Mega accordo tra Microsoft e AOL

L'azienda di Bill Gates verserà 750 milioni di dollari all'ex nemica per chiudere tutte le beghe e aprire una nuova era di collaborazione. Pietra tombale su Netscape. Si aprirà l'instant messaging. Tutti i dettagli

Roma - Con 750 milioni di dollari Microsoft ha ottenuto nei giorni scorsi un accordo fondamentale per il proprio sviluppo sul mercato con quella che per lungo tempo è stata propria avversaria: America Online, il maggiore tra i provider americani nonché padrona di Netscape.

L?accordo annunciato dalle due aziende prevede la conclusione delle battaglie legali che da anni contrappongono Microsoft e AOL, compresa quella intentata da Netscape e relativa alle tecnologie di browsing.

Nel dettaglio, ecco i punti fondamentali di un accordo che sembra destinato a ridisegnare le strategie di una parte importante del mercato tecnologico e internettiano:
1. Microsoft offre in licenza non esclusiva ad AOL la piattaforma Windows Media 9, che AOL potrà dunque sfruttare per gestire la distribuzione di media digitali al proprio pubblico di 32 milioni di abbonati, abbonati che, di conseguenza, entreranno anche nell'orbita di Microsoft

2. Per sette anni AOL potrà utilizzare il browser Internet Explorer per i propri servizi online nonché partecipare al testing delle future versioni di Windows con le stesse condizioni di altri produttori di software partner di Microsoft. L'accordo su Explorer significa, di fatto, la fine di qualsiasi pretesa e speranza per Netscape

3. I software di instant messaging delle due aziende dovranno "parlare" l'uno con l'altro. Una scelta attesa da milioni di utenti che fino ad oggi AOL si era rifiutata di fare

4. Gli ingegneri di AOL potranno lavorare nel campus tecnologico di Microsoft, nel quartiere generale di Redmond, e tra le due imprese sorgerà un accordo di supporto tecnico a tutto campo

5. Le due aziende collaboreranno allo sviluppo dei media digitali e delle piattaforme di distribuzione, una situazione che potrebbe consentire a Microsoft di avvicinare le proprie tecnologie all'immenso patrimonio di contenuti di Time Warner, il colosso con cui AOL si è fuso da tempo

6. Microsoft collaborerà nella diffusione del marchio AOL nel mondo distribuendo ai costruttori di PC in bundle con Windows anche i prodotti di accesso ad internet della partner

Soddisfatto oltremodo per l'accordo è Bill Gates. "Questo - ha dichiarato - getta dietro le nostre spalle tutti i problemi del passato. Aumenta la cooperazione tecnica che abbiamo avuto con AOL sul fronte dei browser e aumenta la cooperazione in altre aree, come i nuovi modi per la distribuzione dei contenuti digitali".

E proprio uno dei più importanti partner di AOL nel settore dei media digitali, RealNetworks, ha gettato acqua sul fuoco ricordando che AOL continuerà ad usare le proprie tecnologie, alternative a quelle di Microsoft. "Noi - ha spiegato il vicepresidente di Real, Dan Sheeran - non riteniamo che questa voglia dire niente per Real. Ciò che è importante non è che AOL possa supportare le tecnologie Microsoft, perché sono già parte del sistema operativo. Ciò che conta è che includano le nostre, ed è questo quello che fanno e che hanno in animo di fare".
TAG: mondo
25 Commenti alla Notizia Mega accordo tra Microsoft e AOL
Ordina
  • M$ porta via un altro pezzo della storia dell'informatica, con
    un accordo che accontenta solo lei...
    Ha intenzione di mangiarsi anche il pinguino per non finire
    affossata dalle sue stesse mire espansionistiche sul mondo?

    Ragazzi miei, usate Mozilla...
    non+autenticato
  • Spero di svegliarmi e scoprire che sia un incubo...
    non+autenticato
  • O finiremo tutti a gambe per aria...

    Mi chiedo come ci si possa ancora ostinare a difendere il modus operandi di tali aziende... Un azienda deve comportarsi come tale? NO, le aziende serie sono fatte da gente onesta che ama il proprio lavoro, e se si tratta di fare software si deve fare software, e magari amare l'informatica, non sbranarsi in tribunale, imporsi come dittatori e fare "marketing" falso e mediocre. Io sono stufo, io la amo l'informatica e non voglio vederla morire di schiavitù, non sarei capace di fermarmi, lasciar perdere e fare altro, fa parte della mia vita, e ci sono "aziende" che vogliono tarparmi le ali: BASTAAA!!!

    Se fossimo tutti uniti contro questo schifo avremmo delle possibilità di recuperare, ma purtroppo molta gente sembra cieca. Non voglio fare il saccentone e dire "aprite gli occhi" ma quantomeno "guardatevi intorno" maledizione...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > O finiremo tutti a gambe per aria...
    >
    > Mi chiedo come ci si possa ancora ostinare a
    > difendere il modus operandi di tali
    > aziende... Un azienda deve comportarsi come
    > tale? NO, le aziende serie sono fatte da
    > gente onesta che ama il proprio lavoro, e se
    > si tratta di fare software si deve fare
    > software, e magari amare l'informatica, non
    > sbranarsi in tribunale, imporsi come
    > dittatori e fare "marketing" falso e
    > mediocre. Io sono stufo, io la amo
    > l'informatica e non voglio vederla morire di
    > schiavitù, non sarei capace di fermarmi,
    > lasciar perdere e fare altro, fa parte della
    > mia vita, e ci sono "aziende" che vogliono
    > tarparmi le ali: BASTAAA!!!
    >
    > Se fossimo tutti uniti contro questo schifo
    > avremmo delle possibilità di recuperare, ma
    > purtroppo molta gente sembra cieca. Non
    > voglio fare il saccentone e dire "aprite gli
    > occhi" ma quantomeno "guardatevi intorno"
    > maledizione...

    Non voglio svegliarti dal tuo sogno, ma se ami l'informatica forse è meglio che fai un concorso come ricercatore in una università e vivi la tua vita felice.

    Se invece, come praticamente tutti noi, vivi in un mondo dove la tecnologia ti dà da mangiare (magari anche con un discreto stipendio) saprai che la tecnologia è un "business enabler" cioè permette alle aziende di fare business, e non è fine a sè stessa. Questo significa che è permesso:
    - ad aziende come Microsoft e AOL (due multinazionali) di fare accordi per pianificare il futuro della tecnologia applicata al business
    - ad aziende mediocri di cercare di farsi dare nelle aule di tribunale quello che non sono state in grado di ottenere sul campo
    - a sistemi operativi incompleti di farsi spazio con il facile marketing del "costo di ingresso inferiore".

    I francesi dicono: c'est la vie!
    non+autenticato
  • Perche' interpreto ogni cosa che leggo in chiave pessimistica?
    Io leggo cosi':

    Nei prossimi anni, Microsoft e AOL diventeranno di fatto i distributori esclusivi di contenuti multimediali online. Chiunque voglia usufruire dei contenuti distribuiti da Microsoft e AOL, dovra' dotarsi di software Microsoft, l'unico a poter leggere il nuovissimo formato di file FormaggioPuzzolente. Ogni tentativo di creare programmi compatibili con il lettore di file FormaggioPuzzolente sara' bloccato con l'accusa di violazione di proprieta' intellettuale.

    Sappiamo ormai bene che tutto cio' che viene da Microsoft si impone sul mercato non perche' sia il prodotto migliore, ma perche' Microsoft utilizza la sua base di installato attuale per conservare il dominio del settore software anche in futuro. E lo fa cercando volutamente incompatibilita' con i prodotti gia' esistenti (vedi Java), che poi riesce a propinare agli utenti sfruttando la sua indiscutibile predominanza in termini di presenza sui pc domestici e non. Risultato: invece di avere tante Software House che sviluppano software compatibili tra di loro, favorendo la concorrenza, continuiamo ad avere Un solo produttore di Software... non vedo come cio' possa far bene all'economia e all'informatica.
    ACD
    78
  • L'unico lato positivo che posso vedere e' che Real Network perdera' quote di mercato, il che mi rende contentissimo date le immani porcate che hanno fatto negli ultimi anni (ultima fra tutte il Super Pass...).
    Spero prorio che questa societa' di spammatori, sniffatori etc. finisca nel dimenticatoio come la povera Netscape adesso.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)