Mauro Vecchio

USA, pornografi contro il Tubo a luci rosse

La piattaforma RedTube è finita nel mirino di società come Brazzers e Bangbros, entrambe specializzate in contenuti per adulti a pagamento. La concorrenza del sito sarebbe sleale. Ma una corte d'appello californiana ha detto no

Roma - Era il marzo del 2009 quando la società con base ad Hong Kong Bright Imperial Limited riceveva una minacciosa lettera legale firmata da due tra i principali protagonisti del porno a pagamento su Internet. Al centro delle accuse dei due portali Brazzers e Bangbros era finita la piattaforma RedTube, da molti considerata la versione pruriginosa del famoso sito di video sharing di Google.

I gestori di RedTube sembravano averla fatta davvero grossa: "distribuzione ubiqua" e soprattutto gratuita di filmati per adulti. Una proliferazione pericolosa, che avrebbe distrutto il modello di business imposto dai vari alfieri del porno a pagamento. Gli utenti non sarebbero più stati disposti a pagare per qualcosa a loro disposizione senza alcun vincolo di natura economica.

La piattaforma RedTube era stata accusata di concorrenza sleale, di aver fatto perdere milioni di dollari a siti come Brazzers e Bangbros. Il primo, che si autodefinisce il miglior spazio online dedicato al porno, offre attualmente ai suoi membri la possibilità di avere accesso a tutti i contenuti al prezzo di circa 8 dollari al mese. Contenuti altrettanto disponibili su RedTube.
Non secondo una corte d'appello californiana. Il giudice ha infatti respinto le richieste di Brazzers e Bangbros, sottolineando come la maggior parte - se non tutti - dei video presenti su RedTube offra una semplice anteprima dei contenuti offerti dalle due società. Gli utenti interessati al singolo prodotto dovranno poi passare per i due siti, quindi sottostando ai loro modelli di business.

E la corte statunitense ha offerto anche un interessante paragone. Piattaforme come RedTube offrirebbero lo stesso servizio dei broadcaster radiofonici agli inizi del 900. Quei programmi in cui veniva presentato un brano in anteprima e successivamente indicato il luogo preciso dove poterlo acquistare. Nessuna concorrenza sleale, soltanto un utile meccanismo pubblicitario.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàDi pornografia, vergogne e P2PCorbin Fisher, specializzata in contenuti per adulti, ha offerto un periodo d'amnistia a centinaia di utenti. Che avranno due settimane per riflettere: affrontare una causa per violazione del copyright o pagare mille dollari
  • AttualitàSua Maestà e la crociata contro il pornowebAnnunciata una riunione tra il ministro delle Comunicazioni e i principali provider d'Albione. Che dovranno trovare la strada dell'autoregolamentazione per estromettere i siti pornografici dagli schermi degli abbonati
  • AttualitàPornografia, pugno duro sul P2PLarry Flint Publications ha trascinato in tribunale 365 torrentisti, alimentando il fuoco delle polemiche contro gli scariconi. E c'è chi ha minacciato di rivelare in aula nomi e soprattutto tipo di film attinti online
23 Commenti alla Notizia USA, pornografi contro il Tubo a luci rosse
Ordina
  • causa ad un linux perchè è gratis







    magari eh...??
  • - Scritto da: lellykelly
    > E' come se MS facesse causa ad un linux perchè è gratis

    Ma infatti...e' semplicemente ridicolo...la libera concorrenza e' alla base della civilta' statunitense... la scusa della concorrenza sleale non regge... se la gente apprezza il tuo competitor piu' di te...non e' andando nei tribunali o chiedendo leggi speciali che te la caverai...ma solo applicando a tua volta un modello di business concorrenziale rispetto al tuo concorrente...poi mica siamo in Italia...dove si privilegia l'azienda ai danni del consumatore...li la tutela della libera concorrenza e del consumatore sono principi sacri...basti pensare alle class actions che vengono intentate alle multinazionali...
    e se un'azienda vende roba nociva alla salute avviene lo "sputtanamento" totale...qui da noi invece non si puo' dire nemmeno il nome dell'azienda...
    non+autenticato
  • Che mi dite di hqtube.com? E' ancora peggioA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gino
    > Che mi dite di hqtube.com?

    Che e' pieno di virus...!!! stando ai rapporti su Mcfeesiteadvisor e Wot:

    http://www.siteadvisor.com/sites/hqtube.com?pip=tr...

    http://www.mywot.com/it/scorecard/hqtube.com#page-...
    non+autenticato
  • Il modello di business a pagamento è morto, e non solo per il porno, ma per tutti i contenuti multimediali. Il porno sarà semplicemente il primo a cadere (come, del resto, era stato tra i primi a svilupparsi), ma gli altri lo seguiranno presto.

    Chi si occupa di contenuti digitali deve cambiare drasticamente modello di business, e se non è abbastanza intelligente da rendersene conto verrà semplicemente spazzato via.
    non+autenticato
  • spero di no senno siamo tutti nella cacca.
    Ti spiego una cosa semplice semplice, se non c'è nulla da vendere non c'è business anche la pubblicità che va tanto di moda ha come scopo ultimo vendere qualcosa.
    Quindi un economia senza nulla da vendere non ha futuro. penso più che altro che il business cambierà ci saranno ancora servizi a pagamento nn può essere altrimenti. Sopratutto nel porno poi che si basa sulla vendita di film.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Regur Mortis
    > spero di no senno siamo tutti nella cacca.

    Perche'?

    > Ti spiego una cosa semplice semplice, se non c'è
    > nulla da vendere non c'è business anche la
    > pubblicità che va tanto di moda ha come scopo
    > ultimo vendere
    > qualcosa.

    Ti spiego una cosa ancora piu' semplice: tutti i contenuti prodotti fino ad oggi sono talmente tanti che una vita non basta per fruirli tutti.
    Quindi non frega niente a nessuno se non ne verranno prodotti altri: uno ha sempre comunque qualcosa di nuovo.

    > Quindi un economia senza nulla da vendere non ha
    > futuro.

    Il futuro e' lo scambio, il riciclo e le fonti rinnovabili!

    > penso più che altro che il business
    > cambierà ci saranno ancora servizi a pagamento nn
    > può essere altrimenti. Sopratutto nel porno poi
    > che si basa sulla vendita di
    > film.

    Gia' oggi la quantita' del materiale amatoriale autoprodotto supera quella delle produzioni ufficiali.
    E' finita l'epoca dei contenuti a pagamento!
  • > Quindi un economia senza nulla da vendere non ha
    > futuro.

    Anche un economia basata sul consumismo sfrenato, non ha alcun futuro. Ma è meglio non pensarci se non quando sarà troppo tardi.
    non+autenticato
  • > spero di no senno siamo tutti nella cacca.

    Non tutti... solo chi vende contenuti digitali.

    > Ti spiego una cosa semplice semplice, se non c'è
    > nulla da vendere non c'è business anche la
    > pubblicità che va tanto di moda ha come scopo
    > ultimo vendere
    > qualcosa.

    Vendere cosa?

    > Quindi un economia senza nulla da vendere non ha
    > futuro.

    Ovvio; quindi, devi avere qualcosa da vendere: qualcosa di vendibile. E un film (o meglio: una copia di un film) non lo è, perchè ne vendi una sola e poi tutti fanno altre copie, che a loro costano molto meno e possono venderle a meno (o addirittura regalarle).

    > penso più che altro che il business
    > cambierà ci saranno ancora servizi a pagamento

    Tipo? Che genere di servizi?

    Devi fare un servizio che non sia un file duplicabile, ma qualcosa di diverso.

    > Sopratutto nel porno poi
    > che si basa sulla vendita di
    > film.

    La pornografia è vecchia quanto l'uomo, se l'è sempre cavata, ed ha dovuto vedersela con ostacoli ben più gravi di questo. Non sparirà, ma prenderà altre forme.
    La vendita di film, invece, è finita. L'industria del porno è la prima ad accorgersene, ma poi toccherà anche agli altri.

    Non puoi vendere una merce, se nessuno la vuole. E a nessuno importerà che tu sopravviva per continuare a venderla.
    non+autenticato
  • Il giro di affari intorno al porno è calato molto, molte società stanno chiudendo e non credo che avrebbero fatto causa a un sito come redtube se fosse pubblicità per loro.
    Il vero problema è che non è come un film del cinema che c'è il trailer e poi ti guardi la storia completa.
    Una volta che trovi il materiale per farti una pippetta ti bastano pure 5 minuti di video non ti serve un film di 2 ore.
    Insomma il porno sta in crisi davvero (non come il cinema che dicono che sta in crisi e poi incassano miliardi) le vendite sono calate tantissimo e siti come xhamster (che praticamente ha anche film interi) e redtube hanno ucciso il mercato.
    Se sia buono o no non lo so ma il porno non è mai stato in crisi (ovviamente parlo di chi produce) fino ad ora, ma sono anche sicuro che ne usciranno, senza bisogno di avvocati.
    non+autenticato
  • Ci sarà qualcuno che li guarda per la trama.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Regur Mortis
    > Il giro di affari intorno al porno è calato
    > molto, molte società stanno chiudendo e non credo
    > che avrebbero fatto causa a un sito come redtube
    > se fosse pubblicità per
    > loro.
    > Il vero problema è che non è come un film del
    > cinema che c'è il trailer e poi ti guardi la
    > storia
    > completa.
    > Una volta che trovi il materiale per farti una
    > pippetta ti bastano pure 5 minuti di video non ti
    > serve un film di 2
    > ore.
    > Insomma il porno sta in crisi davvero (non come
    > il cinema che dicono che sta in crisi e poi
    > incassano miliardi) le vendite sono calate
    > tantissimo e siti come xhamster (che praticamente
    > ha anche film interi) e redtube hanno ucciso il
    > mercato.
    > Se sia buono o no non lo so ma il porno non è mai
    > stato in crisi (ovviamente parlo di chi produce)
    > fino ad ora, ma sono anche sicuro che ne
    > usciranno, senza bisogno di
    > avvocati.

    mamma mia che tragedia...per questi poveri produttori...non possono piu' contare su siti che distribuivano filmati in cambio di soldi prelevati dalla carta di credito...(e tra le altre cose molti di questi siti che distribuivano filmati hard spesso presentavano dialer,spyware e trojan...)ora grazie alla rivoluzione web 2.0 troviamo redtube,youporn,myfemdom,fetishtube,megaerotic, e quindi milioni di video gratuiti senza infettare il pc... e i poverini non potranno piu' comprarsi il colino del the' di platino...si dovranno accontentare di quello d'oro...l'avete mai visto "The Fabulous Life" su MTV ? E' una trasmissione che vi fa vedere tutte le stravaganze ed il tenore di vita di cantanti,vip del mondo dello spettacolo, produttori e non solo...sono capaci di spendere 10000 dollari solo per un portafiori...od una torta....
    http://en.wikipedia.org/wiki/The_Fabulous_Life_of...
    poi non riesco a capire cosa vogliono...youtube,youporn,megavideo riescono a vivere e guadagnare con il modello pubblicitario perche' non lo possono fare anche loro facendo siti analoghi e mettendo a disposizione i propri contenuti gratuitamente ?
    Devono rompere per forza le scatole a tutti ?
    non+autenticato
  • Che centra Fabulous Life li parliamo di vip che guadagnano milioni di euro e che hanno dietro multinazionali e la pirateria non abbassa la fluenza al cinema anzi (come ha ammesso anche Warner Bros)...

    Qui parliamo di chi produce film per adulti che comunque hanno dei costi e spesso è difficile recuperare quello che si spende.
    Inoltre chi è interessato a fare pubblicità su un sito porno come youporn? altri siti porno ovviamente o webcam, ma se gli utenti vengono soddisfatti dai contenuti free quelle visite non convertono nulla.
    Gestire un sito porno gratuito ha dei costi altissimi e dei guadagni bassissimi.
    Ovviamente ci sono delle eccezioni, i sextape delle celebrità vendono ancora abbastanza.

    Il problema comunque è che chi gira i film con le attrici (e attori) deve avere dei vantaggi altrimenti tutti si mettono a fare come youporn (violando a sua volta i copyright altrimenti non avrai mai abbastanza materiale per far concorrenza a youporn) e quindi ci troveremo con 20k siti tutti uguali con nessuno che produce e 0 pornoA bocca aperta

    ovviamente troveranno una soluzione perchè col tempo siti come youporn implodono youporn usava sistemi poco puliti per fare soldi usando informazioni privati degli uteni. E ovviamente sono stati beccati e hanno detto oops è stato un errore di un programmatore zelanteA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Regur Mortis
    > Che centra Fabulous Life li parliamo di vip che
    > guadagnano milioni di euro e che hanno dietro
    > multinazionali e la pirateria non abbassa la
    > fluenza al cinema anzi (come ha ammesso anche
    > Warner
    > Bros)...
    >
    > Qui parliamo di chi produce film per adulti che
    > comunque hanno dei costi e spesso è difficile
    > recuperare quello che si
    > spende.

    Se il modello di business non funziona, la cosa piu' saggia e' chiudere, e non piangere.

    > Inoltre chi è interessato a fare pubblicità su un
    > sito porno come youporn?

    Forse chi vende preservativi, vibratori e cose del genere?
    Oppure le escort?

    > Gestire un sito porno gratuito ha dei costi
    > altissimi e dei guadagni
    > bassissimi.

    Che costi altissimi ha rispetto ad un qualunque altro sito?
    Che guadagni bassissimi ha rispetto ad un qualunque altro sito?

    > Il problema comunque è che chi gira i film con le
    > attrici (e attori) deve avere dei vantaggi

    Non gli basta quello di trombare?

    > altrimenti tutti si mettono a fare come youporn
    > (violando a sua volta i copyright altrimenti non
    > avrai mai abbastanza materiale per far
    > concorrenza a youporn)

    E che palle questo copyright!
    Per fortuna il trombare e' considerato universalmente una prior art, che altrimenti qualcuno lo avrebbe brevettato e preteso le royalties.

    > e quindi ci troveremo con
    > 20k siti tutti uguali con nessuno che produce e 0
    > porno
    >A bocca aperta

    Evidentemente il porno che c'e' e' piu' che sufficiente e non occorre produrne altro.

    > ovviamente troveranno una soluzione perchè col
    > tempo siti come youporn implodono

    Implodono?

    > youporn usava
    > sistemi poco puliti per fare soldi usando
    > informazioni privati degli uteni.

    Ma non c'e' mica la modalita' "porn mode" del browser?
    Ce l'hanno tutti tranne safari (che non si puo' usare per vedere il porno per EULA)
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Regur Mortis
    > > youporn usava
    > > sistemi poco puliti per fare soldi usando
    > > informazioni privati degli uteni.
    >
    > Ma non c'e' mica la modalita' "porn mode" del
    > browser?
    > Ce l'hanno tutti tranne safari (che non si puo'
    > usare per vedere il porno per
    > EULA)

    - Scritto da: panda rossa

    > > youporn usava
    > > sistemi poco puliti per fare soldi usando
    > > informazioni privati degli uteni.
    >
    > Ma non c'e' mica la modalita' "porn mode" del
    > browser?
    > Ce l'hanno tutti tranne safari (che non si puo'
    > usare per vedere il porno per
    > EULA)

    La modalita' Porn mode, o "navigazione anonima" dovrebbe essere "anonima" solo in relazione al proprio PC, cioe' non lascia traccia dei siti visitati o delle password inserite, ad esempio nella cronologia del browser.
    Il nostro passaggio su un sito dovrebbe essere comunque tracciabile dal sito stesso.
    Quella di safari, invece e' solo una trollata gratuita, quindi non commento neanche....
  • - Scritto da: BFidus

    > La modalita' Porn mode, o "navigazione anonima"
    > dovrebbe essere "anonima" solo in relazione al
    > proprio PC, cioe' non lascia traccia dei siti
    > visitati o delle password inserite, ad esempio
    > nella cronologia del
    > browser.
    > Il nostro passaggio su un sito dovrebbe essere
    > comunque tracciabile dal sito
    > stesso.

    Va bene, ma allora perche' si parla di sfruttamento dei dati privati?
    Il porn mode non salva in locale informazioni sulla navigazione di alcuni siti, ma mi aspetto che funzioni anche il viceversa, ovvero che alcuni siti non possano accedere ai cookies e ad altre info locali.

    > Quella di safari, invece e' solo una trollata
    > gratuita, quindi non commento
    > neanche....

    Non commentare, ma non sono mica io quello che ha deciso che l'utente apple non possa avere accesso al porno.
  • Ma solo nell'app store apple, anche se li hanno fatto un macello per risolvere poi un'altro problema che con il "porno" centrava nulla.
    Sgabbio
    26178
  • Su youporn ci sono i canali ufficiali di molte major del porno.... Non so se l'hai notato.

    Comunque youporn aveva un sistema molto rudimentale per vedere se tu avevi navigato prima su un sito concorrente.
    Sgabbio
    26178
  • youporn tra l'altro ha accordi con molto produttori, dove hanno i loro canali dove promuovono le loro attività
    Sgabbio
    26178
  • A parte che siti che citi, rimuovono i film completi quando vengono segnalati (per questo che c'è un grande successo di certe estensioni di firefox....), però le accuse fatte su siti come redtube e ridicola visto che ha praticamente solo i trailer dei loro film!

    Solo i portali porno che sono ai primi passi mettono film interiA bocca aperta
    Sgabbio
    26178
  • ...se ricevessi una lettera di diffida da una società che si chiama bangbros un pò mi preoccuperei....