Mauro Vecchio

Apple e la lettura a porte chiuse

L'applicazione per l'acquisto e la lettura dei libri elettronici distribuiti da Sony verrà di fatto estromessa dai meandri dello store di Cupertino. Agli sviluppatori è stata comunicata la chiusura agli acquisiti su piattaforme terze

Roma - Si tratta di una decisione che ha scatenato non poche critiche, circa le attuali pratiche di gestione di uno dei negozi di applicazioni più vasti e popolati. I vertici di Apple avrebbero infatti deciso di stringere ulteriormente le cinghie per una sorta di chiusura ermetica ai confini del suo app store.

Un meccanismo ancora più rigido di controllo alla frontiera virtuale, come annunciato da un articolo apparso tra le pagine online del New York Times. Apple avrebbe rifiutato la richiesta d'accesso già inoltrata dal gigante nipponico Sony, lasciando fuori la sua applicazione per la lettura di ebook su dispositivi come iPhone e iPad.

Ma cosa ci sarebbe di sbagliato in un'app del genere? Semplicemente, la possibilità offerta a tutti gli utenti mobile di avere accesso al Sony Reader Store. In pratica, di comprare su iPhone un libro in formato elettronico distribuito dal colosso giapponese. Apple ha comunicato a tutti gli sviluppatori che non sarà possibile acquistare al di fuori dell'app store.
"È l'opposto di quello che volevamo portare al mercato - ha spiegato il presidente della divisione digitale di Sony, Steve Haber - Noi vogliamo portare i contenuti a tanti dispositivi, non ad un solo device in un solo negozio". Ma Apple pare ferma sulle sue posizioni, almeno stando all'articolo del NYT.

E le conseguenze di questa decisione potrebbero risultare molto più radicali. In questa sorta di lista nera potrebbe finirci anche Amazon, dal momento che la sua app permette agli utenti di acquistare e leggere libri elettronici a partire dallo store di Kindle. Che Apple abbia iniziato la crociata contro i nemici della lettura su tablet?

L'ipotesi più accreditata è che l'azienda di Cupertino abbia intenzione di aggredire Amazon nella sua leadership sul mercato dei libri elettronici. Più di un osservatore ha ricordato l'imminente accordo tra Apple e News Corp., con il CEO Rupert Murdoch pronto a svelare a New York ulteriori dettagli su questa nuova alleanza del device.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàNiente Playboy per iPadO, meglio, niente app: la rivista prepara una sottoscrizioni web based per superare il controllo di App Store. Ma in cantiere c'è anche una versione puritana
  • AttualitàWikileaks, cancellata anche da AppleE' stata rimossa dall'App Store un'applicazione dedicata al sito delle delazioni. Da Cupertino nessuna spiegazione - UPDATE
  • BusinessiPad è un e-readerCosì la pensano i lettori statunitensi. Ma se i puristi storceranno a ragione il naso, acquisisce maggiore consistenza la scelta di Nook di trasformarsi in un tablet a colori
38 Commenti alla Notizia Apple e la lettura a porte chiuse
Ordina
  • Se Sony (o chi per essa) vuole far comprare contenuti da un’applicazione scavalcando l’"In App purchase" e relative commissioni può sempre mettere un link a una pagina che sarà aperta da Safari.

    "We have not changed our developer terms or guidelines," Miller told AllThingsD. "We are now requiring that if an app offers customers the ability to purchase books outside of the app, that the same option is also available to customers from within the app with in-app purchase."

    Per me potevano anche concedere direttamente transazioni verso servizi terzi dentro alle app, ma sai che polemiche sulla sicurezza sarebbero nate ai primi scandalizzati perché credevano di pagare Sony e invece hanno pagato il cattivone di turno?
    Teo_
    2640
  • ma su windows queste cose non sono mai state fatte. nessuna applicazione che vende qualcosa di terzi è mai stata vietata o meglio nessuna applicazione è mai stata vietata. concorrenza sleale si, ma mai fino a questo schifoso punto.
    non+autenticato
  • dipende dal punto di vista, per te è concorrenza sleale, per Apple è solo gestione del proprio negozio.

    Apple ha il sacrosanto diritto di vendere quello che decide lei nel proprio negozio e la gente, se non è d'accordo prenderà altri prodotti...

    no problem!

    Sorride

    inoltre, avere un unico store, gestito dal produttore del dispositivo è anche la prima linea di difesa da eventuali attacchi software!

    Sorride
  • - Scritto da: Findi
    > Apple ha il sacrosanto diritto di vendere quello
    > che decide lei nel proprio negozio e la gente, se
    > non è d'accordo prenderà altri
    > prodotti...
    >

    Allora come mai MS, non ha il sacrosanto diritto di mettere solo exporer in un SUO prodotto? Allora come mai Apple non è costretta al ballot screen?
    non+autenticato
  • - Scritto da: italiano
    > - Scritto da: Findi
    > > Apple ha il sacrosanto diritto di vendere quello
    > > che decide lei nel proprio negozio e la gente,
    > > se non è d'accordo prenderà altri prodotti...

    > Allora come mai MS, non ha il sacrosanto diritto
    > di mettere solo exporer in un SUO prodotto?
    > Allora come mai Apple non è costretta al ballot
    > screen?

    Perche' Microsoft e' ancora in posizione dominante, quindi soggetta alle leggi antitrust.
    krane
    22544
  • - Scritto da: italiano
    > - Scritto da: Findi
    > > Apple ha il sacrosanto diritto di vendere quello
    > > che decide lei nel proprio negozio e la gente,
    > se
    > > non è d'accordo prenderà altri
    > > prodotti...
    > >
    >
    > Allora come mai MS, non ha il sacrosanto diritto
    > di mettere solo exporer in un SUO prodotto?
    > Allora come mai Apple non è costretta al ballot
    > screen?
    credo che Safari si possa disinstallare dal Mac
    non+autenticato
  • - Scritto da: Filuz
    > - Scritto da: italiano
    > > - Scritto da: Findi
    > > > Apple ha il sacrosanto diritto di vendere
    > quello
    > > > che decide lei nel proprio negozio e la gente,
    > > se
    > > > non è d'accordo prenderà altri
    > > > prodotti...
    > > >
    > >
    > > Allora come mai MS, non ha il sacrosanto diritto
    > > di mettere solo exporer in un SUO prodotto?
    > > Allora come mai Apple non è costretta al ballot
    > > screen?
    > credo che Safari si possa disinstallare dal Mac
    E sei liberissimo di NON usare ie...
    non+autenticato
  • - Scritto da: pippO
    > - Scritto da: Filuz
    > > - Scritto da: italiano
    > > > - Scritto da: Findi
    > > > > Apple ha il sacrosanto diritto di
    > > > > vendere quello che decide lei nel
    > > > > proprio negozio e la gente, se
    > > > > non è d'accordo prenderà altri
    > > > > prodotti...
    > > > Allora come mai MS, non ha il sacrosanto
    > > > diritto di mettere solo exporer in un SUO
    > > > prodotto? Allora come mai Apple non è
    > > > costretta al ballot screen?
    > > credo che Safari si possa disinstallare dal Mac
    > E sei liberissimo di NON usare ie...

    Solo grazie alla sentenza dell'antitrust...
    Inoltre essendo microsoft in posizione dominande le si applicano leggi particolari.
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane

    > > E sei liberissimo di NON usare ie...
    >
    > Solo grazie alla sentenza dell'antitrust...

    Il ballot screen è una proposta del 2008-2009, come mai usavo Firefox dal 2006?

    > Inoltre essendo microsoft in posizione dominande
    > le si applicano leggi
    > particolari.

    Indovina nel mercato dei tablet quale tablet è in posizione predominante...
  • si, ma non ti preoccupare che l'antitrust non guarda in faccia a nessuno, quando sarà il momento arriveranno anche per Apple le batoste!

    Sorride

    se sarà il caso....
  • Apple è pronta pr farsi fare la festa dall'antitrust.
    Aspetta e vedrai...
    non+autenticato
  • - Scritto da: non so
    > ma su windows queste cose non sono mai state
    > fatte. nessuna applicazione che vende qualcosa di
    > terzi è mai stata vietata o meglio nessuna
    > applicazione è mai stata vietata. concorrenza
    > sleale si, ma mai fino a questo schifoso
    > punto.

    Già, strategia vincente quella Microsoft, si è visto...
    ruppolo
    33147
  • ..probabilmente agli (o alla maggior parte degli utenti) Apple la chiusura e le varie "mandate" che sta avendo AppStore non danno molto fastidio, visto che continuano a vendere sia dispositivi che software !!! Gente interessata a poter caricare rusco e brusco sul proprio device ce n'è veramente poca !!
    non+autenticato
  • Tanto ai possessori di iPhone et similia non interessa comprare da altri che non siano Apple. Giammai contaminerebbero il loro sacro dispositivo con blasfeme nefandezze prive della benedizione del profeta Jobs.
    non+autenticato
  • Queste iniziative danno un'immagine veramente antipatica di Apple.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nello porcello
    > Queste iniziative danno un'immagine veramente
    > antipatica di
    > Apple.

    perchè a parte i fanboys sta simpatica a qualcuno?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giuda
    > - Scritto da: nello porcello
    > > Queste iniziative danno un'immagine veramente
    > > antipatica di
    > > Apple.
    >
    > perchè a parte i fanboys sta simpatica a qualcuno?

    esattamente come i fanboys, quelli che odiano Apple contribuiscono a trasformarla da azienda ad entità sovrannaturale.
    Ad un fanboy che decanta le qualità di Apple, una persona normale dovrebbe rispondere come il mitico Paolo Panelli:
    "...sticazzi?"
    Rotola dal ridere
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)