Roberto Pulito

Panasonic Jungle, i primi test

L'ambiziosa console portatile dedicata all'online esce parzialmente allo scoperto. Iniziano le prove su strada ma prezzo e data d'uscita restano avvolti nel mistero

Roma - Dopo l'annuncio a sorpresa dello scorso ottobre, la console Jungle prodotta da Panasonic inizia a muovere i primi passi. La casa di Osaka ha appena inviato una email a tutti gli utenti (statunitensi) registrati sul sito "Welcome to the jungle", per far sapere che tra poco inizierà una approfondita fase test. Come noto, l'handheld Panasonic punta a ritagliarsi uno spazio proprio e scommette tutto sul gioco online tascabile.

A quanto sembra, il piccolo device a forma di conchiglia sarà dedicato prevalentemente ai MMORPG, i giochi di ruolo di massa stile World of Warcraft. Dietro alla gestione dei servizi offerti dal Jungle c'è infatti Panasonic Cloud Entertainment Company, nuova divisione dell'azienda focalizzata su prodotti, servizi e contenuti per il gioco online, social networking, e altre forme emergenti di intrattenimento basate sul web.

Il nuovo comunicato spedito alla mailing list sottolinea le differenze tra il Jungle e le attuali proposte della concorrenza. Differenze che Panasonic dovrà tradurre in pregi esclusivi, per
convincere gli amanti dei videogiochi ad acquistare l'ennesimo device tascabile e tornare a testa alta in un business che è arrivato a smuovere 20 miliardi di dollari l'anno, solo negli Stati Uniti.

Ad oggi molte delle specifiche tecniche del Jungle restano coperte dal mistero (soprattutto riguardo un eventuale supporto alla connessione in 3G). Tastiera QWERTY, d-pad sensibile al tocco, WiFi, porta mini HDMI e mini USB sono invece confermati, già dallo scorso Ceatec. Ma Panasonic non ha ancora rivelato al mondo la data d'uscita della console e neppure il suo prezzo di listino.

Roberto Pulito
Notizie collegate
5 Commenti alla Notizia Panasonic Jungle, i primi test
Ordina