Claudio Tamburrino

Apple, 600 milioni di anteprima

Danni calcolati da un tribunale texano per la violazione di tre brevetti inerenti Cover Flow, In vista, una lunga battaglia legale a suon di appelli

Roma - Apple è stata condannata per la violazione di tre brevetti di proprietà di Mirror Worlds, una piccola azienda texana: deve ora pagare danni pari ad oltre 600 milioni di dollari (circa 435 milioni di euro), 208 milioni per ogni titolo, il quarto più grande risarcimento di sempre.

Il caso risale ad una denuncia del 2008. Le tecnologie coinvolte riguardano il modo in cui i documenti sono mostrati sullo schermo di un computer (in particolare in una pila ordinata) e sarebbero state illecitamente utilizzate da Apple con Cover Flow, Time Machine e Spotlight nel sistema operativo Mac OS e in quello iOS.

Apple ha fatto appello, cercando quantomeno di ottenere che i danni siano ricalcolati, ritenendoli oltremodo sovrastimati: dal momento che la tecnologia interessata sarebbe sostanzialmente la stessa, la sentenza avrebbe permesso a Mirror World di "approfittarne" tre volte.
Su due dei tre brevetti, inoltre, Apple ha fatto richiesta separata (prima del verdetto) di valutazione di non infrazione.

Nel frattempo, a complicare la faccenda, Cupertino ha ottenuto un brevetto su Cover Flow.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
55 Commenti alla Notizia Apple, 600 milioni di anteprima
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)