Roberto Pulito

Le nuove regole dei negozi Google

L'App Store dedicato a Chrome OS pone un limite di 10MB per ogni applicazioni ospitata, mentre il nuovo Android Market ridurrà a 15 minuti il diritto di recesso post-acquisto

Roma - A quanto sembra, il market per applicazioni incentrato su Chrome è partito col freno a mano tirato. Per il momento, infatti, Google ha scelto di fissare a 10 MB il limite delle applicazioni scaricabili. Molto probabilmente, più avanti, questo valore massimo verrà rimosso ma attualmente nessuna delle 500 app disponibili può pesare più di così.

Al momento, le software house che intendano mandare un prodotto in approvazione possono solo limitarsi ad aggirare il problema con lo stratagemma utilizzato già in altri marketplace, e rilasciare leggerissimi programmi "hosted", che lavorano con una connessione persistente, pescando le informazioni da un server.

Google ha creato un sistema operativo web based che è pensato proprio per i notebook ma il fatto di dipendere dalla connessione, nel caso di applicazione da scaricare "a rate", potrebbe far storcere il naso a qualcuno. Dalle parti di Mountain View dovranno impegnarsi parecchio per mantenere la promessa di non limitare Chrome OS ad un utilizzo esclusivamente online.
Nel frattempo, Google ha dato una svecchiata anche al look e alle regole dell'Android Market.
L'aggiornamento in arrivo permetterà di scorrere gli elementi in stile cover flow, segnalerà il rating del prodotto, metterà in primo piano un paio di categorie (Widget e Live Wallpaper) ma sarà molto meno permissivo per quanto riguarda il diritto di recesso. Il tempo entro il quale si può chiedere il rimborso dell'app scaricata passerà infatti da 24 ore a 15 minuti. In questo caso però, il limite di ogni singolo file ospitato nello shop salirà a 50MB.

Roberto Pulito
Notizie collegate
  • BusinessCentomila candeline per AndroidCresce il Marketplace, il numero delle applicazioni supera i cinque zeri. La sfida con iOS si gioca ora sulla qualità delle app offerte
  • TecnologiaGoogle Chrome OS, lancio di provaAvviato un programma pilota per mettere in mano ad appassionati e sviluppatori i primi dispositivi con il sistema operativo Web-based di Google. Arriverà davvero sul mercato l'anno prossimo
9 Commenti alla Notizia Le nuove regole dei negozi Google
Ordina
  • ... neanche il tempo di provare bene l'applicazione

    bastera' fare giochini con il primo livello fatto estremamente bene e lasciare perdere la longevita' del gioco, tanto in 15 minuti non si riuscira' a comprendere la fregaturaSorride
    .. o ci si affidera' ai commenti di chi l'ha gia' comprata
    non+autenticato
  • Vero però va considerato anche che:
    - Su AppStore non hai neanche i 15 minuti.
    - Prima era 24 ore: non mi stupirei se moltissimi dopo aver scaricato magari posticipano la decisione e poi dimenticandosene fanno passare le 24 ore. Magari con 15 minuti uno scarica quando ha modo di verificare l'app.

    Chissà poi se dopo averla acquistata e annullata, è possibile ripetere la procedura.
    non+autenticato
  • - Scritto da: chrjs

    > - Prima era 24 ore: non mi stupirei se moltissimi
    > dopo aver scaricato magari posticipano la
    > decisione e poi dimenticandosene fanno passare le
    > 24 ore. Magari con 15 minuti uno scarica quando
    > ha modo di verificare l'app.

    Lo hanno fatto perche` hanno visto che la maggior parte chiedeva il rimborso dopo 5-10 minuti, e, presumo io, per ridurre al minimo il tempo per il "cracking" dell'applicazione (scarica, copia l'apk, richiedi il rimborso = applicazione gratis). Unito al nuovo sistema di autenticazione tramite chiavi sul Market, in 15 minuti non c'e` tempo per traccare la connessione, cercare di craccare l'algoritmo e patchare l'applicazione nel modo corretto, mentre prima con 24 ore di tempo ce la si poteva fare.

    > Chissà poi se dopo averla acquistata e annullata,
    > è possibile ripetere la
    > procedura.

    No. Se compri, richiedi il rimborso e poi ricompri non puoi piu` chiedere il rimborso. Forse viene sbloccato il rimborso quando cambia la versione del software scaricato, ma non ho mai provato.

    Bye.
    Shu
    1232
  • - Scritto da: chrjs
    >
    > - Su AppStore non hai neanche i 15 minuti.

    ma che minchia dici
    non+autenticato
  • Estratto da contratto Apple.
    TERMINI E CONDIZIONI

    12. DIRITTO DI RECESSO E CONSEGNA DEI PRODOTTI; RIMBORSO.

    a. Lei ha il diritto di recedere dagli acquisti effettuati, senza alcuna penale e senza dover fornire alcuna giustificazione, entro e non oltre il momento iniziale di consegna dei Prodotti. Lei non ha il diritto di recedere dalla transazione una volta che la consegna del Prodotto e’ iniziata. Il servizio di App Store ha inizio immediatamente nel momento in cui lei inizia a scaricare i Prodotti da App Store e lei non avrà diritto di recedere dal suo contratto una volta che il servizio ha avuto inizio. Tutte le transazioni sono definitive.

    Leggere i contratti no?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Osso
    > Estratto da contratto Apple.
    > TERMINI E CONDIZIONI
    >
    > 12. DIRITTO DI RECESSO E CONSEGNA DEI PRODOTTI;
    > RIMBORSO.
    >
    > a. Lei ha il diritto di recedere dagli acquisti
    > effettuati, senza alcuna penale e senza dover
    > fornire alcuna giustificazione, entro e non oltre
    > il momento iniziale di consegna dei Prodotti. Lei
    > non ha il diritto di recedere dalla transazione
    > una volta che la consegna del Prodotto e’
    > iniziata. Il servizio di App Store ha inizio
    > immediatamente nel momento in cui lei inizia a
    > scaricare i Prodotti da App Store e lei non avrà
    > diritto di recedere dal suo contratto una volta
    > che il servizio ha avuto inizio. Tutte le
    > transazioni sono
    > definitive.
    >
    > Leggere i contratti no?

    Si, ma poi dipende.
    A me hanno rimborsato due applicazioni e nessuno mi ha mai rimosso le app che avevo comprato erroneamente.
    Ovvio che se lo fai ogni giorno, non ti rimborsano più niente.

    Per quanto riguarda il provare le apps, esistono le versioni lite che non scadono mai.
  • Io mi sono limitato a far notare a bertuccia che il contratto è chiaro, se poi fanno eccezioni è nel loro diritto, ma comunque il contratto che si accetta dice che non hai diritto al rimborso dal momento che inizi a scaricare l'App quindi non hai nessun periodo di prova, per quanto riguarda le versioni lite non esistono per tutte le App, per cui alcune le potrai provare con funzioni ridotte altre le dovrai comprare a scatola chiusa, quindi la situazione rispetto a Google è diversa.
    Tutto qui.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Osso
    > Io mi sono limitato a far notare a bertuccia che
    > il contratto è chiaro, se poi fanno eccezioni è
    > nel loro diritto, ma comunque il contratto che si
    > accetta dice che non hai diritto al rimborso dal
    > momento che inizi a scaricare l'App quindi non
    > hai nessun periodo di prova, per quanto riguarda
    > le versioni lite non esistono per tutte le App,
    > per cui alcune le potrai provare con funzioni
    > ridotte altre le dovrai comprare a scatola
    > chiusa, quindi la situazione rispetto a Google è
    > diversa.
    > Tutto qui.

    Si si, certo.
    Era solo per far notare che le "regole di ferro" di Apple, non sono poi tanto rigide come si vuole far sembrare.
  • - Scritto da: chrjs
    > Vero però va considerato anche che:
    > - Su AppStore non hai neanche i 15 minuti.
    > - Prima era 24 ore: non mi stupirei se moltissimi
    > dopo aver scaricato magari posticipano la
    > decisione e poi dimenticandosene fanno passare le
    > 24 ore. Magari con 15 minuti uno scarica quando
    > ha modo di verificare l'app.
    >

    Adesso la vogliamo far passare come feature ?
    non+autenticato