Mauro Vecchio

Megaupload, attacco a luci rosse

Il cyberlocker nel mirino di Perfect 10, specializzata in contenuti per adulti. Megaupload non avrebbe denunciato il suo business negli Stati Uniti e non meriterebbe la tutele previste dal DMCA. Chiesti 5 milioni di dollari

Roma - Una nuova offensiva, lanciata di recente dai vertici di Perfect 10, azienda californiana specializzata in vari contenuti per adulti. Un'aspra causa legale, voluta dal CEO Norman Zada per colpire dritto al cuore di uno dei servizi di file hosting più popolari del web. Nell'estremo tentativo di smantellare una sorta di piramide della condivisione selvaggia, al cui vertice è stata inserita la piattaforma Megaupload.

Il cyberlocker con base ad Hong Kong avrebbe tratto i più cospicui guadagni dalle attività illecite dei suoi utenti, a partire da una sorta di ramificazione online. Nel mirino di Perfect 10 sono infatti finiti alcuni siti controllati da Megaupload, tra cui Megarotic, Megaporn e Megavideo. Tutti questi spazi web avrebbero violato in maniera massiva i diritti d'autore detenuti dalla società californiana.

Ma c'è di più. Il servizio di file hosting incoraggerebbe i suoi utenti a caricare file illeciti, premiandoli con dei punti bonus o addirittura dei soldi veri. Sempre secondo le accuse, Megaupload non avrebbe mai denunciato il suo business negli Stati Uniti, evitando di pagare anche un solo dollaro di tasse. Il cyberlocker non sarebbe nemmeno tutelabile tra le acque sicure del cosiddetto safe harbor, il porto legale per gli intermediari previsto da Digital Millennium Copyright Act (DMCA).
Non è la prima volta che la scure legale di Perfect 10 tenta di abbattersi sui protagonisti del file sharing. Un altro popolare cyberlocker - RapidShare - era finito nel mirino dei suoi avvocati, poi assolto da una corte californiana in quanto mero contenitore. Lo stesso RapidShare era passato alla controffensiva accusando Perfect 10 di essere un tipico troll del copyright, un servizio paralegale mascherato dietro una società di contenuti per adulti.

I vertici di Megaupload hanno subito sottolineato come le accuse di Perfect 10 verranno contestate in aula, dal momento che il cyberlocker avrebbe da sempre eliminato tutti quei link segnalati in base al DMCA. La società californiana avrebbe segnalato a Megaupload un link illecito ad un contenuto video della cantante Christina Aguilera. Che abbia recitato in un film porno? Intanto la società ha chiesto al giudice un risarcimento pari a 5 milioni di dollari.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, assolto il nemico RapidShareDopo essere stato incluso nell'asse del male del P2P, il servizio di hosting č stato liberato dalle accuse di un'azienda specializzata in contenuti per adulti. Non sarebbe affatto responsabile dei contenuti caricati dagli utenti
  • Diritto & InternetLe luci rosse inguaiano GoogleSecondo un imprenditore dell'hard, il motore mette a disposizione tutto quello che serve per violare aree riservate e catturare abusivamente immagini e testi. Google ci sta facendo fallire, dice
  • AttualitàFile sharing, l'ascesa degli armadiettiServizi di file hosting come RapidShare e Megaupload avrebbero ormai sostituito il P2P come standard per la violazione del copyright. Generati decine di miliardi di visite nell'anno 2010. Almeno secondo uno studio a stelle e strisce
11 Commenti alla Notizia Megaupload, attacco a luci rosse
Ordina