, una dal punto di vista doppio utonto e l'altra da utonto-geek.

    Da utonto-geek Linux e' superiore a Windows, installazione, software manager e tutto, semplicissimo, ma ci sono sempre piccoli problemi d'hardware che l'utonto-geek risolve da se o comunque sa come cercare qualche soluzione.

    I doppi utonti non sanno manco cos'e' un forum, si fanno installare windows dall'amico, si fanno attrarre dall'interfaccia di windows e la trovano comoda perche' la conoscono da anni (si, ci sono doppi utonti che utilizzano per 10 anni office e windows ed in 10 anni non hanno imparato una cippa in quanto un computer per loro e' come un lettore mp3), e' piu' o meno sempre quella, e' piu' rifinita ai loro occhi, e cliccano sempre se hanno un problema, utilizzano i wizard, e se il wizard s'intoppa, chiamano l'amico informato, non cercano su internet, anche perche' non sanno cosa cercare. In breve, la gente totalmente disinteressata se ne sbatte altamente di qualsiasi problema e chiama l'amico, quella utilizza Windows, e se l'amico installa Linux, prima o poi anche se va bene, glielo fa cambiare, e rimette Windows. Sembra barzelletta, ma di questa gente qui ne e' pieno il mondo.

    E non dimentica che gli utonti, hanno l'attrazione verso Windows, e magari pensano che il loro amico ne sappia di piu' di Windows che Linux, quindi installano Windows con l'eventualita' che se qualcosa nei vari wizard s'intoppa, l'amico invece di starci 1 ora a risolvere il problema, ci sta 10 minuti.

    Se tu ragioni da informatico/programmatore/sistemista non potrai mai realmente capire l'osso di certe questioniSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nycho
    > Mi hai dato l'idea per un post da blog, ma in
    > breve potrei darti due risposte, una dal punto di
    > vista doppio utonto e l'altra da utonto-geek.

    E' un'analisi interessante se fatta in modo equilibrato.

    > Da utonto-geek Linux e' superiore a Windows,
    > installazione, software manager e tutto,
    > semplicissimo, ma ci sono sempre piccoli problemi
    > d'hardware che l'utonto-geek risolve da se o
    > comunque sa come cercare qualche soluzione.

    Ma se ci sono problemi harqware e' preinstallato o no ? E su windows gli stessi problemi come li risolvi ?
    Ho detto parita' di condizioni iniziali ricordi ?
    Allora i problemi hw li hanno tutti e due e di solito sono bloccanti per l'utonti, mentre il geek ha piu' probabilita' di risolvere su linux che su windows.

    > I doppi utonti non sanno manco cos'e' un forum,
    > si fanno installare windows dall'amico, si fanno
    > attrarre dall'interfaccia di windows e la trovano
    > comoda perche' la conoscono da anni (si, ci sono
    > doppi utonti che utilizzano per 10 anni office e
    > windows ed in 10 anni non hanno imparato una
    > cippa in quanto un computer per loro e' come un
    > lettore mp3), e' piu' o meno sempre quella, e'
    > piu' rifinita ai loro occhi, e cliccano sempre se
    > hanno un problema, utilizzano i wizard, e se il
    > wizard s'intoppa, chiamano l'amico informato, non
    > cercano su internet, anche perche' non sanno cosa
    > cercare. In breve, la gente totalmente
    > disinteressata se ne sbatte altamente di
    > qualsiasi problema e chiama l'amico, quella
    > utilizza Windows, e se l'amico installa Linux,
    > prima o poi anche se va bene, glielo fa cambiare,
    > e rimette Windows. Sembra barzelletta, ma di
    > questa gente qui ne e' pieno il mondo.

    Ho detto parita' di condizioni iniziali ricordi ? Io ho installato linux a gente che non ha mai usato il pc, ora se la metti su windows va in panico, non trova nulla e trova folli le logiche di windows.

    > E non dimentica che gli utonti, hanno
    > l'attrazione verso Windows,

    Veramente di solito non sanno neanche che c'e', quando accendono per la prima volta il pc appena comprato chiamano l'amico perche' c'e' il contratto da accettare e il browser da installare, mentre con linux sono operativi da subito senza questi problemi.

    > e magari pensano che il loro amico ne
    > sappia di piu' di Windows che Linux,
    > quindi installano Windows con
    > l'eventualita' che se qualcosa nei
    > vari wizard s'intoppa, l'amico invece
    > di starci 1 ora a risolvere il
    > problema, ci sta 10 minuti.

    Questo dipende dall'amico, con me quindi farebbero il contrario.

    > Se tu ragioni da informatico / programmatore / sistemista
    > non potrai mai realmente capire l'osso di certe questioni
    >Sorride

    Parliamone, a me sembra che tu gia' qualche errore di logica l'abbia commesso.
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Nycho
    > > Mi hai dato l'idea per un post da blog, ma in
    > > breve potrei darti due risposte, una dal punto
    > di
    > > vista doppio utonto e l'altra da utonto-geek.
    >
    > E' un'analisi interessante se fatta in modo
    > equilibrato.
    >
    > > Da utonto-geek Linux e' superiore a Windows,
    > > installazione, software manager e tutto,
    > > semplicissimo, ma ci sono sempre piccoli
    > problemi
    > > d'hardware che l'utonto-geek risolve da se o
    > > comunque sa come cercare qualche soluzione.
    >
    > Ma se ci sono problemi harqware e' preinstallato
    > o no ? E su windows gli stessi problemi come li
    > risolvi
    > ?
    > Ho detto parita' di condizioni iniziali ricordi ?
    > Allora i problemi hw li hanno tutti e due e di
    > solito sono bloccanti per l'utonti, mentre il
    > geek ha piu' probabilita' di risolvere su linux
    > che su
    > windows.
    >
    > > I doppi utonti non sanno manco cos'e' un forum,
    > > si fanno installare windows dall'amico, si fanno
    > > attrarre dall'interfaccia di windows e la
    > trovano
    > > comoda perche' la conoscono da anni (si, ci sono
    > > doppi utonti che utilizzano per 10 anni office e
    > > windows ed in 10 anni non hanno imparato una
    > > cippa in quanto un computer per loro e' come un
    > > lettore mp3), e' piu' o meno sempre quella, e'
    > > piu' rifinita ai loro occhi, e cliccano sempre
    > se
    > > hanno un problema, utilizzano i wizard, e se il
    > > wizard s'intoppa, chiamano l'amico informato,
    > non
    > > cercano su internet, anche perche' non sanno
    > cosa
    > > cercare. In breve, la gente totalmente
    > > disinteressata se ne sbatte altamente di
    > > qualsiasi problema e chiama l'amico, quella
    > > utilizza Windows, e se l'amico installa Linux,
    > > prima o poi anche se va bene, glielo fa
    > cambiare,
    > > e rimette Windows. Sembra barzelletta, ma di
    > > questa gente qui ne e' pieno il mondo.
    >
    > Ho detto parita' di condizioni iniziali ricordi ?
    > Io ho installato linux a gente che non ha mai
    > usato il pc, ora se la metti su windows va in
    > panico, non trova nulla e trova folli le logiche
    > di
    > windows.
    >
    > > E non dimentica che gli utonti, hanno
    > > l'attrazione verso Windows,
    >
    > Veramente di solito non sanno neanche che c'e',
    > quando accendono per la prima volta il pc appena
    > comprato chiamano l'amico perche' c'e' il
    > contratto da accettare e il browser da
    > installare, mentre con linux sono operativi da
    > subito senza questi
    > problemi.
    >
    > > e magari pensano che il loro amico ne
    > > sappia di piu' di Windows che Linux,
    > > quindi installano Windows con
    > > l'eventualita' che se qualcosa nei
    > > vari wizard s'intoppa, l'amico invece
    > > di starci 1 ora a risolvere il
    > > problema, ci sta 10 minuti.
    >
    > Questo dipende dall'amico, con me quindi
    > farebbero il
    > contrario.
    >
    > > Se tu ragioni da informatico / programmatore /
    > sistemista
    >
    > > non potrai mai realmente capire l'osso di certe
    > questioni
    > >Sorride
    >
    > Parliamone, a me sembra che tu gia' qualche
    > errore di logica l'abbia
    > commesso.

    Io per 15 anni ho aiutato gente con Windows quando ero ragazzino (ma anche aziende), ne ho viste di tutti i colori, e da come la vedo io, il discorso fila, tu magari hai aiutato certa gente che ti seguiva. Io ho avuto altri casi che ma hanno portato a diverse conclusioni. Ma il nostro discorso e' diverso, quando io facevo ste cose Linux non era diffuso quanto adesso, le ultime richieste di aiuto le ho avute quando Suse era alla versione 8 mi pare. Ormai non me ne frega piu' una cippa di smanettare, le pazzie di installare windows centinaia di volte, trickare registro, servizi e fesserie sono parte di un'altra epoca.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nycho
    > - Scritto da: krane
    > > - Scritto da: Nycho
    > > > Mi hai dato l'idea per un post da blog, ma
    > > > in breve potrei darti due risposte, una
    > > > dal punto di vista doppio utonto e l'altra
    > > > da utonto-geek.

    > > E' un'analisi interessante se fatta in modo
    > > equilibrato.

    > > > Da utonto-geek Linux e' superiore a
    > > > Windows, installazione, software
    > > > manager e tutto, semplicissimo, ma
    > > > ci sono sempre piccoli problemi
    > > > d'hardware che l'utonto-geek risolve
    > > > da se o comunque sa come cercare
    > > > qualche soluzione.
    > > Ma se ci sono problemi harqware e' preinstallato
    > > o no ? E su windows gli stessi problemi come li
    > > risolvi ?
    > > Ho detto parita' di condizioni iniziali ricordi?
    > > Allora i problemi hw li hanno tutti e due e di
    > > solito sono bloccanti per l'utonti, mentre il
    > > geek ha piu' probabilita' di risolvere su linux
    > > che su windows.

    > > > I doppi utonti non sanno manco cos'e' un
    > forum,
    > > > si fanno installare windows dall'amico, si
    > fanno
    > > > attrarre dall'interfaccia di windows e la
    > > trovano
    > > > comoda perche' la conoscono da anni (si, ci
    > sono
    > > > doppi utonti che utilizzano per 10 anni
    > office
    > e
    > > > windows ed in 10 anni non hanno imparato una
    > > > cippa in quanto un computer per loro e' come
    > un
    > > > lettore mp3), e' piu' o meno sempre quella, e'
    > > > piu' rifinita ai loro occhi, e cliccano sempre
    > > se
    > > > hanno un problema, utilizzano i wizard, e se
    > il
    > > > wizard s'intoppa, chiamano l'amico informato,
    > > non
    > > > cercano su internet, anche perche' non sanno
    > > cosa
    > > > cercare. In breve, la gente totalmente
    > > > disinteressata se ne sbatte altamente di
    > > > qualsiasi problema e chiama l'amico, quella
    > > > utilizza Windows, e se l'amico installa Linux,
    > > > prima o poi anche se va bene, glielo fa
    > > cambiare,
    > > > e rimette Windows. Sembra barzelletta, ma di
    > > > questa gente qui ne e' pieno il mondo.
    > >
    > > Ho detto parita' di condizioni iniziali ricordi
    > ?
    > > Io ho installato linux a gente che non ha mai
    > > usato il pc, ora se la metti su windows va in
    > > panico, non trova nulla e trova folli le logiche
    > > di
    > > windows.
    > >
    > > > E non dimentica che gli utonti, hanno
    > > > l'attrazione verso Windows,
    > >
    > > Veramente di solito non sanno neanche che c'e',
    > > quando accendono per la prima volta il pc appena
    > > comprato chiamano l'amico perche' c'e' il
    > > contratto da accettare e il browser da
    > > installare, mentre con linux sono operativi da
    > > subito senza questi
    > > problemi.
    > >
    > > > e magari pensano che il loro amico ne
    > > > sappia di piu' di Windows che Linux,
    > > > quindi installano Windows con
    > > > l'eventualita' che se qualcosa nei
    > > > vari wizard s'intoppa, l'amico invece
    > > > di starci 1 ora a risolvere il
    > > > problema, ci sta 10 minuti.
    > >
    > > Questo dipende dall'amico, con me quindi
    > > farebbero il
    > > contrario.
    > >
    > > > Se tu ragioni da informatico / programmatore /
    > > sistemista
    > >
    > > > non potrai mai realmente capire l'osso di
    > certe
    > > questioni
    > > >Sorride
    > >
    > > Parliamone, a me sembra che tu gia' qualche
    > > errore di logica l'abbia
    > > commesso.

    > Io per 15 anni ho aiutato gente con Windows
    > quando ero ragazzino (ma anche aziende), ne ho
    > viste di tutti i colori, e da come la vedo io, il
    > discorso fila,

    Ma quale discorso ? Il mio ? Sono d'accordo !
    Quota che non si capisce niente.

    > tu magari hai aiutato certa gente
    > che ti seguiva. Io ho avuto altri casi che ma
    > hanno portato a diverse conclusioni.

    Che non si e' capito quali siano...

    > Ma il nostro discorso e' diverso,

    Infatti: intanto non e' un discorso perche' tu non rispondi alle mie affermazioni, diciamo che sono due monologhi.

    > quando io facevo ste cose
    > Linux non era diffuso quanto adesso, le ultime
    > richieste di aiuto le ho avute quando Suse era
    > alla versione 8 mi pare. Ormai non me ne frega
    > piu' una cippa di smanettare, le pazzie di
    > installare windows centinaia di volte, trickare
    > registro, servizi e fesserie sono parte di
    > un'altra epoca.

    Quindi non sei in grado di fare l'analisi: l'idea per un post da blog.

    Peccato, poteva anche essere un bell'articolo, me ne faro' una ragione, pazienza.
    krane
    22544
  • La maggior parte della gente che ne capisce e' pragmatica, schematica e logica (o comunque ha una componente logica alta) ed alla fine quando puo' e se la sente, passera' a linux con le modalita' compatibili con le proprie conoscenze, tempo e tutto in base all'uso delle loro macchine (e questi siamo un po' tutti noi qui). La gente prevalentemente cocciuta e emozionale si muove e fa scelte seguendo differenti frenquenze, si affeziona al SO e si crea preconcetti e questioni, sceglie il laptop per il colore per dire e non le caratteristiche tecniche, e tutta una serie di cose che farebbero sorridere ai tipi logici. Il fatto sta che la natura spinge l'uomo verso l'universo emozionale che quello logico, quindi una percentuale maggiore di gente emozionale che scegliera' Windows invece che Linux, poco importa la qualita' di Linux. Questo cambiera' soltanto quando Linux verra' assimilato alla pari di Windows a livello sociale-psicologico.

    Stessa cosa per OSX, tu credi che la gente compri OSX perche' e' stabile e performante, o e' basato su Unix? Unix che?? Tutta immagine, e' tutta una questione psicologica, le caratteristiche del un SO contano poco o niente per la maggior parte della gente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nycho
    > La maggior parte della gente che ne capisce e'
    > pragmatica, schematica e logica (o comunque ha
    > una componente logica alta) ed alla fine quando
    > puo' e se la sente, passera' a linux con le
    > modalita' compatibili con le proprie conoscenze,
    > tempo e tutto in base all'uso delle loro macchine
    > (e questi siamo un po' tutti noi qui). La gente
    > prevalentemente cocciuta e emozionale si muove e
    > fa scelte seguendo differenti frenquenze, si
    > affeziona al SO e si crea preconcetti e
    > questioni, sceglie il laptop per il colore per
    > dire e non le caratteristiche tecniche, e tutta
    > una serie di cose che farebbero sorridere ai tipi
    > logici. Il fatto sta che la natura spinge l'uomo
    > verso l'universo emozionale che quello logico,
    > quindi una percentuale maggiore di gente
    > emozionale che scegliera' Windows invece che
    > Linux, poco importa la qualita' di Linux. Questo
    > cambiera' soltanto quando Linux verra' assimilato
    > alla pari di Windows a livello
    > sociale-psicologico.

    Nella tua analisi non consideri il preinstallato, cosa che porta all'uso di windows una marea di nuovi utenti che non sa neanche che se lo trovera' sul pc.

    > Stessa cosa per OSX, tu credi che la gente compri
    > OSX perche' e' stabile e performante, o e' basato
    > su Unix? Unix che??

    La gente compra OSX perche' e' figo a prima vita E perche' l'amico tekniko gli ha detto che e' stabile e performante.

    > Tutta immagine, e' tutta una
    > questione psicologica, le caratteristiche
    > del un SO contano poco o niente per la
    > maggior parte della gente.

    Con il contributo di microsot che ha fatto di tutto per non fare capire che il SO e' una parte del pc come la sk video o la sk audio.
    krane
    22544
  • E' l'anno di Linux Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • E' sempre l'anno di linux!

    Parola di WinaroArrabbiato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Winaro
    > E' sempre l'anno di linux!
    >
    > Parola di WinaroArrabbiato

    Meno male! Iniziavo a preoccuparmiA bocca storta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Trolloski
    > - Scritto da: Winaro
    > > E' sempre l'anno di linux!
    > >
    > > Parola di WinaroArrabbiato
    >
    > Meno male! Iniziavo a preoccuparmiA bocca storta

    Io sono più troll di te, quindi non valgo.
    non+autenticato
  • Anni di windosismo (lavorativo) hanno letargizzato il cervello, ma direi che ormai ci siamo.

    Nel dubbio ho sempre piallato (30 minuti max per fare tutto)
    non+autenticato
  • è bello avere una release ogni 6 mesi, ma ogni volta c'è il dubbio: piallare o no? leggo in giro di aggiornamenti che diventano epiche avventure, e la tentazione di installare da zero c'è sempre. Anche xkè mi piace un sistema pulito e performante. E allora mi dico: è una scocciatura piallare ogni 6 mesi, quindi magari salto la .10 e installerò direttamente la prossima 04... o aggiorno?

    Avete anche voi di questi dubbi?
    non+autenticato
  • Sì, soprattutto nel caso di desktop (i rari server con ubuntu server stanno lì per ere geologiche).

    Difatti la cosa più tragica è forse questa: la rel. precedente è una LTS... figo! In questa release però fanno saltare fuori un tot di cose interessanti a livello di usabilità... piallare o non piallare? Aggiornare?
    Ma soprattutto su una macchina nuova: LTS o questa versione?

    Non so, sinceramente. Accetto consigli.

    PS: mettere Mandriva con il desktop semantico? Qualcuno l'ha provata? Sono curioso...
    non+autenticato
  • - Scritto da: zuzzurro
    > Sì, soprattutto nel caso di desktop (i rari
    > server con ubuntu server stanno lì per ere
    > geologiche).
    >
    > Difatti la cosa più tragica è forse questa: la
    > rel. precedente è una LTS... figo! In questa
    > release però fanno saltare fuori un tot di cose
    > interessanti a livello di usabilità... piallare o
    > non piallare?
    > Aggiornare?
    > Ma soprattutto su una macchina nuova: LTS o
    > questa
    > versione?
    >
    > Non so, sinceramente. Accetto consigli.
    >
    > PS: mettere Mandriva con il desktop semantico?
    > Qualcuno l'ha provata? Sono
    > curioso...

    ubuntu ha portato anche nel mondo linux il propblema di reinstallare ogni 6 mesiA bocca aperta
    non+autenticato
  • LOL!

    bah, com uqnue per es. sul netbook ho una remix vecchia come il cucco che fa tutto (e anche di più).
    Quindi uno alla fin fine aggiorna quando ha voglia di novità e basta... si salva la /home e via!
    non+autenticato
  • - Scritto da: zuzzurro
    > Sì, soprattutto nel caso di desktop (i rari
    > server con ubuntu server stanno lì per ere
    > geologiche).
    >
    > Difatti la cosa più tragica è forse questa: la
    > rel. precedente è una LTS... figo! In questa
    > release però fanno saltare fuori un tot di cose
    > interessanti a livello di usabilità... piallare o
    > non piallare?
    > Aggiornare?
    > Ma soprattutto su una macchina nuova: LTS o
    > questa
    > versione?

    Fai come me. Ho una partizione grossa per tenere i dati. Altre due su cui mettere due distro. Su una ad esempio metto Karmic e sull'altra Lucid. quando vedo che Lucid è a posto come piace a me passo a quella. Esce Maverick? Piallo Karmic e ci metto Maverick. Quando Maverick ha risolto tutti i problemi passo a quella.
    non+autenticato
  • > piallare ogni 6 mesi, quindi magari salto la .10
    > e installerò direttamente la prossima 04... o
    > aggiorno?

    Saro' un ferraio ma io ho sempre piallato tutto, da win a linux
    e qualsiasi altra cosa.

    Per linux basta salvarsi uuna lista dei pacchetti con
    apt-get --list (o qualcosa del genere) poi farsi un backup di
    /etc e della home degli utenti.


    Si installa da capo e poi a mano, scorrendo
    la lista dei pacchetti, si rimettono a mano i software in piu'
    che hai installato. Sempre a mano si riportano le modifiche
    (se ne avevi fatto) nei file del nuovo /etc
    e si copiano di sana pianta le home al loro posto
    (cancellando i file nascosti se non contengono settaggi personali
    importanti) e il gioco e' fatto. Ci vuole davvero poco,
    un'unico comando con lista di pacchetti per i software aggiuntivi.

    Quando installo software non pacchettizzato lo metto nella home
    o in /opt dunque backup anche di questa e ricopiatura se
    possibile altrimenti reinstallazione manuale e intanto li aggiorni anche
    loro.

    e comunque sempre molta meno fatica che con windows.
    non+autenticato
  • > e comunque sempre molta meno fatica che con
    > windows.

    E scussate tanto le scrammaticheture!!!! A bocca apertaA bocca aperta
    non+autenticato
  • raga io ho installato piallando l'ultima volta con la 9.04 ... poi sempre aggiornato e nessun problema, a parte il grubb che con la 10.04 mi chiedeva dove installarlo e ho sbagliato e non boottava più.

    10 minuti di live e google e ho risolto.

    in quanto a performace gli aggiornamenti non sporcano il sistema ... NON è WINZOZZ Occhiolino

    comunqu anche piallare ha un costo bassissimo, tanto (quasi) tutto è nella home, che non spiani mai
    non+autenticato
  • - Scritto da: sxs
    > e comunque sempre molta meno fatica che con windows.

    Non sono un fan boy, ma quello che hai scritto mi sembra tutto fuorché il concetto di "meno fatica".
    Anche sotto Win devi reinstallarti i software ma è una lunga serie di "OK".
    Il vantaggio di linux qui qual è? Proprio non riesco a vedere la comodità.
  • - Scritto da: Valeren
    > - Scritto da: sxs
    > > e comunque sempre molta meno fatica che con
    > > windows.

    > Non sono un fan boy, ma quello che hai scritto mi
    > sembra tutto fuorché il concetto di "meno fatica".
    > Anche sotto Win devi reinstallarti i software ma
    > è una lunga serie di "OK".
    > Il vantaggio di linux qui qual è? Proprio non
    > riesco a vedere la comodità.

    Prima di arrivare alla lunga serie di OK di windows devi trovarlo il programma, navigando in web a caso. Se il programma e' nel repo te la cavi con un "trova" nell'apposito installer, senza bisogno di andarlo a cercare in posti strani su internet.

    Programmi di diverso tipo vengono aggiornati in modo centralizzato in modo che tu non abbia 100 programmi che ognuno ti chiede di aggiornarsi a caso con procedure tutte diverse.

    Selezioni le varie cose che vuoi installare e poi te la cavi con un OK solo.
    krane
    22544
  • Si, come funzioni un repository mi è chiarissimo.
    Quello che mi pare molto meno user friendly è il passaggio da una versione all'altra dopo il format [ che dovrebbe essere l'anticristo di Linux, ma qui vedo che tutti piallano in allegria... ].
    Poi magari ci sono utilities anche per quello ma nessuno le nomina quindi una ragione dovrà esserci.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)