ICANN, non pre-registrate i domini

L'organismo che sovraintende al sistema dei domini se la prende con le imprese che offrono agli utenti la possibilità di pre-registrare domini con le nuove estensioni ancora non operative. Si tratta, dice l'ICANN, di soldi buttati

New York (USA) - Di quando in quando l'ICANN, l'organismo che sovraintende ai domini, bacchetta gli imprenditori troppo "sciolti" nel gestire il business dei domini e nelle scorse ore ha "rilasciato" una nuova ammonizione. L'ICANN ha avvertito gli utenti che si fanno tentare dalla pre-registrazione dei domini con le sette nuove estensioni approvate di recente, che quelle pre-registrazioni non hanno alcun valore formale.

Pre-registrare i domini presso le numerose aziende che hanno iniziato ad "offrire il servizio", ha spiegato la portavoce ICANN Brett LaGrande, significa andare incontro ad una spesa probabilmente inutile perché le aziende che offrono le pre-registrazioni non possono garantire in alcun modo che quei domini vengano effettivamente assegnati ai propri clienti.

LaGrande ha insistito sul fatto che le sette nuove estensioni, ancorché attese, non saranno probabilmente disponibili prima dell'autunno e che dunque qualsiasi operazione su di esse è al momento del tutto prematura.
In una nota, l'ICANN precisa: "Nessuno è stato autorizzato a pre-registrare i domini con le nuove estensioni. Chi tenta di farlo, lo fa a proprio rischio e senza alcuna garanzia di ricevere quei domini una volta che questi siano operativi".

Un appello simile era arrivato dall'ICANN lo scorso ottobre. In quell'occasione erano finite nel mirino le aziende che "vendevano domini" con nuove estensioni ancor prima che l'ICANN decidesse quali estensioni sarebbero state aggiunte a quelle "tradizionali".com,.net e.org...

D'altra parte basta una rapida ricerca online per trovare numerose aziende che offrono i nuovi domini a condizioni vantaggiose. Operazioni al limite del lecito che non dovrebbero illudere, dunque, chi decide di versare denaro in cambio di promesse aleatorie...
TAG: domini
4 Commenti alla Notizia ICANN, non pre-registrate i domini
Ordina
  • ...che le sette nuove estensioni, ancorché attese, non saranno probabilmente disponibili prima dell'autunno...

    ma internet non e' quel mondo nuovo, dove in un attimo vedo all'altro capo del mondo, in un istante compro direttamente in Australia per rivendere al volo in Groenlandia, chiacchiero in diretta con amici a 10.000km di distanza?
    ma internet non e' il collasso del tempo e dello spazio?

    e allora come mai ICANN per rendere operativi 7 nuovi domini (gia' decisi, dopo - tra l'altro - mesi e mesi e mesi di attesa) ci mette UN ANNO?

    Qualcuno ha spiegao loro quali sono i tempi di internet?
    non+autenticato
  • chiedo scusa, me ne sono dimenticato
    non+autenticato
  • http://www.icann.org/tlds/
    Sto con il fiato addosso alla "neulevel", società australiana accreditata dalla ICANN per la registrazione dei domini .biz da quando è stata designata.

    http://www.neulevel.com/html/F01.htm
    Nel loro schema fanno menzione di una 'pre-registrazione' controllata solo ai fini legali.
    Questo per evitare casi di: 'chi primo arriva meglio alloggia'; evitando così la giungla di domini assegnati a chi non c'entra nulla con il nome del sito.


    Nelle FAQ, leggo:
    http://www.neulevel.com/html/F03.htm
    NeuLevel will be implementing a phased approach to the launch of .biz. Pre-registration for domain names is scheduled to begin approximately 105 days after the signing of the ICANN registry agreement. This date is dependent on several factors including approval by the United States Department of Commerce.

    Quindi 'NeuLevel' comincerà a tenere in considerazioni le sue pre-registrazioni 3 mesi prima che l'ICANN darà il via alla registrazione ufficiale.

    Pare che NeuLevel caldeggi una sorta di 'pre-registrazione'; l'ICANN no http://www.icann.org/tlds/

    c'è anche un avviso della Federal Trade Commission:
    http://www.ftc.gov/bcp/conline/pubs/alerts/domaina...

    Chi puo darmi una mano chiarirmi le idee?
    non+autenticato
  • Beh e' lo stesso problema che ho io con i .INFO, l'assegnatario ufficiale parla di preregistrazione, ma non c'e' una scheda per farlo, per e-mail non rispondono, e non e' chiaro se questa preregistrazione, almeno fatta tramite l'assegnatario, abbia valore e/o utilita'... vogliamo comunque scommettere che non sara' un produttore di serramenti a riuscire a registrare windows.info?

    Giorgio

    - Scritto da: WebNick
    > http://www.icann.org/tlds/
    > Sto con il fiato addosso alla "neulevel",
    > società australiana accreditata dalla ICANN
    > per la registrazione dei domini .biz da
    > quando è stata designata.
    >
    > http://www.neulevel.com/html/F01.htm
    > Nel loro schema fanno menzione di una
    > 'pre-registrazione' controllata solo ai fini
    > legali.
    > Questo per evitare casi di: 'chi primo
    > arriva meglio alloggia'; evitando così la
    > giungla di domini assegnati a chi non
    > c'entra nulla con il nome del sito.
    >
    >
    > Nelle FAQ, leggo:
    > http://www.neulevel.com/html/F03.htm
    > NeuLevel will be implementing a phased
    > approach to the launch of .biz.
    > Pre-registration for domain names is
    > scheduled to begin approximately 105 days
    > after the signing of the ICANN registry
    > agreement. This date is dependent on several
    > factors including approval by the United
    > States Department of Commerce.
    >
    > Quindi 'NeuLevel' comincerà a tenere in
    > considerazioni le sue pre-registrazioni 3
    > mesi prima che l'ICANN darà il via alla
    > registrazione ufficiale.
    >
    > Pare che NeuLevel caldeggi una sorta di
    > 'pre-registrazione'; l'ICANN no
    > http://www.icann.org/tlds/
    >
    > c'è anche un avviso della Federal Trade
    > Commission:
    > http://www.ftc.gov/bcp/conline/pubs/alerts/do
    >
    > Chi puo darmi una mano chiarirmi le idee?
    non+autenticato