Mauro Vecchio

iTunes, 90 secondi per l'acquisto

Triplicata la durata delle clip di anteprima, nella speranza di aumentare le vendite. Alle etichette viene proposto il silenzio-assenso. Ma c'è chi parla di un'imposizione da parte di Apple

Roma - Una breve missiva, inviata dai responsabili della piattaforma iTunes all'attenzione delle varie case discografiche. Apple ha così annunciato una significativa revisione del suo U.S. Digital Music Download Sales Agreement, relativamente alla durata delle clip musicali ad ascolto gratuito.

Ovvero di quelle che in inglese vengono anche chiamate preview, anticipazioni di brani presenti su iTunes e quindi acquistabili dagli utenti a mezzo download. La durata delle clip gratuite sarà ora di 90 secondi, triplicata rispetto ai 30 finora a disposizione di tutti i potenziali consumatori.

Una decisione che avrà valore esclusivamente sul mercato statunitense e in particolare per tutte le canzoni della durata di almeno 2 minuti e 30 secondi. "Le clip relative a canzoni più brevi rimarranno di 30 secondi", si può leggere nella lettera inviata da Apple alle varie etichette presenti su iTunes.
L'azienda di Steve Jobs aveva già anticipato questa mossa alla fine dello scorso agosto, ottenendo la pronta reazione della National Music Publishers Association (NMPA) statunitense. Apple non avrebbe negoziato su alcuna modifica del contratto di licenza, in specie per quanto concerne la durata delle clip gratuite.

Pare tuttavia che Cupertino abbia poi parlato con la Broadcast Music Inc (BMI), in vista di una decisione da prendere per il bene delle stesse etichette. "Crediamo che fornendo più tempo d'ascolto ai potenziali consumatori si otterrà un numero maggiore di acquisti finali", si può leggere ancora nella missiva della Mela.

Un assunto caldeggiato da alcune ricerche universitarie, che in passato avevano sottolineato come un sample di 60 secondi si traduca più probabilmente in un download a pagamento. Ma c'è chi ha parlato di una vera e propria imposizione da parte di Apple, che ha infatti fatto capire alle etichette come - in caso di disaccordo - l'unica opzione possibile resti l'uscita definitiva da iTunes.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàEminem: iTunes paghi per i suoi erroriLa casa produttrice del noto rapper ha incitato un tribunale di Detroit a far rispettare i termini di un accordo con Apple e Aftermath Records. 2,2 milioni di dollari dovranno essere versati a causa di 93 brani presenti su iTunes
  • BusinessApple, primi vagiti di streaming remotoNovità da cloud computing in quel di Cupertino, che sposa la multimedialità e lo streaming a prezzo di un centinaio di dollari all'anno. Ma non è iTunes nelle nuvole, o perlomeno non sembra
  • BusinessiTunes, pronta per la nuvola?Secondo alcune indiscrezioni, la piattaforma di Apple avrebbe già confezionato le sue strategie per lo streaming musicale. Che dovrebbero rivelarsi in autunno, per lanciare la sfida a Google
66 Commenti alla Notizia iTunes, 90 secondi per l'acquisto
Ordina
  • sono d'accordo che il futuro è in streaming: con i telefoni che si collegheranno direttamente al nostro fornitore che dietro il pagamento di una piccola cifra mensile ci renderà accessibile tutta la musica che vorremo (o un tot di ore... a seconda dei piani).
    Che questo sia uno scenario plausibile, lo dimostra l'acquisto di Lala da parte di Apple un anno fa.
    Fra l'altro non ci sono problemi particolari per implementare questa funzione, se non la disponibilità di banda wifi e telefonica (che in italia è sempre un problema, mentre in altri paesi si è parecchio avanti).

    Formati loseless?
    Se parliamo di alta fedeltà il concetto di loseless non ha senso, nel futuro. Perché devo prendere un formato loseless quando la banda permette di commercializzare formati non compressi di qualità SUPERIORE a quella di un CD audio?
    Già ora 700Mb di dati (la capacità massima di un cd audio) si possono scaricare in una ventina di minuti con una connessione di buon livello.
    Già adesso alcune case discografiche con un occhio particolarmente attento all'audiofilia (Lynn Records ad esempio) vendono i file in formato 192kHz/24 bit vale a dire "qualità studio mastering" senza alcun tipo di compressione.
    Per chi ha un serio interesse per la qualità della riproduzione musicale (ed anche un impianto in grado di rendere percepibile le differenze, che rischia di costare meno di quanto non si immagini, scegliendo con oculatezza) il futuro è in quella direzione, non nella direzione di formati loseless, che sono solo un compromesso così come lo è, in definitiva, il cd audio o anche il vinile, nel momento in cui la master originale analogico viene ripulito digitalmente e poi riconvertito in analogico.
    Se invece il massimo dell'HIFi che si riesce a concepire è un iPad attaccato a due casse Bose, potete saltare le ultime 10 righe del mio intervento.
    non+autenticato
  • una precisazione, visto che ho scritto una cosa inesatta: Lynn Records commercializza i file 192/24 compressi in fomrato flac (un album è circa 2,5 Gb), qui

    http://www.itrax.com/

    Commercializzano gli Aiff/wave a 96 KHz/24bit senza alcun tipo di compressione (in questo caso i dati per un album di 80 minuti occupano circa 2.7Gb, oltre 3 volte quelli di un cd audio standard)

    Considerando che un cd audio è 44.1KHz/16bit, la qualità offerta è in entrambi i casi sostanzialmente superiore a quella di un Cd, e immensamente superiore a quella di un mp3.
    non+autenticato
  • apple non ha ancora capito che deve cambiare il modello di business per la musica online, deve prevedere degli abbonamenti per lo streaming non l'acquisto dei brani
  • - Scritto da: Callisto Software
    > apple non ha ancora capito che deve cambiare il
    > modello di business per la musica online, deve
    > prevedere degli abbonamenti per lo streaming non
    > l'acquisto dei
    > brani

    infatti tutti quelli che fanno gli abbonamenti stanno facendo un sacco di soldi, mentre l'iTunes Store boccheggia.
    pippuz
    1260
  • Se me li voglio mettere nel mio lettore, come faccio poi ?A bocca aperta
    Sgabbio
    26178
  • come si faccia a spendere €9.90 per un album,
    quando su Cdwow un Cd costa lo stesso o meno.

    Mah!
    non+autenticato
  • per un servizio digitale e un buon prezzo, poi ovvio altrove trovi cd pure ad 1 euro, ma è la concorrenzaA bocca aperta
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > per un servizio digitale e un buon prezzo, poi
    > ovvio altrove trovi cd pure ad 1 euro, ma è la
    > concorrenza
    >A bocca aperta

    nei mega-cestoni del supermarket alla voce "sottobicchieri". A bocca aperta
  • bhe non è detto, io ho trovato l'edizione speciale dell'ultimo album di caparezza (cd più dvd con i video) ad 1 euroA bocca aperta
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > per un servizio digitale e un buon prezzo,

    Ma chi è che vi ha fatto il lavaggio del cervello?
    Puoi solo dire che non si trova a meno, ma non che sia un buon prezzo. In fondo si tratta sempre di una cinquantina di MB, o meno, che occupano la banda, mal che vada, per qualche minuto.
    Alla fine questi byte non sono neanche i tuoi, non puoi usarli su un altro lettore, se gli gira chi te li ha venduti te li può cancellare contro il tuo volere, non avresti neanche il diritto di riversarli su un supporto fisico ecc. ecc.
    Il prezzo è buono solo per chi li vende e chi ha la piattaforma per venderli, non per chi compera.
    non+autenticato
  • il DRM su itunes non c'è più da un bel pò di tempo eh ? Ad esempio le tracce che ha comprato mio fratello me le ha passate nel mio pc è le ho ascoltate con il winamp...
    Sgabbio
    26178
  • Giusto, brava Apple.
    E' il comandante che dà la rotta alla barca; a chi non sta bene, può scendere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nessuno qui
    > Giusto, brava Apple.
    > E' il comandante che dà la rotta alla barca; a
    > chi non sta bene, può
    > scendere.

    non ha per nulla senso cio che dici ma fino a che ci credi a sta ca22ata io ti appoggio.. daltronde chiunque puo dire le ca22ate che vuole no?
  • Ma alla fine devi dar contro ad Apple anche quando migliora il servizio?
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Ma alla fine devi dar contro ad Apple anche
    > quando migliora il
    > servizio?

    Per quanto non sono sempre d'accordo con le tue uscite da estremista stavolta non posso far altro che quotarti, alla fine iTunes ha dato il via alla distribuzione digitale in massa a prezzi decenti e con questa mossa si è rimessa di nuovo avanti agli altri come qualità del servizio offerto.
    mura
    1717
  • - Scritto da: mura
    > - Scritto da: ruppolo
    > > Ma alla fine devi dar contro ad Apple anche
    > > quando migliora il
    > > servizio?
    >
    > Per quanto non sono sempre d'accordo con le tue
    > uscite da estremista stavolta non posso far altro
    > che quotarti, alla fine iTunes ha dato il via
    > alla distribuzione digitale in massa a prezzi
    > decenti e con questa mossa si è rimessa di nuovo
    > avanti agli altri come qualità del servizio
    > offerto.

    beh.. visti i prezzi delle canzoni la cosa è opinabile a diversi livelli.. perfino le offerte speciali di itunes sono care confrontate con altri distributori.. praticamente il prezzo di una offerta speciale è parificato con le offerte NORMALI delle altre distribuzioni.. senza contare che molte altre distribuzioni mi consentono di ascoltare la canzone per intero prima dell'acquisto
  • - Scritto da: lordream
    > senza contare
    > che molte altre distribuzioni mi consentono di
    > ascoltare la canzone per intero prima
    > dell'acquisto

    Bello ! Poi fai un bel record dello streaming audio e non compri piu' niente scommetto. A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: nodo
    > - Scritto da: lordream
    > > senza contare
    > > che molte altre distribuzioni mi consentono di
    > > ascoltare la canzone per intero prima
    > > dell'acquisto
    >
    > Bello ! Poi fai un bel record dello streaming
    > audio e non compri piu' niente scommetto.
    >A bocca aperta


    col cavolo.. se scarico preferisco la iso intera.. in ogni caso la musica che mi piace la acquisto in formato cd o dvd e senza manco aprire la custodia la infilo in libreria.. solo se ci sta qualcosa per cui vale la pena aprirla la apro..
    non+autenticato
  • - Scritto da: lordream non ha voglia di leggere news
    > - Scritto da: nodo
    > > - Scritto da: lordream
    > > > senza contare
    > > > che molte altre distribuzioni mi consentono di
    > > > ascoltare la canzone per intero prima
    > > > dell'acquisto
    > >
    > > Bello ! Poi fai un bel record dello streaming
    > > audio e non compri piu' niente scommetto.
    > >A bocca aperta
    >
    >
    > col cavolo.. se scarico preferisco la iso
    > intera.. in ogni caso la musica che mi piace la
    > acquisto in formato cd o dvd e senza manco aprire
    > la custodia la infilo in libreria.. solo se ci
    > sta qualcosa per cui vale la pena aprirla la
    > apro..

    A volte dentro potresti trovare un CD se serve a sentire la musica che hai comprato...
    ruppolo
    33147
  • serve solo per collezione e niente altro..
  • ...solitamente è segno che della carogna è rimasto poco da spolpare, ma trattandosi di utenti Mac, c'è sempre parecchia polpa attaccata alle ossa.
    non+autenticato
  • Sinceramente invece di fare gli anti apple, bisogna vedere come siano gli unici ad aver ridimensionato un pò la cresta a questi dinosauri.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Sinceramente invece di fare gli anti apple,
    > bisogna vedere come siano gli unici ad aver
    > ridimensionato un pò la cresta a questi
    > dinosauri.

    eh.. un sacco.. se decidono di dire no ad itunes come credi si ritrova la piattaforma.. io penso notevolmente nella melma..
  • Con i soldi che si ritrova Apple in cassa si compra le 4 maggiori case discografiche ed il servizio iTunes é garantito.

    Finché si parla di ipotesi fantasiose ... fantastichiamo
    non+autenticato
  • Considerando la fetta che copre itunes e i soldi che ci hanno ricavato ne dubito fortemente.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sky
    > ...solitamente è segno che della carogna è
    > rimasto poco da spolpare, ma trattandosi di
    > utenti Mac, c'è sempre parecchia polpa attaccata
    > alle
    > ossa.

    beh certo, che vuoi spolpare da un PC user che si compra un netbook come computer e ci installa sopra photoshop craccato.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)