Roberto Pulito

Eye-Fi, SD mobile più che mai

Aggiornamento software per la famosa scheda Secure Digital col WiFi integrato. Tra poco sarà possibile inviare le foto scattate anche ai dispositivi mobile

Roma - I creatori della nota SD con l'antenna WiFi aggiungono un piccolo ma sostanziale aggiornamento al software Eye-Fi integrato. D'ora in avanti la speciale scheda di memoria, dedicata alle fotocamere sprovviste di modulo wireless, non si limiterà ad agganciare automaticamente WLAN e hotspot ma potrà inviare immagini anche ai dispositivi mobile.

La nuova funzione Direct Mode, disponibile gratuitamente tramite update, permetterà infatti di riversare gli scatti della macchina fotografica digitale nella memoria del proprio smartphone o del proprio tablet. Senza preoccuparsi della compatibilità tra scheda SD e l'hardware in uso, e senza il bisogno di ulteriori lettori e adattatori.

Condividere una fotografia on-the-fly con il maxi-schermo di un tablet PC, potrà tornare utile nel caso in cui non ci si accontenti della mini-anteprima visualizzabile sul piccolo display della fotocamera. Ovviamente, una volta che l'immagine arriverà sul dispositivo mobile con funzioni touch, sarà sempre possibile correggere al volo eventuali difetti, utilizzando una delle tante applicazioni grafiche disponibili sugli store.
Lo scopo ultimo è quello di fornire un'ulteriore strumento dedicato ai fotografi consumer e, contemporaneamente, colmare il divario tra la classica fotocamera e il cellulare.
Ricordiamo che il sistema dell'azienda californiana già consente di caricare le proprie creazioni video-fotografiche sull'apposita nuvola Eye-Fi o su siti come Flickr, Facebook e YouTube. Senza neppure dover passare dal computer.

Roberto Pulito
Notizie collegate
  • TecnologiaEye-Fi tra le nuvoleI creatori della nota SD col WiFi integrato inaugurano un servizio di foto sharing online. Spazio illimitato e alta flessibilità sono alla base del cloud storage. Gratis la prima settimana
  • TecnologiaEye-Fi apre agli sviluppatoriLa nota SD con il WiFi integrato si affida alle terze parti per espandere le sue funzioni. A disposizione API per punzecchiare la fantasia dei developer