Claudio Tamburrino

Tablet per studiare, ma anche Kno

Annunciati i due modelli prodotti dalla startup che vuole portare i tablet all'università. Con uno o due schermi

Roma - La startup che punta a ritagliare un tablet su misura degli studenti, Kno, ha preparato i suoi due primi prodotti: uno a schermo singolo e uno con doppio schermo da 14,1 pollici.

Accanto ai due modelli (entrambi con case in alluminio, chip Tegra 2 e 16 GB di hard disk e OS Linux), che ha annunciato pronti per arrivare sul mercato entro la fine dell'anno, l'azienda metterà a disposizione accessori ad essi dedicati (custodie e leggii).

Il suo fondatore e CEO, Osam Rashid (già uomo di Chegg, sorta di Netflix per i testi scolastici) è riuscito a sviluppare i due prodotti che aveva promesso con costi inferiori a quelli che aveva paventato in un primo momento, con una soglia fissata a 1000 dollari: 599 dollari per quello a schermo singolo, 899 per quello doppio. Anche nel caso dello schermo singolo, dunque, 100 dollari in più di iPad. Ma Rashid chiede di essere comparato tenendo conto dei costi dei libri di testo e del risparmio che questo aspetto permetterebbe.
Il problema di costo del semplice dispositivo deriva dalla grande dimensione dello schermo (se non addirittura due per il secondo modello) adottato per garantire la massima leggibilità di manuali di testo e altri tomi universitari e da studio.

Particolarità del prodotto è anche che inizialmente la distribuzione sarà limitata ai college, anzi in particolare indirizzata solo a dieci campus universitari statunitensi, con i preordini accettati solo limitatamente.

Per il mercato universitario, fra i lati positivi del prodotto, il fatto che la precedente azienda del fondatore Rashid permette di offrire attraverso Kno bookstore una buona offerta di libri di testo digitali (afferma di averne più di 10mila compresi i materiali di supporto).

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
25 Commenti alla Notizia Tablet per studiare, ma anche Kno
Ordina
  • Fare concorrenza alla Apple con prodotti più cari della Apple stessa! L'utonto medio potrebbe pensare che siccome costa di più, è anche migliore!
    Signori ... potrebbe funzionare!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ho letto e approvato la policy
    > Fare concorrenza alla Apple con prodotti più cari
    > della Apple stessa!

    Si, questo lo avevo pensato anche io.. Sorride
    Del resto il Samsung Galaxy è sulla stessa idea
    (vabbè, sarà un superamoled ecc. ecc. ecc., ma è anche un 7")

    > L'utonto medio potrebbe
    > pensare che siccome costa di più, è anche
    > migliore!

    Per la verità pensano di venderlo "in esclusiva" ad alcuni campus universitari, non dovrebbero essere proprio utonti Sorride
    Probabilmente è "l'ecosistema" intorno al prodotto che dovrebbe invogliarlo: "forse" hanno preso l'esclusiva di certi testi universitari, e/o forse ci saranno una serie di "app" specifiche per quel tipo di utilizzo. Forse...
    non+autenticato
  • E' un LCD? Cioè, vogliono distribuire libri universitari con schermi retroilluminati LCD? E' prevista anche una convenzione con reparti di oculistica?... o magari una tessera scontata dell'Associazione Ciechi?... Triste
    non+autenticato
  • quoto, non so in che mondo vivono, ma io che faccio informatica come università( e quindi dovrei essere un ultrageek) sono ancora ancorato al libro cartaceo.
    Ma dare la possibilità di disattivare la retroilluminazione (come nel vetusto gameboy advance sp)?è una cosa difficile da applicare? tanto cmq un libro lo devi leggere alla stessa luce di uno schermo non retroilluminato..
    non+autenticato
  • - Scritto da: Osvy
    > E' un LCD? Cioè, vogliono distribuire libri
    > universitari con schermi retroilluminati LCD? E'
    > prevista anche una convenzione con reparti di
    > oculistica?... o magari una tessera scontata
    > dell'Associazione Ciechi?...
    > Triste

    Non c'è nessuna fonte scientifica dove risulti che gli LCD facciano più male agli occhi degli schermi e-ink. E comunque per legge chi lavora ai VDT deve riposare la vista 10' ogni 2 ore (mi pare).

    Infine in ambiente chiuso è ben più comodo uno schermo retroilluminato di uno che necessita una fonte di luce esterna, almeno puoi avere sempre l'illuminazione e il contrasto ottimale. Invece con la l'e-ink e anche CON LA CARTA non sempre è possibile e, in quel caso sì, sforzi più la vista.

    Insomma la tua è una demonizzazione stupida e priva di ogni fondamento.
    L'unico svantaggio reale degli LCD rispetto agli eink è che consumano molto di più la batteria.
    non+autenticato
  • mah...secondo me non hai mai letto in vita tua.....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Uno
    > mah...secondo me non hai mai letto in vita
    > tua.....

    Ti chiedo scusa, ho pasticciato nel quoting su MacBoy Sorride
    non+autenticato
  • Beh mi permetto di argomentare a favore di Osvy con la seguente osservazione:

    Uno schermo LCD DEVE fare refresh anche se l'immagine non cambia, uno schermo e-ink NO.
    Ergo, quando leggi da uno schermo LCD, è come se fossi esposto ad una luce stroboscopica...Trai le tue conclusioni...
  • Forse sei rimasto ai CRT...
    "LCD refresh rate has a different meaning. In case of LCD, the image is not refreshed (there is no black screen, as in CRT monitors). The image is only checked for update to a new displayed image. The frequency of this check is the refresh rate. For example in a static image there is no refresh at all. Because there is no flicker effect, LCD monitors are better for human eyes."

    La retroilluminazione è costante, ma è vero che...

    "To prevent polarisation (and rapid permanent damage) of the liquid crystal material, the polarity of the cell voltage is reversed on alternate video frames. Unfortunately it is very difficult to get exactly the same voltage on the cell in both polarities, so the pixel-cell brightness will tend to flicker to some extent at half the frame-rate"

    Quindi è possibile un certo flicker, immagino sopratutto in pannelli economici, ma considera che l'articolo di cui sopra è di 7 anni fà e progressi ne sono stati fatti.
    Sta di fatto che con la tecnologia attuale il problema che citi, almeno su prodotti di qualità come iPad il nuovo ereader Barnes & Nobles, non dovrebbe esistere.

    Qui c'è una lettura interessante a riguardo: http://asia.cnet.com/reviews/notebooks/0,39050495,...
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacBoy

    > Qui c'è una lettura interessante a riguardo:
    > http://asia.cnet.com/reviews/notebooks/0,39050495,

    ehm, inglese... un sunto in breve? Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Osvy
    > - Scritto da: MacBoy
    >
    > > Qui c'è una lettura interessante a riguardo:
    > >
    > http://asia.cnet.com/reviews/notebooks/0,39050495,
    >
    > ehm, inglese... un sunto in breve? Sorride

    Usa http://translate.google.it/
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacBoy

    > Non c'è nessuna fonte scientifica dove risulti
    > che gli LCD facciano più male agli occhi degli
    > schermi e-ink.

    - Scritto da: Uno
    > mah...secondo me non hai mai letto in vita tua.....

    Che la tecnologia e-ink sia idonea alla LETTURA CONTINUATA e quella LCD no, lo dicono fior di fonti. Una per tutti il sito di riferimento italiano per gli e-book che ritengo sia simplicissimus.
    Però l'esperienza conta più delle chiacchiere. Quindi secondo la tua si può sostituire un libro universitario con un LCD?

    > E comunque per legge chi lavora ai
    > VDT deve riposare la vista 10' ogni 2 ore (mi
    > pare).

    Non stiamo parlando di lavorare. Si parla di leggere.
    Dove lavoro io dobbiamo solo esaminare documenti, ma non ci sognamo di farlo a video se non per brevi pezzi, invece li stampiamo (ovviamente l'uilluminazione degli ambienti è a norma, non lavoriamo in cantina).
    saluti

    > Infine in ambiente chiuso è ben più comodo uno
    > schermo retroilluminato di uno che necessita una
    > fonte di luce esterna, almeno puoi avere sempre
    > l'illuminazione e il contrasto ottimale. Invece
    > con la l'e-ink e anche CON LA CARTA non sempre è
    > possibile e, in quel caso sì, sforzi più la
    > vista.
    >
    > Insomma la tua è una demonizzazione stupida e
    > priva di ogni fondamento.

    Salvo quella di chi legge... hai fonti da citare oltre la tua???...
    oh, non mi dire Jobs...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Osvy
    > > E comunque per legge chi lavora ai
    > > VDT deve riposare la vista 10' ogni 2 ore (mi
    > > pare).
    >
    > Non stiamo parlando di lavorare. Si parla di
    > leggere.

    E' la stessa cosa. Il motivo della necessità del riposo è perchè mettere a fuoco ad una distanza ravvicinata comporta l'attività dei muscoli degli occhi, indipendentemente se leggi carta o uno schermo. La posizione del fuoco degli occhi "a riposo" è infinito.

    > Dove lavoro io dobbiamo solo esaminare documenti,
    > ma non ci sognamo di farlo a video se non per
    > brevi pezzi, invece li stampiamo (ovviamente
    > l'uilluminazione degli ambienti è a norma, non
    > lavoriamo in cantina).

    Anche io preferisco stampare se devo studiare, ma più che altro perchè è più comodo sottolineare, girare le pagine, vederne più insieme, ecc. E comunque in altri casi leggere a video va benissimo.
    Ma dire che i LCD stancano la vista è una stron*ata.
    Trovami una fonte SCIENTIFICA che lo dice.
    non+autenticato
  • "Particolarità del prodotto è anche che inizialmente la distribuzione sarà limitata ai college, anzi in particolare indirizzata solo a dieci campus universitari statunitensi, con i preordini accettati solo limitatamente".

    Perbacco, non gli fosse toccata la sfortuna di venderli anche fuori di lì... Sorride bah
    non+autenticato
  • No, in questo modo creano una visione elitaria del prodotto. Allora l'utonto medio è maggiormente attratto nel comprarlo perchè pensa che quello che scarseggia è anche più prezioso. Ne vendono pochi e a prezzi più cari della concorrenza.
    Pensaci bene ... potrebbe funzionare! Il KNO sarà il nuovo oggetto di culto delle masse. Certo che per completare il quadro, ci vorrebbe un CEO uscito dal nulla e che ha fatto uno sfracasso di soldi solo con le sue uniche forze. Sì, una figura in cui l'utonto possa identificarsi.

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Ma su questo aspetto c'è ancora da lavorare. Steve è più figo, più personaggio, ormai è entrato nell'immaginario collettivo al pari di topolino.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Jacopo Monegato
    > per studiare

    Prevedono un tempo massimo di studio pari a 10 minuti / giorno?
    non+autenticato
  • non so la pubblicità di glandi sqvole era sempre la stessa, anche se avevano aggiunto un'ultima scena: "ti regaliamo anche un ipad per studiare"
    non+autenticato
  • - Scritto da: Jacopo Monegato
    > non so la pubblicità di glandi sqvole era sempre
    > la stessa, anche se avevano aggiunto un'ultima
    > scena: "ti regaliamo anche un ipad per
    > studiare"

    Quanto chiedono di retta?Occhiolino
    Funz
    12980