Raffaella Gargiulo

Nokia, terzo campanello d'allarme

Altro calo di profitti per la società. Scende del 21 per cento. Intanto si annunciano rimpasti del consiglio di amministrazione e cambiamenti per rilanciare il marchio Nokia sul mercato

Roma - Sostanzioso calo di profitti per Nokia. Ad annunciarlo è stata l'azienda attraverso un comunicato stampa in cui ha dichiarato che l'utile netto della società è sceso del 21 per cento, dai 948 milioni nel quarto trimestre del 2009 ai 745 milioni di euro nel quarto trimestre del 2010. Si tratta del terzo decremento trimestrale di fila per la società finlandese, il primo con Stephen Elop come CEO.

I risultati però non sono del tutto negativi. L'azienda ha visto crescere le vendite dei propri smartphone, il fatturato complessivo trimestrale è infatti aumentato salendo del del 2 per cento a 12,65 miliardi di euro, mentre dall'altro lato non è riuscita a fermare il calo delle quote di mercato che sono arrivate intorno al 32 per cento, contro il 34 per cento dell'ultimo trimestre del 2009.

Nel comunicato stampa diffuso dalla società, si è anche annunciato un rimpasto del consiglio di amministrazione. In particolare due membri del consiglio, Lalita Gupte e Keijo Suila, lasceranno le proprie poltrone. La Corporate Governance di Nokia e il Comitato delle Nomine proporranno nuovi nomi, in particolare Jouko Karvinen (CEO di Stora Enso), Helge Lund (presidente e amministratore delegato di Statoil Gruppo) e Kari Stadigh (Presidente di Sampo), all'Assemblea Annuale per essere eletti come membri del Consiglio di Amministrazione di Nokia fino al 2012.
Intanto, il CEO Stephen Elop, a seguito dell'annuncio di tale ribasso della società, ha dichiarato che ci sono ancora forti speranze di reale miglioramento dell'azienda. "Le tendenze di crescita nel mercato dei dispositivi mobili continuano ad essere incoraggianti". "Eppure - ha dichiarato il CEO - Nokia deve affrontare alcune sfide significative a livello competitivo. In breve, l'industria è cambiata ed è ora il momento per Nokia di cambiare più velocemente".

Le sfide per l'azienda sono molte. Non solo per via dello strapotere di Apple nel settore, ma anche la crescita di Android di Google che è diventata in poco tempo la seconda piattaforma smartphone più diffusa dopo Symbian.

Inoltre, anche a livello di software il colosso finlandese di telefonia dovrà prendere delle decisioni importanti, decidendo se proseguire il cammino Symbian o abbandonando il sistema storico del gruppo, e investire su realtà alternative come Android o Meego. Elop, tuttavia, ha insistito: Nokia continuerà lo sviluppo di prodotti per Symbian, dichiarando di essere molto contento dell'impatto positivo che la piattaforma ha portato all'azienda.

Raffaella Gargiulo
Notizie collegate
  • BusinessNokia, trimestrale in rialzoPositivo l'ultimo periodo della finlandese. Che però annuncia 1.800 licenziamenti e una nuova strategia sul versante software: primi passi della cura Elop
  • TecnologiaNokia: tanto peggio, tanto meglio Il CEO Kallasvuo rilancia le speranze di Symbian e rinnova l'impegno sul mercato USA. Con il prossimo N8, promette, l'azienda finlandese si riprenderà lo scettro anche nel comparto degli smartphone
253 Commenti alla Notizia Nokia, terzo campanello d'allarme
Ordina
  • QUalcuno suggerisce che Nokia adotti Windows Phone, ecco un dato interessante emerso oggi

    http://www.techflash.com/seattle/2011/01/microsoft...
  • - Scritto da: LaNberto
    > QUalcuno suggerisce che Nokia adotti Windows
    > Phone, ecco un dato interessante emerso
    > oggi
    >
    > http://www.techflash.com/seattle/2011/01/microsoft

    Come qualcuno fa osservare (tra i primi commenti), "Windows" come nome è una scelta infelice. Windows è associato a malfunzionamenti e malware (oltre che vari abusi di posizione dominante), a quanto di peggio c'è nel panorama informatico. E allo schifo di Windows Mobile.
    ruppolo
    33147
  • Nokia punterà su Meego, i prossimi mesi avremo delle notizie, non postate link sul fatto che Meego è morto che non è vero.
    La mia previsione è questa: tablet Nokia e nuovi Nokia entro la fine del 2011 con Meego.
    Ci risentiamo tra qualche mese.
    non+autenticato
  • Io personalmente penso che Nokia non ha speranza di recuperare e deve scegliere, al più presto, un settore più congeniale alla sua struttura industriale.
    Non è più capace di fare telefoni che attraggono l'interesse dei consumatori!
  • - Scritto da: criant71
    > Io personalmente penso che Nokia non ha speranza
    > di recuperare e deve scegliere, al più presto, un
    > settore più congeniale alla sua struttura
    > industriale.
    > Non è più capace di fare telefoni che attraggono
    > l'interesse dei
    > consumatori!

    Il suo settore è dall'altra parte della barricata, apparati per reti gsm.

    Qui ha finito, sia con gli smartphone che con i cellulari da poco prezzo.
    ruppolo
    33147
  • e il suo posto chi lo prende, iphone da 700 euro?
    non+autenticato
  • no, i cinesi coi telefoni da 80
  • - Scritto da: LaNberto
    > no, i cinesi coi telefoni da 80
    E' una risposta così, per scherzo...lo spero per te...
    non+autenticato
  • lo speri per me? la fascia da 700 euro nikia l'ha persa da tre anni, quella da 200 la sta perdendo ora
  • Io guarderei i profitti. Lo share non è l'obbiettivo primario, specie coi telefoni di fascia alta
  • vivete in un mondo parallelo voi apple fans che esiste solo nei vostri sogni

    http://www.tomshw.it/cont/news/in-italia-si-parla-...
    non+autenticato
  • Ok, al prossimo trimestre ci si ritrova e me lo ridici
  • Cacchio, ma da quanto se ne parla pensavo che apple fosse al 120% e non al 12%.
    non+autenticato
  • In Italia Nokia é al 65%, smartphone, non cellulari. Vuol dire che 2 su 3 comprano Nokia. C`é da domandarsi, perché si parla sempre di tutto il resto, quando tutti insieme si spartiscono solo un terzo del mercato?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Piero
    > In Italia Nokia é al 65%, smartphone, non
    > cellulari. Vuol dire che 2 su 3 comprano Nokia.
    > C`é da domandarsi, perché si parla sempre di
    > tutto il resto, quando tutti insieme si
    > spartiscono solo un terzo del
    > mercato?

    sebbene sia uno dei mercati a cui tutti i produttori di cellulari guardano, l'Italia non è il mondo.
  • certo, ma qui si parla di italia...qua si parla solo di iphone e android, quando due terzi é Nokia...
    non+autenticato
  • - Scritto da: piz
    > certo, ma qui si parla di italia...qua si parla
    > solo di iphone e android, quando due terzi é
    > Nokia...

    comunque la quota di marketshare che si ha al momento conta poco, conta la crescita. Un'azienda non può vivere di rendita sulla gloria.
  • forse non mi sono spiegato bene...sto parlando dell' Italia, non del mondo, dell'Italia!!

    In Italia quanto senti parlare di Nokia?? Quansi niente. Tutti a parlare i iPhone che non ce l'ha quasi nessuno e android che non ce l'ha quasi nessuno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: piz
    > forse non mi sono spiegato bene...sto parlando
    > dell' Italia, non del mondo,
    > dell'Italia!!
    >
    > In Italia quanto senti parlare di Nokia?? Quansi
    > niente. Tutti a parlare i iPhone che non ce l'ha
    > quasi nessuno e android che non ce l'ha quasi
    > nessuno.

    Ti sei spiegato bene. Forse io non mi sono spegato bene.
    Hai mai visto "mai dire... * " della Gialappa's? Qualche anno fa c'era un personaggio di Fabio De Luigi che faceva la parodia del pubblicitario che si rivolgeva con sviolinate assurde al "nuovo acquirente", bistrattando pesantemente il "vecchio cliente". Al di là della parodia è esattamente quello che vuole ogni azienda: nuovi acquirenti.
    Se si parla di marketshare, la discussione si riduce semplicemente al "chi ce l'ha più grosso" ma sappiamo benissimo che più un'azienda ha un'ampia penetrazione nel mercato, più rischia di non crescere oltre e di vedere, anzi, erosa la sua quota da concorrenti più agguerriti e spregiudicati.

    Secondo: quel "Quasi nessuno" mi puzza di fanboy invidioso, visto che comunque si parla di milioni di telefoni e poi, guardandomi attorno (vado al lavoro in treno ed autobus), vedo molta gente con smartphone apple, samsung, htc, qualche blackberry... O i Nokia sono così anonimi che non si notano, oppure i possessori di Nokia non si fanno vedere in giro, come i vampiri o gli elettori di B.

    * Domenica, Lunedì, Martedì, Gol, Banzai, Grande Fratello, TV... eccetera
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 01 febbraio 2011 08.56
    -----------------------------------------------------------
  • chi compra un nokia lo fa per il navigatore. Gli altri desiderano esibirsi per qualcosa che spesso é inutile. Il 65% di Nokia é un fatto indiscutibile, un dato certo in Italia
    non+autenticato
  • - Scritto da: arte
    > chi compra un nokia lo fa per il navigatore.

    ah, quindi non come smartphone? Rotola dal ridere

    > Gli altri desiderano esibirsi per qualcosa che spesso
    > é inutile. Il 65% di Nokia é un fatto
    > indiscutibile, un dato certo in
    > Italia

    sì certo... le certezze dell'universo sono il pigreco, la velocità della luce e il 65% di Nokia.
  • Vorresti mettere in dubbio un dato certo?
    http://www.italiamac.it/iphone/2011/01/secondo-una.../

    da italiamac...
    non+autenticato
  • - Scritto da: nibiru
    > Vorresti mettere in dubbio un dato certo?
    > http://www.italiamac.it/iphone/2011/01/secondo-una

    allora:
    1. l'articolo che hai linkato non parla di smartphone ma di telefonini in generale
    2. un dato certo è che Nokia è comunque in crisi di vendite, e quindi questa percentuale deriva da anni passati di dominio di mercato e molto probabilmente verrà erosa
    3. iPhone, arrivato in italia, è stato castrato pesantemente da contratti esosi attuati dal cartello TIM-Vodafone. Da quando è subentrata la Tre, nelle mani dei miei famigliari ed amici vedo un fiorire di iPhone

    4. e ultimo ma più importante e che chiude tutti gli altri punti: il mio appunto precedente non voleva mettere in dubbio la validità del dato ma era per dire "chi se ne frega?"

    Ciao
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 01 febbraio 2011 23.23
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: il solito bene informato

    > 1. l'articolo che hai linkato non parla di
    > smartphone ma di telefonini in
    > generale
    Ahahah, lo studio del politecnico parla di smartphone, non di cellulari
    http://www.tomshw.it/cont/news/in-italia-si-parla-...

    è difficile per un fans dell'aifone pensare a questo, vero?
    si mette in discussione anche l'evidenza?...
    non+autenticato
  • - Scritto da: gabriele
    > - Scritto da: ruppolo
    >
    > >
    > > Quello che preferisci tu è irrilevante, la
    > > presenza di tasti o meno è dettata dal sistema
    > > operativo utilizzato.
    >
    > Io sono un potenziale cliente come milioni li
    > fuori, quello che preferiamo noi conta eccome, e
    > le preferenze cambiano da persona a persona,
    > android può gestire 1000 sfaccettature dello
    > stesso sistema operativo, andando in contro
    > quindi a molteplici gusti. diversamente con iOS,
    > se ti piace, puoi avere solo un form factor,
    > l'iphone.

    Si parla di pulsanti. Se il sistema prevede pulsanti, pulsanti ci saranno, che a te piaccia o meno.

    > > > gli sviluppatori si
    > > > adattano tranquillamente,
    > >
    > > Gli sviluppatori sono gli unici che si devono
    > > adattare, e non lo fanno tranquillamente (se
    > > devono fare mille versioni differenti dello
    > > stesso software).
    >
    > Gli unici che non sono tranquilli sono i fanboy
    > apple, gli sviluppatori android aumentano ogni
    > giorno, e relative app.

    Sviluppatori e software di poco pregio.

    > Adattare un'applicazione
    > a più dispositivi non è un compito difficile per
    > uno
    > sviluppatore.

    Certo che no, ma ci vuole tempo, e il tempo è denaro.

    > > Infatti, per questo preferiscono iOS.
    > Esatto, e subito dopo per android, quindi i tuoi
    > discorsi meglio o peggio per sono stronzate.

    Subito dopo? Si, qualcuno, a tempo perso.

    > > Cheee????!!
    > >
    > > Certo, i costruttori che sviluppano ANCHE la
    > > piattaforma, non certo gli altri. Sono esclusi
    > > quindi tutti i produttori di terminali Android.
    > >
    > Sei fuori dal mondo : )

    Si si, come no...


    >
    > >
    > > > Android è un OS libero, libero per tutti,
    > >
    > > Per tutti meno che per gli utenti.
    > >
    > > > grazie
    > > > a questa libertà tu
    > >
    > > "tu" chi?
    > >
    > buongiorno principessa...caffè?

    Liscio, grazie.

    > > > puoi prenderlo e limitarne la
    > > > libertà per per l'utente finale questo è vero,
    > > ma
    > > > fortunatamente esistono dispositivi che
    > > > soddisfano l'esigenze di tutti,
    > >
    > > Non credo proprio.
    >
    > Quello che credi tu non ha importanza.

    Fai pure nome e cognome dei suddetti "dispositivi che soddisfano l'esigenze di tutti". Ne basta anche uno, grazie.


    > > > e se ti piace
    > > > android, li fuori ce c'è sicuramente uno che
    > fa
    > > > al caso tuo,
    > >
    > > Sono tutti uguali.
    >
    > Se fossero tutti uguali non ci sarebbe il
    > problema della
    > frammentazione.

    Sono tutti uguali riguardo l'esperienza che l'utente ne può avere, ma abbastanza diversi per impedire gli aggiornamenti dalla fonte e per mettere i bastoni tra le ruote agli sviluppatori (come non bastasse il fatto che i clienti Android non intendono spendere un centesimo in software).

    > > > basta saper scegliere. con iphone
    > > > invece c'è solo
    > > > iphone.
    > >
    > > E con Android c'è solo Android, esattamente come
    > > con Windows c'è solo Windows.
    >
    > Iphone è un prodotto finito, android è un OS che
    > può essere installato su molteplici dispositivi
    > diversi l'uno dall'altro.

    Diversi qb per rompere i marroni a tutti.

    > > Nemmeno mio è il problema degli utenti Android
    > IncoscientiSorride ma siccome sono tutti geek e nerd
    > non dovrebbero esserci
    > problemi.

    Infatti, non ve ne sono.

    > > che già oggi non possono più aggiornare il loro
    > > terminale.
    > >
    > Se quella è la loro priorità ci sono dispositivi
    > adeguati.

    È la priorità di qualsiasi computer.

    > > Android è l'ultimo, non il primo.
    >
    > Vuoi anche una brioche insieme al caffè?

    Si grazie.
    Beh tra poco sarà WebOS l'ultimo, ma per ora rimane Android.

    >
    > > > come tu non ti stanchi mai di far
    > > > finta di non capire
    > >
    > > Sei tu che fai finta di non capire. Ad oggi i
    > > terminali Symbian sono i più diffusi sul
    > pianeta,
    > > ma questo conta zero. Se non capisci il perché,
    > > non sei in grado di capire nulla del mondo
    > > informatico.
    > >
    >
    > Non ho mai parlato di symbian, torna in
    > carreggiata su, perchè a fare il deficiente vinci
    > tu.

    Symbian = prodotto molto acquistato poco utilizzato. Come i netbook. Come Android, visto che i dati di utilizzo non sono congruenti con i dati di vendita.

    > > La ragione sono io che te la sbatto in faccia, e
    > > sono le statistiche di utilizzo. Sai, dei
    > > Commodore 64 presenti nelle soffitte non
    > > interessa nessuno.
    >
    > Bene quando vuoi parlare di statistiche
    > d'utilizzo parliamone, ma non era questo il
    > discorso, ah già vero che tu pur di aver qualcosa
    > da dire mischi numeri a
    > caso.

    Si, parlo di statistiche di utilizzo. Se il prodotto viene e continua ad essere utilizzato significa che va bene e che ci si può investire in risorse (tempo, accessori, software, contenuti).
    Ovviamente parlo del UTENTE.

    > > Ridi pure, per ora io ho avuto ragione e tu
    > torto.
    >
    > Come il fatto che android non se lo sarebbe
    > cacato nessuno.
    > già.

    Veramente ho stabilito un periodo, non ho detto "ora" o "da subito".
    Come per i netbook, ci vogliono 2 o 3 anni al massimo, dal momento di buona disponibilità nel singolo paese.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    cut.


    Sei fuori dal mondo ruppolo.

    http://www.engadget.com/2011/01/31/canalys-android.../
    non+autenticato
  • - Scritto da: gabriele
    > - Scritto da: ruppolo
    > cut.
    >
    >
    > Sei fuori dal mondo ruppolo.
    >
    > http://www.engadget.com/2011/01/31/canalys-android

    Mi indichi cortesemente dove sono finiti i 31 milioni di Nokia venduti lo scorso trimestre?
    http://marketshare.hitslink.com/report.aspx?qprid=...
    Stanno navigando su Marte?
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: gabriele
    > > - Scritto da: ruppolo
    > > cut.
    > >
    > >
    > > Sei fuori dal mondo ruppolo.
    > >
    > >
    > http://www.engadget.com/2011/01/31/canalys-android
    >
    > Mi indichi cortesemente dove sono finiti i 31
    > milioni di Nokia venduti lo scorso
    > trimestre?
    > http://marketshare.hitslink.com/report.aspx?qprid=
    > Stanno navigando su Marte?

    Ti linko una notizia che segna un traguardo senza precedenti da anni a questa parte e te ne esci con questa domanda?

    Android è l'OS per smartphone che vende di più sul pianeta, non sei happy?
    non+autenticato
  • Da quando hanno trasferito la produzione in Cina le cose vanno male... meritano di fallire!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Cavallo Pazzo
    > Da quando hanno trasferito la produzione in Cina
    > le cose vanno male... meritano di
    > fallire!
    Gli altri dove hanno la produzione?? Non in Cina???
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)