Mauro Vecchio

Una vita nel Tubo

Gli utenti di YouTube potranno assistere in streaming alla replica del lungometraggio Life in a Day. Il progetto in crowdsourcing del regista Kevin MacDonald ha già stregato la platea del Sundance Film Festival

Roma - Piccoli frammenti video, brevi rappresentazioni ordinarie di grandi sentimenti come l'amore. Clip in pillole sulla vita di milioni di persone, tra sogni ed amare delusioni. Tra vita e morte. Parola di Kevin MacDonald, meglio conosciuto dagli appassionati di cinema per i film L'ultimo re di Scozia e State of Play. Il regista scozzese è recentemente intervenuto nel corso della premiere della sua ultima fatica di celluloide, una sorta di grande kolossal girato insieme all'intera comunità di YouTube.

Prodotto da Ridley Scott, l'ambizioso progetto di Life in a Day è stato presentato ieri nel corso dell'ultima edizione del Sundance Film Festival. Un'anteprima che ha attirato la massa di abitanti della città statunitense di Park City, curiosi di assistere ad uno spettacolo unico nel suo genere. Un lungometraggio di circa 90 minuti girato a partire dall'assemblaggio di circa mille clip inviate dagli utenti del Tubo.

Le selezioni per Life in a Day erano iniziate alla fine dello scorso luglio, dopo che l'accoppiata MacDonald/Scott aveva inviato gli utenti di YouTube a girare una clip sulla propria esistenza, esattamente il 24 luglio del 2010. I due registi erano stati successivamente costretti a visualizzare quasi 80mila filmati provenienti da quasi 200 paesi del mondo. Un successo strepitoso per un film in crowdsourcing che ha commosso la platea del Sundance.
La piattaforma di video sharing di Google darà ora la possibilità ai suoi utenti di rivedere il film in diretta streaming. In Italia sarà possibile collegarsi all'apposito canale a partire dalle ore 19 di oggi. Nel frattempo, la casa di produzione non profit National Geographic Films ha acquisito i diritti per la distribuzione nelle sale del film Life in a Day. L'uscita è prevista - non a caso - per il prossimo 24 di luglio.



Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàGuggenheim, il Tubo e l'arte dal bassoAnnunciati i vincitori del YouTube Play. Premiati venticinque video provenienti da tutto il mondo. Secondo gli ideatori, trionfano la creatività e il potenziale egualitario del Web
  • BusinessMi fitto un film su YouTubeGoogle sarebbe pronta a siglare un accordo con alcune major hollywoodiane. Per trasformare il suo Tubo in un sistema pay-per-view da gustare nel salotto di casa. Magari su una GoogleTV?