Alfonso Maruccia

8 giugno 2011, giornata mondiale di IPv6

Google, Yahoo! e i grandi network dei contenuti digitali preannunciano una giornata di test per le comunicazioni su rete IPv6. Per verificare la tenuta di Internet in vista dello switch-off

Roma - L'otto giugno del 2011 è la data fatidica del World IPv6 Day, un "test di volo" di 24 ore in cui i server dei principali servizi di Rete verranno commutati su protocollo IPv6 per verificare se Internet sia in grado di reggere il passaggio al nuovo standard di comunicazione telematica. Tra i partecipanti all'iniziativa c'è ovviamente Google, che si aspetta solo qualche problema di minore entità da risolvere prima dell'abbandono definitivo di IPv4.

Oltre a Google, il World IPv6 Day vedrà la partecipazione di Yahoo!, i servizi di CDN (content delivery network) Akamai e Limelight Networks e l'associazione Internet Society. Si tratterà in sostanza di trasferire temporaneamente su routing IPv6 una buona parte del traffico che fluisce ogni giorno su Internet, in modo da assicurarsi che al momento del passaggio definitivo alla nuova versione del protocollo IP la rete nel suo complesso non vada disastrosamente in crash.

L'iniziativa World IPv6 Day serve inoltre a spingere le realtà telematiche minori - che contribuiscono al funzionamento periferico di Internet - ad accelerare sull'adozione di IPv6, nel tentativo di scongiurare il caos e le irregolarità di connessione preconizzate da Vint Cerf in uno dei suoi ultimi appelli in favore del nuovo standard.
Per quanto riguarda il network di Google, a Mountain View sono ottimisti e indicano nel 99,95 per cento il numero di netizen che non noterà alcun cambiamento nel funzionamento della connessione durate il World IPv6 Day. Yahoo! invece sottolinea l'utilità dell'iniziativa per "raccogliere dati concreti da sfruttare per garantire un'esperienza utente senza intoppi nel corso della transizione a IPv6".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaIPv6, prove di switch in AsiaI due paesi più popolosi del mondo si preparano a trasferire le rispettive infrastrutture telematiche sul nuovo standard per l'assegnazione degli indirizzi di rete. Occorre fare presto, ribadiscono gli esperti
  • TecnologiaIPv4, Internet al bivio?Siamo alla fase finale della distribuzione degli indirizzi IP a 32 bit, avverte NRO. Gli indirizzi IPv4 si esauriranno prima del previsto. Ma i livelli di adozione di IPv6 sono adeguati
  • TecnologiaIPv4, restituiti milioni di indirizziIl Registry statunitense si vede restituire un intero blocco di indirizzi IP. Il 99% degli IP era inutilizzato, e ora il conto alla rovescia per l'esaurimento delle risorse IPv4 si sposta indietro di un mese
  • AttualitàCerf: per Internet in arrivo tempi difficiliPresto la sicurezza delle connessioni e persino il normale funzionamento della rete delle reti saranno questioni problematiche. Da affrontare di petto: appello per il passaggio a IPv6 e SSL
18 Commenti alla Notizia 8 giugno 2011, giornata mondiale di IPv6
Ordina
  • Perdonate la mia ignoranza, ma non capisco come si possa non cambiare router (salvo aggiornamento firmware).
    L'ipv4 viaggia tra la centrale e il (modem) router ADSL incapsulato (tipicamente) in PPPoA, presumo che lo stesso farà l'ipv6...
    Quando l'ipv6 sarà diffuso, a un modem non compatibile a ipv6 dovrà essere assegnato necessariamente un ipv4, eventualmente privato (leggasi NAT) su cui eventualmente può viaggiare ipv6 tramite il protocollo 41.

    Qualcuno può confermare o smentire quanto ho detto?
  • IPv4 (versione 4) è solo lo standard che viene usato oggi per connetterci dandoci un indirizzo numerico identificativo che però a causa dell'aumentare degli utenti connessi per sua natura sta raggiungento il massimo di indirizzi che può assegnare perciò si passerà alla versione 6 che potrà offrire una infinità di indirizzi in più ma in italia come mi sento che succederà all'ultimo momento si provvederà ad adottarlo con disagi per l'utenza che non potrà connettersi per un pò di giorni... poi ci tasseranno in bolletta per IPv6....
    non+autenticato
  • Con IPv6 tutti gli indirizzi saranno statici, per cui ciao ciao anonimato.
    ruppolo
    33147
  • oh, ruppolo! Bravo! Un'ovvietà ma che i tipi qui sopra si erano dimenticati...
    non+autenticato
  • Perdonate la mia ignoranza, ma se ci fosse in tempi rapidi il passaggio completo a IPv6, io per connettermi dovrei cambiare il mio modem?
    Ciao
    non+autenticato
  • Tranquilli ancora per una ventina di anni i due standard saranno usati e ci permetteranno di stare in rete con apparecchiature e soft attuali.
    non+autenticato
  • Qualcuno conosce modelli di router casalinghi con modem adsl integrato, wireless (possibilmente N) e voip integrato?
  • - Scritto da: r1348
    > Qualcuno conosce modelli di router casalinghi con
    > modem adsl integrato, wireless (possibilmente N)
    > e voip
    > integrato?

    Mi piacerebbe sapere anche a me se c'è già qualche modello consumer in vendita, qua in Italia...Forse fra qualche anno A bocca storta
    non+autenticato
  • - Scritto da: embe
    > - Scritto da: r1348
    > > Qualcuno conosce modelli di router casalinghi
    > con
    > > modem adsl integrato, wireless (possibilmente N)
    > > e voip
    > > integrato?
    >
    > Mi piacerebbe sapere anche a me se c'è già
    > qualche modello consumer in vendita, qua in
    > Italia...Forse fra qualche anno
    >A bocca storta
    esistendo in linux (i SOHO sono in larga parte con linux) il supporto ipv6 da mille anni, TUTTI(*) i modelli, ivi compresi quelli gia venduti, possono supportare tale "sconvolgimento". A patto, chiaramente, che i vendor rilascino un aggiornamento del firmware (o che gli utenti rilascino un firmware homebrew )

    (*)l'unica discriminante e' lo spazio nella flash, che in certi router e' veramente ridotto. lo stack doppio e le utils doppie un po' occupano.
    non+autenticato
  • AVM Fritz!Box
  • Sì i Fritz!Box sono stupendi, ma si fanno anche pagare! Il 7170 viene 150€, il 7270 200€ ed il 7390 250€!
  • E quindi?
    Dovrebbero regalarle?Sorride
  • No per carità, il prezzo è giusto per l'hardware, ma esagerato per l'utilizzo che ne farei. In sostanza, non mi serve nulla di così avanzato.
  • - Scritto da: r1348
    > No per carità, il prezzo è giusto per l'hardware,
    > ma esagerato per l'utilizzo che ne farei. In
    > sostanza, non mi serve nulla di così
    > avanzato.

    E allora perché chiedi il VoIP integrato?
    ruppolo
    33147
  • Perché in famiglia effettuiamo numerose chiamate estere di lunga durata.
  • E che te ne fai quando il 99,999% degli ISP italiani pieni di pseudotecnici incompetenti manco sanno cosa sia l'IPv6 e quelli che lo sanno cercano di ignorarlo finché non si arriverà all'ultimo momento ed a quel punto così com'è stato per il Millenium Bug tutti cercheranno di lucrarci sopra all'inverosimile sfruttando l'ondata di panico e la generale disinformazione in materia.
    non+autenticato
  • - Scritto da: r1348
    > Qualcuno conosce modelli di router casalinghi con
    > modem adsl integrato, wireless (possibilmente N)
    > e voip
    > integrato?

    Praticamente Tutti.
    E soprattutto un router "ipv6" è in grado di comunicare con uno IPV4.

    O se preferisci IPV6 vede gli indirizzi IPV4 come una delle tante sottoreti possibili.

    I Provider italiani possono continuare a tenere in piedi l'infrastruttura IPV4 per il mercato consumer e migrare gli utenti business con tutta calma.

    GTFS
    non+autenticato