Mauro Vecchio

Net neutrality, Verizon risponde al fuoco

L'operatore statunitense trascinerÓ in aula i rappresentanti di FCC, rei di essere andati ben oltre la propria autoritÓ. Si cercherÓ di congelare il pacchetto di regole introdotto alla fine dello scorso anno

Roma - Lo scontro a fuoco sembrava ormai inevitabile, in seguito al pacchetto natalizio recapitato dalla Federal Communications Commission (FCC) statunitense ai vari carrier della Rete. Un insieme di regole a tutela della cosiddetta neutralità, che verranno ora contestate in tribunale dal primo operatore a premere il grilletto contro la commissione guidata da Julius Genachowski.

Verizon ha infatti annunciato l'intenzione di trascinare in aula i rappresentanti di FCC, rei innanzitutto di aver esagerato, di aver addirittura abusato del proprio potere. La Commissione non avrebbe mai avuto l'autorità legale per diramare una serie di disposizioni che impongano ai vari operatori di gestire in determinati modi il proprio traffico. I legali di Verizon punteranno all'annullamento delle regole introdotte da FCC.

"Siamo profondamente preoccupati - ha spiegato il vicepresidente di Verizon Michael Glover - soprattutto per la presa di posizione di FCC che vuole imporre una nuova regolamentazione ai vari network a banda larga oltre che alla stessa Internet. Crediamo che questa presa di posizione vada ben al di là di qualsiasi autorità garantita dal Congresso a FCC, causando incertezza nell'industria delle comunicazioni, tra gli innovatori, gli investitori e i consumatori".
La squadra legale di Verizon ha dunque scelto la US Court of Appeals for the District of Columbia come sede del prossimo scontro sulla neutralità. Un luogo scelto non a caso, dato che i suoi giudici si erano già espressi a favore di Comcast in un precedente scontro con la stessa FCC. Helgi Walker, che aveva con successo guidato l'accusa, sarà ora il nuovo rappresentante legale del provider a stelle e strisce.

Ma quale sarà la strategia legale di Verizon? Stando al parere degli osservatori più informati, il provider non cercherà di attaccare frontalmente le regole sulla neutralità imposte da FCC. L'obiettivo sarà mostrare ai giudici come FCC finisca col modificare i termini delle attuali licenze relative allo spettro wireless. Si cercherà inoltre di congelare l'implementazione del pacchetto di regole, previsto due mesi dopo la loro registrazione.

"La decisione di Verizon dimostra come persino le regole più morbide e annacquate stiano strette ai vari giganti della telefonia - ha spiegato un rappresentante di Free Press - Ironicamente, Verizon non è soddisfatta di regole nate per andarle incontro. ╚ ora chiaro che l'unico obiettivo è di raggiungere un accordo per la totale deregolamentazione, lasciando una FCC senza potere in nome della sfrenata ricerca del profitto".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàFCC, neutralità al dettaglioPubblicato un documento sul pacchetto di regole che verrÓ implementato dalla commissione. Nel settore mobile ci saranno delle limitazioni, ad esempio non si potranno estromettere servizi voce concorrenti come Skype
  • AttualitàFCC, la neutralità colpirà ancora?Annunciato un nuovo meeting della commissione guidata dal chairman Genachowski. Un'occasione per presentare un nuovo pacchetto di regole per il broadband a stelle e strisce
  • AttualitàUSA, se mobile non vuol dire neutralitàSecondo una proposta di legge trafugata online, i provider mobile non dovrebbero sottostare al principio di non discriminazione del traffico web. Alla FCC spetterebbero solo poteri sanzionatori
3 Commenti alla Notizia Net neutrality, Verizon risponde al fuoco
Ordina
  • Tutto il mondo è paese: è inutile che il pianeta ci sfotta per il Berlyuska quando tutto il pianeta liberista fa la stessa cosa: la loro legge è "noi compriamo ciò che vogliamo" e quindi ogni loro volontà che non si possa ottenere pagando è, nella loro mente, illegale.

    Ma non educando le nuove generazioni sulla legge e sulla giustizia e tacendo su ogni cosa, noi lasciamo che accada.
    non+autenticato
  • Ma per favore. In Italia non avrebbero fatto ricorso solo perchè i sistemi di controllo e punizioni sono stati sfasciati e nessuno è più in grado di sanzionare una società Da noi avrebbero semplicemente ignorato le regole senza subire alcunchè...
    non+autenticato
  • "La decisione di Verizon dimostra come persino le regole più morbide e annacquate stiano strette ai vari giganti della telefonia - ha spiegato un rappresentante di Free Press - Ironicamente, Verizon non è soddisfatta di regole nate per andarle incontro. ╚ ora chiaro che l'unico obiettivo è di raggiungere un accordo per la totale deregolamentazione, lasciando una FCC senza potere in nome della sfrenata ricerca del profitto"

    come da titoloCon la lingua fuori

    ma i vecchi buoni stati "comando io" tutti cancellati ? gli lasciamo fare i comodi loro? paura che senza filtri p2p debbano posare qualche fibra in più perdendo utili ma generando nuovi posti di lavoro e muovendo l'economia abonminio definito dalle TLC "serie conseguenza sulla competitività e il mercato"?
    non+autenticato