Alfonso Maruccia

Google contro Bing, il search alla guerra

Redmond e Mountain View ai ferri corti per un presunto "furto di click". Bing ci copia, sostiene Google. "Embé?", risponde Microsoft. Che rilancia: Google fa affari con lo spam

Google contro Bing, il search alla guerraRoma - Google e Microsoft, i "fratelli-coltelli" del moderno panorama tecnologico, trovano ancora una volta un motivo di scontro senza esclusioni di colpi. Parte all'attacco Google, che accusa apertamente Bing di "rubare" i click seguiti dagli utenti a partire dal motore di ricerca di BigG. Ci sono le prove - cioè gli screenshot - ma Microsoft ribatte e a sua volta accusa Google di lucrare sullo spam telematico.

L'ennesimo scontro tra le due superpotenze informatiche ha origine in occasione di Farsight 2011, un evento sponsorizzato da Bing e a cui hanno preso parte l'ingegnere anti-webspam di Google Matt Cutts e il vicepresidente di Microsoft Harry Shum. Seduto accanto a Shum, Cutts ha accusato la corporation di Redmond di tenere sotto stretto controllo i click degli utenti attraverso la toolbar Bing di Internet Explorer, mimando poi la rilevanza di tali click nelle ricerche condotte sul proprio engine.

"Abbiamo le prove" ha detto Cutts, riferendosi a una serie di screenshot raccolti da una ventina di ingegneri impegnati in un "test" con query di ricerca alquanto singolari, e che nonostante la loro singolarità tendono a fornire gli stessi risultati sia in Google che in Bing.
Rispondendo alle accuse di Cutts, Shum non ha affatto negato di usare i click degli utenti per migliorare le ricerche su Bing, anzi tutt'altro: "Gli utenti che usano il motore di ricerca sono disposti a condividere le informazioni", ha dichiarato il vicepresidente Microsoft, sostenendo che la sua azienda si comporta alla stessa maniera della concorrenza.

Ma Cutts ha ribattuto sostenendo che Google non usa i click su Bing per migliorare i suoi ranking, e alla fine del panel di discussione lo scontro si è spostato sui blog corporate delle due aziende: "Noi siamo pronti a competere con algoritmi di ricerca realmente nuovi in circolazione - ha dichiarato Amit Singhal di Google - algoritmi basati sull'innovazione, e non su risultati di ricerca riciclati e copiati da un concorrente".

In questo caso la risposta di Microsoft arriva ancora una volta dal vicepresidente Harr Shum, che in un post spiega: "Noi usiamo 1.000 diversi segnali e tratti distintivi nei nostri algoritmi di classificazione", e uno di questi segnali sono "le informazioni di clickstream ottenuti da alcuni dei nostri clienti, che accettano di condividere dati anonimizzati durante la navigazione del web per aiutarci a migliorare l'esperienza per tutti".

Le accuse di Google sono infondate, continua Shum, anzi sono esagerate ad arte per generare "rumore" in alcuni ranking di ricerca e Microsoft le considera come "un complimento" per i risultati raggiunti da Bing in questi mesi.

A questo punto tutto sembrava finito. Microsoft ha deciso però di riaprire la partita accusando a sua volta Google di fare affari d'oro con lo spam: stando a quanto sostiene Shum, dietro la creazione dei siti-spazzatura c'è un forte incentivo economico e Google vi gioca un ruolo di primo piano. "Il 70 per cento di queste pagine mostra Google Ads", rilancia Shum.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
74 Commenti alla Notizia Google contro Bing, il search alla guerra
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 17 discussioni)