Giuda, il sito che non tradisce

Punto Informatico ha visitato in esclusiva il sito satirico oggi al via che sfida tutti gli altri spazi "di settore". Ecco come

Web (internet) - Giuda è una piacevole sorpresa. Volutamente saccente, a tratti antipatico ma sempre divertente, questo sito satirico umoristico è, secondo i suoi giovani autori, "un ricettacolo di filosofia e scienze deviate il cui obiettivo è l'elevazione intellettuale del lettore" e "un giornale satirico didascalico assai pungente".

Sul sito, aperto proprio oggi e visto in esclusiva da Punto Informatico, campeggia da settimane un monoscopio con la scritta: "Presto tutto avrà un senso. Giuda è tornato", cosa che ha inevitabilmente suscitato la curiosità di diverse persone. In realtà altro non era se non una tecnica pubblicitaria abbastanza singolare, probabilmente studiata a tavolino dal folto gruppo di universitari che compongono la redazione. Ciò che ci ha colpito in Giuda è la maturità e l'organizzazione che ne traspare.

La grafica è limpida, leggera e funzionale anche se occorre un 17 pollici per gustarla appieno, mentre il sito è strutturato in aree tematiche molto chiare. Nell'area "Attualità" si trovano editoriali, articoli satirici e invettive, in una sorta di forte offensiva contro il mondo dell'informazione e, in particolare, contro la televisione.
Nell'area "Cultura" campeggiano finti trattati di pseudo dottori dietro i quali gli autori si dilettano nel sostenere tesi assurde e provocatorie. Esistono poi altre due aree: "Furor di popolo" dove si possono inventare e votare i videogiochi del prossimo millennio (segnaliamo il "Simulatore di scooter" in prima posizione) e, infine, "Fenomeni" dove si trovano le storie di "quei personaggi folli o dementi e quelle iniziative geniali che sono nati e vivono solo sul web, veri e propri pezzi di storia della rete italiana" tra cui la "vera storia di Luca Antonini".

Raggiunti via email da Punto Informatico, gli ideatori del sito hanno rivelato, con un velato sorriso elettronico, che il loro obiettivo è: "Monopolizzare totalmente il mercato dell'umorismo telematico italiano"... Non potevamo aspettarci di meno da studenti che si spacciano per celeberrimi professori. Ci è piaciuto Giuda, una ventata di originalità nella rete italiana. Come direbbero gli autori "Giuda è tornato".

Giuda è all'http://www.giuda.com.

La redazione
TAG: italia