Claudio Tamburrino

Francia, accordo per AdWords

Il caso Navx si conclude con un patto: Google darà tre mesi di preavviso a coloro a cui intende negare i servizi di sdvertising. E fornirà loro delle motivazioni

Roma - Google ha trovato un accordo nel caso che riguardava AdWords e la sua policy in materia di pubblicità non accettate.

Navx, azienda fornitrice di servizi GPS (tra cui sistemi per identificare autovelox ritenuti illegali da Mountain View), accusava Google di abusare della sua posizione dominante nell'advertising online "escludendo un'azienda dal servizio" e si era così rivolta all'autorità francese di vigilanza sulla concorrenza.

L'antitrust francese aveva rilevato la posizione dominante (BigG controlla circa il 90 per cento del market share della ricerca in Francia), ma non l'abuso e aveva imposto a Google di accettare le pubblicità di Navx. A quel punto l'azienda aveva fatto causa al motore di ricerca chiedendo 7 milioni di dollari di danni maturati con il blocco del suo advertising.
Secondo quanto pattuito ora per chiudere la questione fuori dal tribunale Google deve dare tre mesi di preavviso a quegli inserzionisti cui vorrebbe rifiutare la pubblicazione del messaggio pubblicitario sul servizio AdWords.

Secondo il New York Times tali obblighi valgono solo per la Francia e solo per servizi simili a quelli offerti da Navx. Ma, in generale, Moutain View si sarebbe impegnata a chiarire le sue motivazioni ogni volta che si presenti una situazione del genere e a divulgare i termini entro cui accetta gli annunci.
Secondo l'avvocato di NavX il caso influenzerà il comportamento di Google in tutto il mondo.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate