Mauro Vecchio

Wind, matrimonio russo

Alla russa VimpelCom il 100 per cento della società italiana. Diventerà il quinto operatore di telecomunicazione al mondo, forte di 174 milioni di clienti. Il management Wind non cambia

Roma - È stato descritto come un momento di grande trasformazione. "Questa operazione offre ai nostri azionisti un'esposizione verso mercati con interessanti prospettive di crescita sia in Asia che in Africa, e l'opportunità di diversificare ulteriormente la nostra fonte di ricavi in termini di geografia, di valuta e di caratteristiche del mercato".

Così ha parlato Alexander Izosimov, attualmente a capo di uno dei più imponenti operatori di telecomunicazione in terra russa. Il CEO di VimpelCom ha commentato la recente maxi-fusione con Weather Investment, società del magnate egiziano Naguib Sawiris che controlla le società Orascom Telecom e Wind Italia.

Sawiris riceverà 1,8 miliardi di dollari in contanti, oltre al 20 per cento della società che verrà costituita dopo il matrimonio-fusione con i russi di VimpelCom. L'operatore russo controllerà il 51,7 per cento di Orascom Telecom e il 100 per cento dell'italiana Wind. Agli azionisti di Sawiris rimarranno poi alcuni asset da scorporare dal pacchetto della fusione, tra cui il portale Libero e Wind Hellas (quest'ultima a un passo dal fallimento, ma proprietaria di un interessante cavo sottomarino nel Mediterraneo).
Grazie all'accordo annunciato, VimpelCom si trasformerà nel quinto più vasto operatore di telecomunicazione al mondo. La società fondata da Mikhail Fridman sarà presente in 20 Paesi con 174 milioni di utenti, ricavi operativi netti pari a 21,5 miliardi di dollari e un debito totale di 24 miliardi di dollari. Il debito che verrà ereditato da Weather Investment sarà infatti pari a 15 miliardi di dollari.

"Wind ha continuamente sfornato performance al di sopra delle medie di mercato, sia in termini di valore che di crescita degli abbonati - ha spiegato il CEO di VimpelCom Izosimov - Inoltre vanta un significativo potenziale di crescita, in particolare sul fatturato del traffico dati, mentre si attesta a livelli elevati nella customer satisfaction". Secondo i dettami dell'accordo, l'attuale management di Wind rimarrà al proprio posto.

Il controllo di Wind passerà dunque ad un gruppo in piena ascesa in terra russa: VimpelCom è quotata a New York ed è stata costituita dal consolidamento dell'Alfa Group e della norvegese Telenor. Mikhail Fridman, uomo chiave di Alfa Group, ha inoltre significativi interessi nel settore petrolifero e pare molto vicino al Cremlino.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàNGN, operatori in fugaFastweb, Tiscali e Wind sono tra gli OLO che hanno deciso di uscire dal Comitato presieduto dal professor Vatalaro. I loro contributi non sarebbero stati presi in considerazione. I lavori andranno avanti
  • BusinessTLC, l'Oriente traina il mercatoCina e India sono i mercati che registrano la crescita più vigorosa nel settore mondiale delle telecomunicazioni. Il Paese più popoloso al mondo è anche quello che scrive più messaggini
  • AttualitàMani straniere sulle TLC italianeSwisscom, Telefonica, Sistema: aumentano i nomi delle telco straniere interessate a mettere almeno un piede nel nostro Paese
9 Commenti alla Notizia Wind, matrimonio russo
Ordina