Alfonso Maruccia

NVIDIA abbandona i chipset, scommette su Tegra

Il CEO rivela: NVIDIA uscirà gradualmente dal business dei chipset e si dedicherà ai SoC. La società punta sui tablet e sul fatto che la concorrenza a iPad spazzerà via il gadget di Apple

Roma - Il futuro dei chipset NVIDIA è segnato: la società californiana non realizzerà nuovi componenti integrati per motherboard x86, ha detto il CEO Jen-Hsun Huang, rifocalizzando piuttosto le proprie forze sulle tecnologie "system-on-a-chip" (SoC) e nella fattispecie su Tegra. Huang parla a margine dei risultati finanziari del terzo trimestre dell'anno fiscale, e giustifica la scelta di uscire dal business dei chipset con la riduzione della sua quote di mercato.

Una riduzione che deriva in maniera diretta - è lo stesso Huang a spiegarlo - dalla scarsa volontà di NVIDIA di espandere la propria presenza nel settore. "Non stiamo realizzando nessun nuovo chipset - dice il CEO di NVIDIA - ora stiamo sviluppando sistemi SoC. Stiamo realizzando SoC basati su Tegra, potremo così portare l'integrazione a un nuovo livello".

L'abbandono del mercato chipset da parte di NVIDIA si spiega non solo con il fatto che il business non vola ma anche a causa della rottura con Intel e il relativo contenzioso legale, anche se dovrebbe trattarsi di un abbandono graduale: NVIDIA continuerà a vendere chipset per processori (CPU, APU) AMD per tutto il prossimo anno, dice Huang, mentre Apple continuerà a implementare il chipset MCP89 per CPU Intel nei suoi sistemi ancora "per un po' di tempo". "Quanto non ve lo so dire" ha dichiarato Huang agli analisti.
Gli sforzi di ingegnerizzazione della casa californiana si sono dunque spostati dai chipset ai sistemi SoC e Tegra, e Huang prevede che la sua tecnologia popolerà un gran numero di tablet di qui ai prossimi mesi e anni. Il CEO di NVIDIA ammette che i lavoro di sviluppo "si sono protratti più a lungo di quanto ci aspettassimo", ma sistemi tablet in grado di competere ad armi pari con iPad hanno bisogno di uno sforzo di design che non si limiti alla semplice scelta di un chip e di un sistema operativo da farci girare sopra.

Nel terzo trimestre dell'anno fiscale, il business Tegra ha fruttato a NVIDIA 51,9 milioni di dollari sugli oltre 840 milioni totali, ma la società scommette sul futuro della piattaforma, sulla proliferazione dei tablet e sul fatto che Tegra stessa si evolverà a ritmi regolari alla stessa maniera delle GPU GeForce-Tesla: come già anticipato in passato, NVIDIA prevede di rilasciare una nuova architettura SoC ogni anno.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaNvidia: Intel ci ostracizza le GPUUn dirigente ha dichiarato che Santa Clara sta impedendo agli utenti di usare le GPU integrate prodotte dalla sua azienda. Tutte strategie per risolvere il contenzioso in corso in tribunale?
  • TecnologiaNVIDIA, c'è vita dopo FermiIl produttore californiano di chip discreti per la grafica e il GPU Computing svela i primi, radi dettagli sulle sue prossime linee di prodotto. Si parla di una nuova architettura ogni 2 anni e codice CUDA su chip x86
14 Commenti alla Notizia NVIDIA abbandona i chipset, scommette su Tegra
Ordina
  • Mi sembra una scommessa azzardata, non solo deve sperare nel successo dei tablet, ma dovrà affrontare la concorrenza di Fusion
    guast
    1319
  • Un'implicita (ma neanche tanto) ammissione di sconfitta sul mercato desktop/notebook. Evidentemente non era più possibile reggere contro colossi come Intel e AMD, specie ora che Intel si è messa in testa di utilizzare le proprie CPU integrate.
    Peccato perché a perdere saranno i consumatori (noi).

    Mi lascia poi perplesso buttarsi così sui tablet, anche solo ritagliarsi una fetta di mercato sarà durissimo, senza contare che a un certo punto la gente potrebbe anche accorgersi che si tratta di oggetti in buona parte inutili.
    non+autenticato
  • Si è una resa, ma ricordati che Intel gli ha chiuso di colpo la porta in faccia.
    Non si tratta di una resa per questioni di costi qualità, ma solo di apertura della piattaforma hardware.
    guast
    1319
  • - Scritto da: guast
    > Si è una resa, ma ricordati che Intel gli ha
    > chiuso di colpo la porta in
    > faccia.
    > Non si tratta di una resa per questioni di costi
    > qualità, ma solo di apertura della piattaforma
    > hardware.

    Gettarsi in un mercato come quello dei tablet che per ora si regge solo sul clamore mediatico ottenuto dall'iPad, sembra un movimento da acqua alla gola.
    Anche la mossa Intel è stata a suo tempo azzardata, nVidia sarebbe stato un buon partner visto che intedono puntare sulla fusione fra CPU e GPU.
    non+autenticato
  • Intel gli ha chiuso la porta in faccia perchè nvidia si era messa in testa di fare concorrenza a intel stessa con l'obiettivo di annientarla...
    http://punto-informatico.it/2269652/PI/News/nvidia...
    col senno di poi ecco come è andata a finire...
    non+autenticato
  • - Scritto da: ces
    > Un'implicita (ma neanche tanto) ammissione di
    > sconfitta sul mercato desktop/notebook.
    > Evidentemente non era più possibile reggere
    > contro colossi come Intel e AMD, specie ora che
    > Intel si è messa in testa di utilizzare le
    > proprie CPU
    > integrate.
    > Peccato perché a perdere saranno i consumatori
    > (noi).
    Be' sui chipset nvidia non è mai stata in grado di competere veramente con i colossi, anche se ha fatto buone cose. Diverso è il discorso GPU dove è uno dei due leader indiscussi del mercato. Ma non mi pare di aver letto che Nvidia abbia intenzione di uscire dal mercato delle GPU

    > Mi lascia poi perplesso buttarsi così sui tablet,
    > anche solo ritagliarsi una fetta di mercato sarà
    > durissimo, senza contare che a un certo punto la
    > gente potrebbe anche accorgersi che si tratta di
    > oggetti in buona parte
    > inutili.

    Straquoto.
  • - Scritto da: W.O.P.R.
    > - Scritto da: ces
    > > Un'implicita (ma neanche tanto) ammissione di
    > > sconfitta sul mercato desktop/notebook.
    > > Evidentemente non era più possibile reggere
    > > contro colossi come Intel e AMD, specie ora che
    > > Intel si è messa in testa di utilizzare le
    > > proprie CPU
    > > integrate.
    > > Peccato perché a perdere saranno i consumatori
    > > (noi).
    > Be' sui chipset nvidia non è mai stata in grado
    > di competere veramente con i colossi, anche se ha
    > fatto buone cose. Diverso è il discorso GPU dove
    > è uno dei due leader indiscussi del mercato. Ma
    > non mi pare di aver letto che Nvidia abbia
    > intenzione di uscire dal mercato delle
    > GPU

    Suppongo di no se non vogliono fallireA bocca aperta
    Però verranno tagliati fuori dal mercato delle CPU/GPU ovvero buona parte del mercato netbook/notebook e PC del futuro (la fascia bassa e medio-bassa).

    > > Mi lascia poi perplesso buttarsi così sui
    > tablet,
    > > anche solo ritagliarsi una fetta di mercato sarà
    > > durissimo, senza contare che a un certo punto la
    > > gente potrebbe anche accorgersi che si tratta di
    > > oggetti in buona parte
    > > inutili.
    >
    > Straquoto.
    non+autenticato
  • > Be' sui chipset nvidia non è mai stata in grado
    > di competere veramente con i colossi, anche se ha
    > fatto buone cose.

    Chi produce, oltre a Intel stessa (con risultati penosi) chipset integrati per i processori Intel? Che io sappia (e potrei sbagliarmi) solo nVidia, visto che ATI non ne costruisce più dopo essere stata acquisita da AMD (logicamente, fra l'altro). Una piattaforma come quasi tutti i portatili dai 13" pollici in giù, che spesso non hanno spazio per una scheda grafica discreta, quali alternativa hanno se vogliono montare un'integrata decente con un processore Intel?
    pippuz
    1260
  • Forse leggo distrattamente, ma nell'intervista originale a Huang non trovo dove si affermi che i nuovi tablet "spazzeranno via il gadget di Apple".
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paolo T.
    > Forse leggo distrattamente, ma nell'intervista
    > originale a Huang non trovo dove si affermi che i
    > nuovi tablet "spazzeranno via il gadget di
    > Apple".
    E va beh, quello serve ad accendere i flame, attirare i troll e gli apple lovers o haters e generare contatti...
  • Grande giornalismo, insomma.
    non+autenticato
  • Più che distrattamente ti sei fermato al sottotitolo.
    Molti qui scrivono dopo avere letto il solo titolo, che spesso più che attinenza col contenuto, ce l'ha con la possibilità di accendere una bella discussione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rover
    > Più che distrattamente ti sei fermato al
    > sottotitolo.
    > Molti qui scrivono dopo avere letto il solo
    > titolo, che spesso più che attinenza col
    > contenuto, ce l'ha con la possibilità di
    > accendere una bella
    > discussione.
    intesa come lite...
    non+autenticato
  • l'importante e' che se ne parliOcchiolino

    che brutto titolo cmq
    ma pagano un tot ad ogni messaggio?
    piu' un bonus per menzione marchio/modello?
    mah
    non+autenticato