Alfonso Maruccia

Honeycomb, assaggi di Android 3.0

Mountain View distribuisce una "SDK preview" per dare agli sviluppatori un antipasto di quello che la prossima versione di Android avrà da offrire loro. L'OS amico dei tablet è quasi pronto al debutto

Roma - In attesa di provare dal vivo il "vero" Honeycomb, altresì noto come Android 3.0, chi sviluppa software per l'OS mobile di Google ha ora la possibilità di mettere le mani su una preview dell'SDK ufficiale e a un'immagine-disco da far girare in emulazione su PC.

Dopo la presentazione in video avvenuta durante il CES 2011, la nuova "SDK preview" è l'ennesimo passo di avvicinamento che Google decide di frapporre tra il prossimo sistema operativo Androide e il mercato: gli sviluppatori e gli utenti interessati potranno sperimentare la nuova interfaccia ottimizzata per i tablet, la navigazione web, le API e tutto quanto.

Andorid 3.0 andrà a competere direttamente con iOS e iPad, e Google ha deciso di muovere guerra al gadget di Cupertino focalizzando l'attenzione sul multitasking e la possibilità di sparare su schermo un buon numero di notifiche come già avviene con Android 2.3 per smartphone.
Il layout della nuova interfaccia grafica di Android 3.0 prevede che si faccia un largo uso di widget organizzati in "stack" e schermi "home" multipli personalizzabili a piacimento. Naturalmente simile a Chrome risulta la navigazione web, con le schede dei siti web attualmente aperti posizionate al di sopra degli elementi di controllo del browser.

A una nuova interfaccia corrisponde un nuovo framework per lo sviluppo di "app", e una delle caratteristiche più evolute prevede la possibilità di presentare contenuti su un numero molteplice di schermi, tablet e smartphone utilizzabili in contemporanea. Grazie all'SDK preview, gli sviluppatori Android potranno infine cominciare a sperimentare con il framework di animazione, la grafica 2D accelerata via hardware e il supporto ai processori multi-core.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
91 Commenti alla Notizia Honeycomb, assaggi di Android 3.0
Ordina
  • punta tutto sulla lista della spesa e i coupon... non c'è che dire sono impressionato!A bocca aperta

    MeX
    16902
  • - Scritto da: MeX
    > punta tutto sulla lista della spesa e i coupon...
    > non c'è che dire sono impressionato!
    >A bocca aperta

    Ovvio che sei impressionato, c'è la camera frontaleA bocca aperta
    ruppolo
    33147
  • Poveretti... quando anche iPAD sarà relegato in secondo, terzo e quarto piano degli scaffali rideremo tutti insieme ehA bocca aperta ?
    non+autenticato
  • ..solo una domanda.. ma con questo Android dedicato ai tablet, che senso ha più Chrome OS ?? ..allora era veramente solo fuffa per "rispondere" all'attacco di Microsoft verso le web-application con la versione cloud based di Office (altra fuffa..)
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 01 febbraio 2011 11.49
    -----------------------------------------------------------
  • Ho visto l'anteprima su arstechnica, ma questo "honeycomb" mi sembra avere un'interfaccia molto pasticciata. Mi ricorda un po' i software M$ che vogliono fare tutto... ma lo fanno male.
    E sembra anche piuttosto lontano da una release definitiva...
    non+autenticato
  • Ti riferisci all'interfaccia dell'sdk o al prodotto che ne esce usando l'sdk?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Geomante
    > Ti riferisci all'interfaccia dell'sdk o al
    > prodotto che ne esce usando l'sdk?

    L'interfaccia: http://arstechnica.com/gadgets/news/2011/01/first-...
    non+autenticato
  • Per i tablet dei prossimi anni ci vuole un vero multitasking tipo os da pc, non un sistema che killa le app quando pare a lui e si aspetta che vadano in pausa quando non sono più in primo piano.

    Se Honeycomb sarà in grado di fare questo potranno venire fuori prodotti tosti... altrimenti se seguirà le orme di iPadella sarà meglio rivolgersi a MeeGo, WebOS o simili per i tablet di fascia alta
    non+autenticato
  • Android killa quando finisce la memoria.
    L'alternativa sarebbe un crash di sistema... non è un problema di Android, anche i PC, quando finisce swap e memoria prendono iniziative di questo genere, solo che sono gestite in maniera meno elegante
    non+autenticato
  • Sì ma l'approccio è molto diverso:

    - un os tradizionale ti fa sempre esplicitamente scegliere cosa tenere aperto (e lo esegue in multitaking) e cosa chiudere, mentre android tende a farti tenere tutto aperto (in pausa, a parte i servizi) per poi decidere lui cosa chiudere

    - un os tradizionale ha anche uno swap, per cui prima di negare la memoria ai software l'utente nota un pesante rallentamento di prestazioni che gli fa notare che il sistema è sovraccarico e che è ora di chiudere qualcosa (poi decide lui cosa)

    Questa differenza c'è anche tra Maemo e Android, avendo usato entrambi ritengo più adatto l'approccio tipo Maemo (MeeGo) se le risorse di sistema lo consentono e se le dimensioni del display sono tali da poter utilizzare più di un'applicazione alla volta (es. affiancate sullo schermo)
    non+autenticato
  • Pardon, ovviamente...

    - Scritto da: the_m
    > - un os tradizionale ha anche uno swap, per cui
    > prima di negare la memoria ai software l'utente
    > nota un pesante rallentamento di prestazioni che
    > gli fa notare che il sistema è sovraccarico e che
    > è ora di chiudere qualcosa (poi non decide lui
    > cosa)
    non+autenticato
  • - Scritto da: the_m
    > Sì ma l'approccio è molto diverso:
    >
    > - un os tradizionale ti fa sempre esplicitamente
    > scegliere cosa tenere aperto (e lo esegue in
    > multitaking) e cosa chiudere, mentre android
    > tende a farti tenere tutto aperto (in pausa, a
    > parte i servizi) per poi decidere lui cosa
    > chiudere
    >
    > - un os tradizionale ha anche uno swap, per cui
    > prima di negare la memoria ai software l'utente
    > nota un pesante rallentamento di prestazioni che
    > gli fa notare che il sistema è sovraccarico e che
    > è ora di chiudere qualcosa (poi decide lui
    > cosa)

    - un os tradizionale consuma così tante risorse che una batteria da 6000 mah dura si e no 4 ore, figuriamoci se può essere usato in oggetti che devono arrivare a fare una giornata almeno con batterie molto più piccole.
    Che facciamo? Vogliamo il multitasking per far girare in background un rendering tridimensionale mentre controlliamo la posta?
    non+autenticato
  • E' Apple che vi mette in testa queste stupidaggini?
    Un os con un vero multitasking non deve per forza consumare più risorse di uno con un multitasking monco. E tutti i Maemo, WebOS, Symbian, ecc. in giro lo dimostrano.
    (Vedi mio post di risposta a ruppolo più sotto)
    non+autenticato
  • - Scritto da: the_m
    > Per i tablet dei prossimi anni ci vuole un vero
    > multitasking tipo os da pc, non un sistema che
    > killa le app quando pare a lui e si aspetta che
    > vadano in pausa quando non sono più in primo
    > piano.
    >
    > Se Honeycomb sarà in grado di fare questo
    > potranno venire fuori prodotti tosti...
    > altrimenti se seguirà le orme di iPadella sarà
    > meglio rivolgersi a MeeGo, WebOS o simili per i
    > tablet di fascia
    > alta

    L'attuale sistema di multitasking è il migliore, per questo genere di dispositivi.

    A te sfugge un dettaglio fondamentale, che differenzia i tablet (perlomeno iPad, non so se Galaxy Tab funziona allo stesso modo) dai vari notebook, netbook, Mac e PC: sono dispositivi SEMPRE ACCESI. Questo significa che se la gestione del multitasking fosse affidata all'utente, questi si ritroverebbe ogni tre per due col tablet defunto, ovvero con la batteria a zero.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo

    > A te sfugge un dettaglio fondamentale, che
    > differenzia i tablet (perlomeno iPad, non so se
    > Galaxy Tab funziona allo stesso modo) dai vari
    > notebook, netbook, Mac e PC: sono dispositivi
    > SEMPRE ACCESI. Questo significa che se la
    > gestione del multitasking fosse affidata
    > all'utente, questi si ritroverebbe ogni tre per
    > due col tablet defunto, ovvero con la batteria a
    > zero.

    Perché l'utente è stupido, nevvero? Non generalizzare, non siamo tutti come i macachi.
    Funz
    13000
  • - Scritto da: Funz
    > - Scritto da: ruppolo
    >
    > > A te sfugge un dettaglio fondamentale,
    > che
    > > differenzia i tablet (perlomeno iPad, non so se
    > > Galaxy Tab funziona allo stesso modo) dai vari
    > > notebook, netbook, Mac e PC: sono dispositivi
    > > SEMPRE ACCESI. Questo significa che se la
    > > gestione del multitasking fosse affidata
    > > all'utente, questi si ritroverebbe ogni tre per
    > > due col tablet defunto, ovvero con la batteria a
    > > zero.
    >
    > Perché l'utente è stupido, nevvero? Non
    > generalizzare, non siamo tutti come i
    > macachi.

    beh il 90% degli utenti in effetti è stupido, o meglio, ignorante
  • - Scritto da: Funz
    >
    > Perché l'utente è stupido, nevvero? Non
    > generalizzare, non siamo tutti come i
    > macachi.

    punto 1, i macachi perlomeno hanno fatto una scelta, a differenza del resto degli utenti winari.

    punto 2, almeno il 90% di chi ha a che fare con qualsiasi tecnologia, è un utonto. Le aziende si rivolgono a loro, non agli smanettoni
    non+autenticato
  • - Scritto da: bertuccia
    > - Scritto da: Funz
    > >
    > > Perché l'utente è stupido, nevvero? Non
    > > generalizzare, non siamo tutti come i
    > > macachi.
    >
    > punto 1, i macachi perlomeno hanno fatto una
    > scelta, a differenza del resto degli utenti
    > winari.
    Purtroppo la loro scelta è stata: non farò mai più scelte.
    Si potrebbe fare una scelta del tipo: uso il SO che mi serve per fare la cosa che mi serve?
    >
    > punto 2, almeno il 90% di chi ha a che fare con
    > qualsiasi tecnologia, è un utonto.
    Vero. Ci sono utonti molto più utonti di adesso che lavoravano come utonti sugli AS/400 con programmi poco user friendly ma che lavoravano perfettamente.
    Perchè se uno è utonto non è che non riesce a schiacciare i tasti o a leggere sul monitor: deve APPRENDERE come si fa in una data maniera.

    > Le aziende si
    > rivolgono a loro, non agli
    > smanettoni
    Mica tanto... le aziende markettare vuoi dire.
    non+autenticato
  • Immagino che, a discapito di qualsivoglia difetto possa avere, financo il più macroscopico, sarà osannato urbi et orbi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Terenzio
    > Immagino che, a discapito di qualsivoglia difetto
    > possa avere, financo il più macroscopico, sarà
    > osannato urbi et
    > orbi.

    Complimenti per il "Windroid", azzeccato in pieno.
    ruppolo
    33147
  • Sai cosa fa tanto ridere? Una volta quelli con il tuo problema osannavano i power PC.

    Poi Apple è passata a Intel.

    E da quel momento andava bene.

    Se per assurdo un giorno Apple montasse Android, quest'ultimo diventerebbe il SO più bello del mondo.

    Siete patetici all'inverosimile e, francamente, continuo a non capire cosa possiate centrare voi con l'informatica.
    non+autenticato
  • Sono un utente Windows da 16 anni.

    Nella mia esperienza di sistemi operativi ne ho visti ed usati tanti.
    Ma tanti.

    Utente Mac da settembre 2010.

    La differenza, positiva, l'ho notata _subito_.

    So quello che dico e lo so per cognizione di causa.

    Non hai nulla da insegnarmi.
    non+autenticato
  • Benvenuto tra noi.

    Un'altro mondo, eh?A bocca aperta
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Benvenuto tra noi.
    >
    > Un'altro mondo, eh?A bocca aperta


    Grazie!

    Assolutamente sì, un altro mondo Sorride
    Sono un nuovo utente molto soddisfatto!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Terenzio
    > Sono un utente Windows da 16 anni.
    >
    > Nella mia esperienza di sistemi operativi ne ho
    > visti ed usati tanti.
    >
    > Ma tanti.
    >
    > Utente Mac da settembre 2010.
    >
    > La differenza, positiva, l'ho notata _subito_.
    >
    > So quello che dico e lo so per cognizione di
    > causa.
    >
    > Non hai nulla da insegnarmi.
    qualcosa ce l'ha certamente. visto che NON sai leggere.
    Lui ha parlato di architettura hardware (e del relativo fanatismo apple che dava perfetti i PPC sinche Apple non e' passata agli x86). L'os non c'entra.
    non+autenticato
  • Grazie, però non so se l'amico qua sopra sa cosa sia l'hw ed il sw.
    Probabilmente è un altro mondo perchè è un utonto.

    Ruppolo è contento perchè ha potenzialmente un altro "pollo" nel paniere Rotola dal ridere.
    non+autenticato
  • PPC era RISC, di fatto superiore a Intel

    Il passaggio a Intel non è certo avvenuto per la superiorità "tecnica" di Intel, ma per i costi più bassi e soprattutto una capacità produttiva maggiore
    MeX
    16902
  • - Scritto da: MeX
    > PPC era RISC, di fatto superiore a Intel
    >
    > Il passaggio a Intel non è certo avvenuto per la
    > superiorità "tecnica" di Intel, ma per i costi
    > più bassi e soprattutto una capacità produttiva
    > maggiore

    for cortesy, non diciamo cose inesatte.
    Sono due architetture diverse(punto)
    non+autenticato
  • PPC era RISC, di fatto superiore a Intel

    Il passaggio a Intel non è certo avvenuto per la superiorità "tecnica" di Intel, ma per i costi più bassi e soprattutto una capacità produttiva maggiore
    MeX
    16902