Alfonso Maruccia

Kepler-10b, pianeta roccioso chiama Terra

Il telescopio spaziale che porta il nome dell'insigne astronomo tedesco identifica un nuovo esopianeta dalle caratteristiche non molto dissimili da quelle della Terra. Non fosse un inferno di fuoco, sarebbe un paradiso

Roma - Nella sua perdurante missione di scoperta ed esplorazioni di strani, nuovi mondi esterni al nostro Sistema Solare, il telescopio spaziale Kepler avrebbe individuato il primo esopianeta "roccioso" - dunque con caratteristiche non dissimili a quelle terrestri - la cui esistenza sia stata in seguito confermata da osservazioni indipendenti. Kepler-10b è una Terra aliena, ma in quando alla possibilità di ospitare forme di vita non c'è speranza.

Kepler-10b ha un diametro pari a 1,4 volte quello terrestre, una massa 4,6 volte superiore a quella della Terra ma non si trova nella cosiddetta "zona abitabile": il pianeta orbita attorno alla sua stella a una distanza che è una frazione di quella che separa Mercurio e il Sole, e conseguentemente l'intera orbita viene coperta in un periodo temporale estremamente ridotto - meno di un giorno terrestre, stimano gli scienziati di NASA.

La cortissima distanza che intercorre tra Kepler-10b e la sua stella fa sì che il pianeta appena scoperto non sia in grado di ospitare la vita, in nessuna forma attualmente concepibile: le temperature del lato esposto alla stella potrebbero raggiungere un migliaio di gradi, e in queste condizioni sarebbe impossibile mantenere un'atmosfera gassosa stabile e duratura nel tempo.
Kepler-10b non è insomma una potenziale "Terra-2" capace di accogliere eventuali pionieri terraquei, nemmeno se questi ultimi fossero protetti da scafandri multi-pressurizzati e tecnologie sci-fi. Ma quantomeno c'è, al contrario di Gliese 581 G esiste e la sua esistenza è stata confermata anche dalle osservazioni successive del telescopio Keck nelle Hawaii.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
14 Commenti alla Notizia Kepler-10b, pianeta roccioso chiama Terra
Ordina
  • L'universo è estremamente vasto. Prendendo come riferimento la velocità della luce, essa impiega oltre 2 milioni di anni solo per arrivare alla galassia più vicina. È dunque possibile che esistano diverse civiltà evolute e desiderose di comunicare, ma isolate dalle enormi distanze intergalattiche. = e questo ha detto tutto.
    non+autenticato
  • Per quanto vasto il 98% dell'universo è composto da elio e idrogeno.
    Quindi già trovare un pianeta roccioso è una rarità.

    Figuriamoci la vita...
    non+autenticato
  • Mille gradi non è simile alla terra! qua mi sembra che la temperatura ragionevole è intorno ai 25°C. a meno che questo pianeta ERA abitato quindi E' SIMILE ALLA TERRA che Potrebbe essere nel futuro, secondo l'attrazione del sole. E' cmq non ci vuole uno scienziato a dire che potrebbero esistere altri pianeti simili a noi, basta trovare l'esatta distanta tra il sole ed il pianeta e la vità ci potrebbe essere, è un ipotesi che secondo me è verissima a quanto è vasto l'universo. QUINDI "NON SIAMO SOLI" FIDATEVI.
    non+autenticato
  • Mille gradi nel lato esposto al sole? Fantastico! Ci si potrebbero fondere parecchie cosette a costo zero! Sarebbe interessante costruire un'acciaieria in prossimità del terminatore, dove le temperature sarebbero più accettabili, e i forni nel lato esposto al sole. Servirebbero volontari per lavorare lassù... magari con una paga tripla rispetto a quella terrestre. Perché non proporre l'affare alla Terni?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Acciaierie TERNI
    > Mille gradi nel lato esposto al sole? Fantastico!
    > Ci si potrebbero fondere parecchie cosette a
    > costo zero! Sarebbe interessante costruire
    > un'acciaieria in prossimità del terminatore, dove
    > le temperature sarebbero più accettabili, e i
    > forni nel lato esposto al sole. Servirebbero
    > volontari per lavorare lassù... magari con una
    > paga tripla rispetto a quella terrestre. Perché
    > non proporre l'affare alla
    > Terni?

    Si potrebbe, se si trovasse un modo economico per mandarci i lavoratori (pensa come sarebbe contenta la lega, visto che sono tanti extracomunitari!)
    Ottimisticamente si potrà accelerare un'astronave a 0,1c con la tecnologia dei prossimi 2 o 3 secoli, e poi ci vorranno solo 200 anni di viaggioCon la lingua fuori. E poi bisogna far tornare i prodotti dell'acciaieria. Direi che i pro^8-nipoti degli azionisti Terni potranno vedere gli utiliA bocca aperta
    Funz
    12972
  • per migrare via dall'Italia e dalle follie di questo mondo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pet Pet
    > per migrare via dall'Italia e dalle follie di
    > questo
    > mondo.

    Per andarsene dall'Italia le possibilità sono tante, per il mondo invece occorre aspettare qualche annetto e mettere da parte qualche milione di dollariOcchiolino
  • Tutti prima o poi lasciamo questo mondo, e senza bisogno di accumulare soldi. Nel frattempo ci auguriamo che sia molto "poi". Ma aldilà delle macabre battute, cerchiamo di tenerci bene questa nostra Terra, invece di cercare improbabili mondi irragiungibili.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Silvan
    > Tutti prima o poi lasciamo questo mondo, e senza
    > bisogno di accumulare soldi. Nel frattempo ci
    > auguriamo che sia molto "poi". Ma aldilà delle
    > macabre battute, cerchiamo di tenerci bene questa
    > nostra Terra, invece di cercare improbabili mondi
    > irragiungibili.

    Sempre se siamo in tempo per recuperarla...
  • A me risulta il contrario, che questa era la conferma ad una scoperta del telescopio delle Hawaii
    saluti
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paolo Ferrante
    > A me risulta il contrario, che questa era la
    > conferma ad una scoperta del telescopio delle
    > Hawaii
    > saluti

    Siamo su P.I. dai...
    Rivista di informatica online dal 1996 e ancora confondono le unità di misura riguardo ai processori... Quando parlano di astronomia e' meglio guardare solo titolo e figure dell'articolo.
    non+autenticato
  • Scusami se indirizzo a te questo messaggio.. è più uno sfogo generale.
    Ma la smettiamo di sparare a zero in modo assolutamente non costruttivo?
    Va bene il mettere in dubbio una cosa ma qui si sta arrivando al denigrare il lavoro altrui a priori.

    Chiaramente è tutto IMHO e non sono assolutamente legato alla redazione in altro modo che non da lettore.

    Scusate lo sfogo.
    non+autenticato
  • In effetti hai ragione, è troppo facile criticare sempre.
    Bisogna saper scegliere, ma preferisco leggere 20 articoli e scartarne 19 piuttosto che lasciarmi sfuggire quell'1 rimasto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paolo Ferrante
    > A me risulta il contrario, che questa era la
    > conferma ad una scoperta del telescopio delle
    > Hawaii saluti

    http://tinyurl.com/6krf9tm

    With a potentially small planet in their sights, follow-up observations using the Keck telescope in Hawaii have confirmed the planet and helped figure out its mass.

    --
    Saluti, Kap