Alfonso Maruccia

Nvidia GTX 560 Ti, il ritorno del Titanium

Il produttore di GPU californiano lancia l'ennesima iterazione della sua fortunata linea di schede grafiche. Questa volta tenta la colonizzazione della fascia media

Roma - Dopo aver ridefinito i vertici prestazionali nel campo della grafica accelerata su PC con GTX 580, NVIDIA è ora pronta a commercializzare l'ennesima revisione della sua architettura di GPU "Fermi" con il nome commerciale di GeForce GTX 560 "Ti". La nuova scheda migliora le prestazioni con i giochi basati su API DirectX 11, e stando a quanto sostiene NVIDIA straccia la concorrenza così come la precedente generazione di GeForce Fermi. PcTuner e DinoX PC hanno già provato un esemplare della VGA in questione.

La produttrice di GPU ha sviluppato la GTX 560 Ti - con quel Ti a rimandare il ricordo alle antiche GeForce 3 e 4 "Titanium" uscite a cavallo degli anni 2000 - come sostituto ideale della scheda GTX 460 commercializzata mesi addietro. La nuova GeForce integra una GPU con core a 822 MHz, 8 tessellation engine e 384 core CUDA con clock a 1,64 GHz, e può inoltre vantare chip di memoria da 5 Gbps rispetto a quelli da 4 Gbps montati sulla GTX 460.

Ma soprattutto la GeForce GTX 560 Ti è dotata di un sistema di raffreddamento migliorato e di tutti vantaggi che ogni salto architetturale porta con sè: riduzione dei consumi e maggiore efficienza nel consumo energetico in primis. Il risultato pratico di tutte queste migliorie, dice NVIDIA, è una performance superiore del 33 per cento rispetto a GTX 460, con un incremento ancora più marcato (il 65 per cento) nei giochi pensati per sfruttare le librerie grafiche incluse nelle API DirectX 11 di Microsoft.
Sul fronte della concorrenza con AMD, GTX 560 Ti si candida a battagliare con la scheda Radeon HD 6950 presentata da Sunnyvale nel periodo pre-natalizio. In Italia il costo ufficiale della GTX 560 si aggira sui 250 euro, anche se i vari parner commerciali di NVIDIA presenteranno come al solito un'offerta variegata nelle caratteristiche come nel prezzo all'utente finale.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaNvidia spinge Fermi sotto i 200 dollariLa nuova GeForce GTX 460 è il processore grafico più economico tra quelli basati sulla giovane architettura Fermi di Nvidia. Questo chip si rivolge agli appassionati di videogame dal budget limitato
  • TecnologiaNVIDIA, c'è vita dopo FermiIl produttore californiano di chip discreti per la grafica e il GPU Computing svela i primi, radi dettagli sulle sue prossime linee di prodotto. Si parla di una nuova architettura ogni 2 anni e codice CUDA su chip x86
  • TecnologiaNvidia, al top con GTX 580Il chip GF110 sulle nuove GeForce evolve l'architettura Fermi ad un nuovo livello. La GTX 580 si presenta come la nuova regina della GPU, ma le Radeon non tarderanno per sempre
  • TecnologiaAMD Radeon, è il turno delle 6900Il chipmaker di Sunnyvale mette fine alle speculazioni, togliendo il velo dalle sue nuove GPU Cayman. In attesa dell'ammiraglia è possibile scegliere tra Radeon HD 6970 e HD 6950
  • AttualitàIntel e NVIDIA, amici più di primaI due colossi formalizzano l'accordo di cui si parlava da tempo. Santa Clara avrà accesso all'intero pacchetto dei brevetti NVIDIA. Quest'ultima potrà sviluppare chip compatibili le tecnologie Core
3 Commenti alla Notizia Nvidia GTX 560 Ti, il ritorno del Titanium
Ordina
  • Quando si fa un annuncio pubblicitario non bisognerebbe scriverlo da qualche parte? Più che un articolo sembra un copiaincolla del comunicato stampa dell'NVidia.

    "Straccia la concorrenza"? Guardando i benchmark non si direbbe proprio, sopratutto considerando che la controparte (la ATI 6950) va uguale e costa una 40ina di euro in meno. Pur considerando il prezzo gonfiato dei primi giorni, mi sembra davvero poco professionale far passare certi annunci di marketing.

    E salto architetturale... dove? Il salto è stato con l'introduzione di "Fermi", famiglia 4xx, presentate poco meno di un'anno fa. Queste sono la stessa architettura "rivista" nel principale problema delle prime incarnazioni (le 470/480), vale a dire consumi e temperature esagerate. Tra la 460 e la 560, poi, il "salto architetturale" è maggior ragione più campato in aria dal momento che la 460 monta il GF104, versione già rivista dei primi chip "Fermi".
  • La 6950 va un pelo di meno e scalda un po' di più.
    La 6950 2gb si trova sui 240 euro, quella da 1 Gb sui 220.
    Io attenderei almeno 1 mesetto prima di fare dei paragoni sul prezzo dato che i primissimi prezzi sono in genere sballati di almeno 20-30 euro a causa della carenza.
    Teoricamente lo street price dovrebbe attestarsi tra i 200 e i 220 euro a seconda della marca.
    A me sembrano prezzi competitivi per un'ottima scheda.
    non+autenticato
  • - Scritto da: tDv
    > La 6950 va un pelo di meno e scalda un po' di più.
    > La 6950 2gb si trova sui 240 euro, quella da 1 Gb
    > sui
    > 220.
    > Io attenderei almeno 1 mesetto prima di fare dei
    > paragoni sul prezzo dato che i primissimi prezzi
    > sono in genere sballati di almeno 20-30 euro a
    > causa della
    > carenza.
    > Teoricamente lo street price dovrebbe attestarsi
    > tra i 200 e i 220 euro a seconda della
    > marca.
    > A me sembrano prezzi competitivi per un'ottima
    > scheda.

    Quoto il post.
    Poi in generale possiamo dire che le ATI rispetto alle NVidia costano sempre qualcosina di meno a parità di prestazioni, ma mai tanto da influire sulle scelte di chi, come me ad esempio, preferisce le seconde alle prime.