Cristina Sciannamblo

Musica, tempestività contro pirateria

Sony e Universal Music decidono di rilasciare sul mercato i brani lo stesso giorno della prima uscita radiofonica. Un procedimento preso in prestito da X Factor per dissuadere i potenziali pirati

Roma - Dopo dieci anni di scontro aperto tra pirati e industria discografica, le due maggiori etichette musicali britanniche avrebbero deciso di giocare il proprio ruolo per arginare la condivisione illegale, scegliendo di immettere sul mercato i singoli lo stesso giorno della prima trasmissione radiofonica.

Sony e Universal Music sperano, in questo modo, che ciò incoraggi "la generazione X Factor" ad acquistare i dischi subito dopo averli ascoltati in radio piuttosto che appropriarsene attraverso lo spazio online di queste ultime.

Secondo David Joseph, manager di Universal Music, l'attesa non è una caratteristica che si addice alle giovani generazioni. Per questo motivo, risulta anacronistica la scelta di costruire la domanda commerciale di un singolo attraverso i continui passaggi in radio delle prime settimane. Secondo questo procedimento, i singoli sostano nelle programmazioni radiofoniche per sei settimane, prima di entrare nei negozi.
"Ciò che abbiamo notato del vecchio sistema era che le ricerche delle canzoni su Google o iTunes rimangono alte per due settimane prima di essere poste in vendita, cosicché il pubblico è spinto a piratare le nuove tracce", afferma Joseph.

Il modello proposto dalle due case discografiche sembra sia stato preso in prestito dal programma televisivo X Factor, i cui spettatori possono scaricare le canzoni apparse durante lo show nella stessa serata della trasmissione, meccanismo che ha permesso al singolo When We Collide di Matt Cardle di raggiungere il primo posto in classifica durante il periodo natalizio.

L'industria discografica, dunque, pare aver compreso che le richieste del pubblico sono sempre più rivolte alla gratificazione immediata.

Cristina Sciannamblo
Notizie collegate
  • AttualitàUK, i discografici vogliono un DMCAL'associazione delle etichette discografiche inglesi fa scivolare un emendamento nella nuova legge nota come Digital Britain con lo scopo di instaurare un regime di copyright simile a quello statunitense. L'antipirateria? Un business
  • AttualitàP2P, la Regina mostra le forbiciDurante un discorso in Parlamento, Elisabetta II ha annunciato i piani del governo per l'economia digitale. Tra questi, l'introduzione delle disconnessioni forzose dei file sharer entro la primavera del 2011
  • AttualitàUK, provider anti-disconnessioniTalkTalk contro la cura Mandelson al file sharing illecito: violerebbe i diritti umani perché non assicura la presunzione di innocenza. E anche British Telecom si preoccupa per le ghigliottine pronte nel Regno Unito
36 Commenti alla Notizia Musica, tempestività contro pirateria
Ordina
  • Continuerò a registrarmi le canzoni preferite dalla radio con la mia C60
    A bocca aperta
  • - Scritto da: il solito bene informato
    > Continuerò a registrarmi le canzoni preferite
    > dalla radio con la mia
    > C60
    > A bocca aperta

    Sei troppo tecnologico.
    Io registro su bobine di filo d'acciaio.
  • - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > - Scritto da: il solito bene informato
    > > Continuerò a registrarmi le canzoni preferite
    > > dalla radio con la mia
    > > C60
    > > A bocca aperta
    >
    > Sei troppo tecnologico.
    > Io registro su bobine di filo d'acciaio.

    ti sconsiglio vivamente di postare alle 6 del mattino A bocca aperta
  • - Scritto da: il solito bene informato
    > - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > > - Scritto da: il solito bene informato
    > > > Continuerò a registrarmi le canzoni preferite
    > > > dalla radio con la mia
    > > > C60
    > > > A bocca aperta
    > >
    > > Sei troppo tecnologico.
    > > Io registro su bobine di filo d'acciaio.
    >
    > ti sconsiglio vivamente di postare alle 6 del
    > mattino
    > A bocca aperta

    Guarda che esistevano davvero eh...
  • Passare il film in chiaro, su digitale terrestre, lo stesso giorno in cui esce in dvd. Nessuno piraterebbe più, se vederlo e registrarlo dalla tv.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Passare il film in chiaro, su digitale terrestre,
    > lo stesso giorno in cui esce in dvd. Nessuno
    > piraterebbe più, se vederlo e registrarlo dalla
    > tv.

    guarda che già il videoregistratore è uno strumento di pirateria per loro...
  • - Scritto da: il solito bene informato
    > - Scritto da: uno qualsiasi
    > > Passare il film in chiaro, su digitale
    > terrestre,
    > > lo stesso giorno in cui esce in dvd. Nessuno
    > > piraterebbe più, se vederlo e registrarlo dalla
    > > tv.
    >
    > guarda che già il videoregistratore è uno
    > strumento di pirateria per
    > loro...
    e curiosamente tra i primi produttori di questo strumento del demonio, c'e' la SONY. Una delle major piu' carogne.
    non+autenticato
  • qui se ne fa un caso, ma riguarda solo UK. In Italia è da almeno due anni che si fa già così
    non+autenticato
  • - Scritto da: lucescu
    > qui se ne fa un caso, ma riguarda solo UK. In
    > Italia è da almeno due anni che si fa già
    > così
    Non stavano parlando di emule...A bocca aperta
    non+autenticato
  • hahahahaha risposta genialeA bocca aperta
    non+autenticato
  • La SIAE ha deciso di giocare il proprio ruolo per arginare la condivisione illegale, scegliendo che voi ci dobbiate pagare lo giorno prima della prima trasmissione radiofonica capito? Arrabbiato

    Le richieste del pubblico sono rivolte alla gratificazione immediata.

    E quelle della SIAE ancora peggio, capito?Arrabbiato

    Parola di SIAE
    non+autenticato
  • - Scritto da: La SIAE
    > La SIAE ha deciso di giocare il proprio ruolo per
    > arginare la condivisione illegale, scegliendo che
    > voi ci dobbiate pagare lo giorno prima della
    > prima trasmissione radiofonica
    capito?
    >Arrabbiato

    Hai ragione: gli autori devono pagare, se mettono qualcosa sotto copyright. E devono pagare cifre alte; questo li incentiverà a non mettere più nulla sotto copyright, e a rilasciare tutto con licenze libere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > - Scritto da: La SIAE
    > > La SIAE ha deciso di giocare il proprio ruolo
    > per
    > > arginare la condivisione illegale, scegliendo
    > che
    > > voi ci dobbiate pagare lo giorno prima della
    > > prima trasmissione radiofonica
    capito?
    > >Arrabbiato
    >
    > Hai ragione: gli autori devono pagare, se mettono
    > qualcosa sotto copyright

    Giusto.

    > E devono pagare cifre
    > alte; questo li incentiverà a non mettere più
    > nulla sotto copyright, e a rilasciare tutto con
    > licenze
    > libere

    E in quel caso pagheranno le multe. La SIAE vince, la SIAE è potente, ancora una volta vince e convince. E non ci si scappa. Arrabbiato

    E BASTA. Arrabbiato

    Parola di SIAE
    non+autenticato
  • Non male.... peccato che hai sbagliato nick.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Non male.... peccato che hai sbagliato nick.

    Già... Imbarazzato Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > - Scritto da: La SIAE
    > > La SIAE ha deciso di giocare il proprio ruolo
    > per
    > > arginare la condivisione illegale, scegliendo
    > che
    > > voi ci dobbiate pagare lo giorno prima della
    > > prima trasmissione radiofonica
    capito?
    > >Arrabbiato
    >
    > Hai ragione: gli autori devono pagare, se mettono
    > qualcosa sotto copyright.

    Ma certo che devono pagare! Cosa credono, questi autori, di lavorare gratis?
    ruppolo
    33147
  • Basta coi cinema, il films deve uscire SOLO in videoteca, solo in vucaccaesse, così non si scarrica!

    Sono le videoteche lacchiave para escare dalla crisi mondiale!
    non+autenticato
  • ahahahahahahaha

    mi hai fatto piegare !!
    non+autenticato
  • Io ne ho una ancora migliore: tutti i film e la musica diventano di pubblico dominio, così la pirateria non può più esistere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Io ne ho una ancora migliore: tutti i film e la
    > musica diventano di pubblico dominio

    E io lerrate di sta panda come ca.zzo le pago?!
    Amparate appensare anche alli alitri.
    non+autenticato
  • > E io lerrate di sta panda come ca.zzo le pago?!

    Vendi la panda e vai a piedi.
    non+autenticato
  • Ma non era una volpe?
  • - Scritto da: NOLEGGINO RAMPANTE
    > - Scritto da: uno qualsiasi
    > > Io ne ho una ancora migliore: tutti i film e la
    > > musica diventano di pubblico dominio
    >
    > E io lerrate di sta panda come ca.zzo le pago?!
    > Amparate appensare anche alli alitri.

    Vai a dar via il bunga bunga, che te lo pagano bene!
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Io ne ho una ancora migliore: tutti i film e la
    > musica diventano di pubblico dominio, così la
    > pirateria non può più
    > esistere.

    Già, e nemmeno nuova musica e nuovi film.
    ruppolo
    33147
  • > > pirateria non può più
    > > esistere.
    >
    > Già, e nemmeno nuova musica e nuovi film.

    ESATTO!!! Se la vuoi, puoi comunque pagarne tu la realizzazione. Così, tu, che sei disposto a pagare, paghi, noi, che vogliamo tutto gratis, abbiamo tutto gratis, e siamo tutti contenti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: uno qualsiasi
    > > Io ne ho una ancora migliore: tutti i film e la
    > > musica diventano di pubblico dominio, così la
    > > pirateria non può più
    > > esistere.
    >
    > Già, e nemmeno nuova musica e nuovi film.

    Perche' tu quelli vecchi li hai gia' visti tutti?
    In tal caso potresti consigliarcene qualcuno.
    Io ancora ne ho da vedere...
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: uno qualsiasi
    > > Io ne ho una ancora migliore: tutti i film e la
    > > musica diventano di pubblico dominio, così la
    > > pirateria non può più
    > > esistere.
    >
    > Già, e nemmeno nuova musica

    Io continuerò a fare musica come l'ho fatta fino ad ora.

    > e nuovi film

    Esiste una cosa chiamata TEATRO, hai presente?
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)