Mauro Vecchio

Se il web è di pubblico dominio

Un sito statunitense di cucina ripubblica arbitrariamente un articolo sull'antica preparazione della torta di mele. Dal web, si giustifica con l'autrice, può essere attinta qualunque cosa

Roma - Correva l'anno 2005. Sul sito di ricette Gode Cookery veniva pubblicato un articolo sulle antiche origini di uno dei più classici dolci della tradizione statunitense. A Tale of Two Tarts raccontava così di vari metodi medievali per la preparazione dell'ormai celeberrima apple pie, la torta di mele.

Il 2010 è ora agli sgoccioli. Un amico di Monica Gaudio - l'autrice di A Tale of Two Tarts - ha appena scovato online la ripubblicazione dell'articolo, su un altro sito di cucina chiamato Cook's Source. O meglio, sulla versione web dell'omonima rivista specializzata a stelle e strisce.

Ma c'è un piccolo problema: Monica Gaudio non ha mai sentito nominare una rivista chiamata Cook's Source. Soprattutto, non ha mai ricevuto alcuna proposta di pubblicazione da parte della sua redazione. L'articolo è stato però pubblicato, con tanto di modifiche rispetto alla versione originale di cinque anni prima.
L'autrice decide quindi di contattare via mail la redazione di Cook's Source, chiedendo innanzitutto spiegazioni. Monica Gaudio gradirebbe un post di scuse su Facebook - oltre che tra le pagine della rivista - insieme ad una donazione di 130 dollari alla Columbia School of Journalism. L'editor statunitense avrebbe dovuto in pratica pagare 10 centesimi di dollaro per ogni parola contenuta nell'articolo.

Nulla di tutto ciò è stato fatto da Cook's Source. "Francamente, Monica - si può leggere nel testo di una missiva elettronica poi ripubblicato da Gaudio sul suo blog - il web è da considerarsi di pubblico dominio. Dovrebbe invece essere contenta, dal momento che non abbiamo preso il suo articolo e messo la firma di un altro alla fine".

C'è di più. L'editor ha sottolineato come l'articolo iniziale fosse in condizioni davvero pessime, bisognoso di svariate correzioni. "Ora è decisamente migliore di prima - si può leggere nel testo - Andrà benissimo per il suo portfolio". A sorpresa, la rivista ha addirittura spiegato come la stessa Gaudio avrebbe dovuto pagare per tale opportunità.

Un assunto decisamente non gradito dalla valanga di utenti in blu che hanno ricoperto di insulti la rivista nella sua pagina Facebook ufficiale. Qualcuno propone: "Ho una ricetta sullo sterco di cavallo, che ne dite di rubare anche questa?". Tutto sarebbe possibile, se tutto quello che compare sul web fosse di pubblico dominio.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàCC, un marchio per il pubblico dominioUna C grigia attraversata da una striscia obliqua permetterà di individuare facilmente tutte quelle opere ormai liberate dalle restrizioni del copyright. Europeana promette un archivio imponente entro l'anno prossimo
63 Commenti alla Notizia Se il web è di pubblico dominio
Ordina
  • Come se non fosse cosa NORMALISSMA sul web che tutti rubano contenuti a tutti ....
    non+autenticato
  • In pratica una rivista a pagamento di cucina scopiazza un articolo sul web sostenendo che tutto cio' che e' sul web e' liberamente scopiazzabile...
    invece se un blog gratuito od un utente a titolo gratuito riproducono un articolo, una canzone un video...meritano una causa ed una multa da
    1,5 mld di dollari come la povera mamma Jamie, giusto ?
    Quindi se un giornale a pagamento scopiazza tutto il web...non e' un giornale di scopiazzatori...e' un giornale rispettabile di "professionisti dell'informazione" mentre se un privato riproduce un articolo a titolo gratuito per commentarlo...e' un pirata un ladro...ma stiamo scherzando ?
    La signora farebbe bene a fare causa al giornale a pagamento...se guadagni devi dare la percentuale all'autore...e se non guadagni devi essere libero di poter condividere quello che ti pare con chi vuoi....
    secondo me cosi' la cosa dovrebbe funzionare...basta con le tv commerciali e con i giornali commerciali che saccheggiano indisturbati gli articoli che trovano sul web...e basta con gli "integralisti del copyright" che vogliono applicare il copyright anche quando non c'e' alcun guadagno da parte di chi riproduce o condivide un'opera che magari ha leggittimamente acquistato....

    P.S.: Creative commons non vuol dire che potete sfruttare commercialmente un'opera dopo averla trafugata...perche' c'e' l'opzione NC che ne vieta l'utilizzo a scopo commerciale...si puo' condividere copiare l'opera ma a titolo gratuito e citando l'autore...Ecco perche' Creative Commons e' giusto e funzionale ed il Copyright e' anacronistico....
    non+autenticato
  • che l'editor di un giornale sostenga che tutto quello che e' online e' di pubblico dominio e' un insulto a chiunque sviluppa contenuti.

    come poi se io potessi scansionare il loro giornale e pubblicarlo online a gratis per tutti ... ?

    semplicemente vergognoso, e PI come al solito pubblica la notizia in un ottica che da' ragione al ladro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: pizza e fichi
    > che l'editor di un giornale sostenga che tutto
    > quello che e' online e' di pubblico dominio e' un
    > insulto a chiunque sviluppa
    > contenuti.

    Non è un insulto, però è una manifestazione di ignoranza in materia. Nella disciplina del copyright "pubblico dominio" significa una cosa ben precisa, che sicuramente non si applica all'articolo in questione.

    > come poi se io potessi scansionare il loro
    > giornale e pubblicarlo online a gratis per tutti
    > ... ?

    Infatti io questo avrei fatto.
    non+autenticato
  • quello che mi fa imbestialire e' che dalle parte delle forza dell'ordine non si muove una foglia in merito e considerano ste cose come reati minori da due soldi.

    di fatto vincono sempre i ladri, a meno che hai tempo per perdere un giorno alla polpost, fare denuncia, e andare dal giudice di pace mesi o anni dopo, sempre che ti paghino poi si intende perche' non c'e' garanzia, possono inventare mille altre scuse e andare avanti altri anni.

    nel frattempo tutti copiano con 1 click e via, tanto sanno che il rischio e' quasi zero.

    ma si ricordino i signori ladroni, che nel momento che i contenuti sono disponibili ovunque, anche i loro contenuti scopiazzati avranno di conseguenza valore prossimo allo zero, non stupiamoci se molti considerano di gran lunga piu' informativi blogs e forums di corriere o repubblica e che nessuno giustamente vuol pagare una piotta per giornali a pagamento che non fanno altro che scopiazzare a destra e a manca.
    non+autenticato
  • - Scritto da: pizza e fichi
    > quello che mi fa imbestialire e' che dalle parte
    > delle forza dell'ordine non si muove una foglia
    > in merito e considerano ste cose come reati
    > minori da due
    > soldi.

    e per fortuna è così. Ci mancherebbe che spendessimo soldi pubblici per rispettare il copyright di una copia *parziale* di un articolo su una ricetta per la torta di mele!
    Sarebbe follia pura anche solo perderci qualche ora "rimuginando".
    non+autenticato
  • copiano la ricetta della torta di mele ma per la pubblicita' nella pagina a fianco chiedono 1000 euro ai loro clienti, quindi non e' una cosa da due soldi.
    non+autenticato
  • Aletheia, avevi promesso che te ne andavi:

    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3022951&m=302...

    vergognati: neanche una settimana hai resistito!

    Credevi forse che cambiando nick non ti avremmo riconosciuto?
    non+autenticato
  • ho sentito dire che questo Aletheia e' morto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: pizza e fichi
    > ho sentito dire che questo Aletheia e' morto.

    Spero tanto che qualcuno abbia fotografato il cadavere.
  • - Scritto da: pizza e fichi
    > che l'editor di un giornale sostenga che tutto
    > quello che e' online e' di pubblico dominio e' un
    > insulto a chiunque sviluppa
    > contenuti.

    No, e' un insulto a chi pretende di farci la cresta sui contenuti.
    E quindi l'insulto lo merita tutto.

    > come poi se io potessi scansionare il loro
    > giornale e pubblicarlo online a gratis per tutti
    > ...

    Puoi farlo.
    Ma tanto lo fanno gia' loro e meglio, quindi perderesti solo il tuo tempo.

    > semplicemente vergognoso, e PI come al solito
    > pubblica la notizia in un ottica che da' ragione
    > al ladro.

    Eh gia', perche' adesso copiare e' come entrare nella redazione notte tempo e sottrarre le bozze degli articoli lasciando la redazione priva dei medesimi... ma va la' (come direbbe ghedini).
  • Ma dai, non lo riconosci? È Pepito!
    non+autenticato
  • anche Pepito ci ha lasciati da tempo.

    rest in peace, RIP.
    non+autenticato
  • Qualcuno spieghi a quel tizio di fessbuk che per rubare la ricetta della torta allo sterco di cavallo che gli piace cosi' tanto bisogna entrare in casa sua e portargliela via fisicamente!

    Tutto quello che compare sul web e' PUBBLICATO e come tale CONOSCIBILE e PROPAGABILE.

    L'importante e' indicare il nome dell'autore, se questo e' noto.

    Chi non vuole vedere le proprie opere sul web non deve fare altro che tenersele ben chiuse nel cassetto.
  • > Tutto quello che compare sul web e' PUBBLICATO e
    > come tale CONOSCIBILE e PROPAGABILE.
    >
    > L'importante e' indicare il nome dell'autore, se
    > questo e' noto.

    mi pare un po' limitata come visione: bisogna vedere a quali condizioni e con quale licenza è stata pubblicata la ricetta

    anche perché, se loro con quella ripubblicazione ci guadagnano, mi pare giusto che "contribuiscano" alla produzione; del resto non sono mica meri intermediari come YouTube...


    > Chi non vuole vedere le proprie opere sul web non
    > deve fare altro che tenersele ben chiuse nel
    > cassetto.

    anche questa mi pare una visione un po' limitata: io ho il diritto di pubblicare quello che voglio alle mie condizioni, fermo restando l'esistenza del diritto di citazione e di cronaca (ma non di ri-utilizzo contro la mia volontà)
    non+autenticato
  • riconosco cmq che la questione è secondo me molto complicata e andrebbe approfondita da una legislazione aggiornata e sensata, cosa che purtroppo il più delle volte non abbiamo
    non+autenticato
  • Secondo panda rossa esiste solo la licenza Creative Commons. Se esistesse solo quella, però in effetti ci sarebbe qualche complicazione in meno... o meglio è quando ci sono in mezzo i soldi che iniziano i problemi.
    Ho scritto la mia super ricetta, costatami anni di ricerche e innumerevoli camicie sudate, ovvero il mio (non molto) famoso "Uovo al tegamino di Saltapecchio". Ora è arrivata la prestigiosa rivista di cucina Torte di Mucca. Torte di Mucca ha letto per sbaglio il mio blog_che_nessuno_caga, ha preso la mia preziosa ricetta & frutto di innumerevoli fatiche, ha corretto qualche "typo" e l'ha pubblicata sulle sue pagine, specificando che è una ricetta di Saltapecchio. Wow! Sono famoso! Mi sento onorato.
    E se invece ci mettevano il nome di qualcun altro? Bastardi figli di una mucca che si fanno belli (e intascano) col lavoro altrui!
    E se invece l'uovo al tegamino di Saltapecchio portava nel mio sito orde di visitatori, tanti click e quindi pecunia? Ehy, ora cliccano la pubblicità su Torte di Mucca, non sul mio sito, non vale! Era sotto licenza CCCTLD (col cacchio che te la do) e questi marrani se ne sono fregati! E ora fanno carrettate di soldi con la mia ricetta!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Saltapecchi o

    > E se invece ci mettevano il nome di qualcun
    > altro? Bastardi figli di una mucca che si fanno
    > belli (e intascano) col lavoro
    > altrui!

    E' per questo che esistono i DDoS: per punire chi toglie il nome dell'autore.

    > E se invece l'uovo al tegamino di Saltapecchio
    > portava nel mio sito orde di visitatori, tanti
    > click e quindi pecunia? Ehy, ora cliccano la
    > pubblicità su Torte di Mucca, non sul mio sito,
    > non vale! Era sotto licenza CCCTLD (col cacchio
    > che te la do) e questi marrani se ne sono
    > fregati! E ora fanno carrettate di soldi con la
    > mia ricetta!

    Se tu non ne avessi fatta una questione di soldi, il problema non si poneva. Se ti poni il problema del click sul banner allora anche tu stai facendone una questione di soldi.
    (Senza contare che tanto con ADBlock non si vede ne' il tuo banner ne' il banner di quell'altro che ha copiato la tua ricetta sul suo sito).
  • mabbasta ... tu devi avere 13 anni, non posso credere che credi a quel che scrivi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: pizza e fichi
    > mabbasta ... tu devi avere 13 anni, non posso
    > credere che credi a quel che
    > scrivi.

    Io invece non posso credere a quello che scrivi tu, e l'ho anche detto, una settimana fa:

    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3022951&m=302...

    E, a quanto vedo, ho avuto ragione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > - Scritto da: pizza e fichi
    > > mabbasta ... tu devi avere 13 anni, non posso
    > > credere che credi a quel che
    > > scrivi.
    >
    > Io invece non posso credere a quello che scrivi
    > tu, e l'ho anche detto, una settimana
    > fa:
    >
    > http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3022951&m=302
    >
    > E, a quanto vedo, ho avuto ragione.

    Tante demenzie in così poche righe.
    Mamma mia che mal di testa. Devo smettarla di leggere PI... Devo trovarmi un altro quotidiano.

    P.S.: Toglimi una curiosità colega: quanti anni hai?
    non+autenticato
  • Tutto sto blabottare mi ha fatto perdere segno. Portate pazienza ragazzi ho commentato post sbagliato.
    non+autenticato
  • gia', piccolo particolare :

    la licenza CC e' campata in aria nel momento che nessuno l'ha
    ancora testata in tribunale !

    ricordo un caso con la Virgin Airlines, ma li han condannati perche' mancava la model release, non perche' la foto era in CC.
    non+autenticato
  • I lardi di ricette potrebbero devolvere 2 milioni di dollari a mamma p2p, basta che lo dica la giuria.
    non+autenticato