Alfonso Maruccia

Intel tra bug e nuove CPU

Santa Clara annuncia novitÓ per quanto riguarda i suoi chipset "buggati", mentre emergono le prime indiscrezioni sulla prossima generazione di microarchitettura x86. Che sarÓ pi¨ veloce, efficiente e possibilmente esente da difetti

Roma - L'avventura commerciale della microarchitettura Sandy Bridge di Intel ha sin qui dovuto affrontare i contraccolpi dell'imbarazzante baco nei chipset scovato dal chipmaker, e mentre su questo fronte la situazione va normalizzandosi Santa Clara già pensa alle tecnologie del prossimo futuro. A un nuovo processo produttivo dovrebbero associarsi prestazioni migliorate sia nella componente CPU che in quella GPU.

La prossima architettura Intel è già nota come Ivy Bridge, e rappresenta il passaggio del chipmaker alla produzione di transistor a 22 nanometri. Le prime indiscrezioni sulle caratteristiche di Ivy Bridge - apparentemente scaturite da un memo interno all'azienda - parlano di CPU il 20% più veloci rispetto alla generazione precedente, e di componenti grafiche (GPU) il 30% più performanti.

Le CPU Ivy Bridge necessiteranno di un socket LGA1155, e andranno associate al chipset Panther Point che è in fase di sviluppo - si spera senza bachi a corredo. I miglioramenti prestazionali delle nuove CPU scaturiranno da un incremento di frequenza di clock ma anche da nuove funzionalità e dalla maggiore efficienza energetica del processo produttivo a 22 nm.
Per quanto riguarda le GPU integrate, il core HD Graphics integrato in Ivy Bridge dovrebbe essere compatibile con le librerie grafiche DirectX 11, montare tra i 16 e i 24 stream processor e supportare la gestione dei flussi audiovisivi su porta HDMI 1.4. La nuova architettura necessiterà di investimenti e costi di sviluppo notevoli, al punto che Intel pianifica di aggiornare 4 delle sue fab per renderle capaci di produrre i microprocessori x86 di prossima generazione.

In attesa della presentazione ufficiale di Ivy Bridge, a ogni modo, Intel è costretta a gestire i problemi di mercato scaturiti dal baco dei chipset Sandy Bridge: Best Buy conferma di aver bloccato sul nascere il rinnovo della line-up informatica basata sulla nuova microarchitettura, mentre MSI e Acer si uniscono ai produttori che hanno già manifestato la volontà di supportare pienamente i clienti che fossero incappati nei chipset fallati.

La produzione di chipset per CPU Sandy Bridge privi del baco alla porta di comunicazione SATA è già stata avviata, conferma Intel, mentre dopo una fitta discussione con i partner OEM il chipmaker ha deciso di riprendere anche la consegna delle motherboard integranti i vecchi chipset risultati essere immuni al problema.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaIDF, Intel spoglia Sandy BridgeDa Santa Clara molte novitÓ sull'attesa piattaforma. Che rivela memoria condivisa tra CPU e GPU e una vocazione non solo consumer. Prossimamente su questi schermi, anche tramite WiDi
  • TecnologiaSandy Bridge, il ponte Intel verso i 32nmEnnesima evoluzione dei microprocessori basati su set di istruzioni x86. Secondo Santa Clara, l'ennesima rivoluzione. Di certo Sandy Bridge punta molto su prestazioni e multimedialitÓ. Con un tocco di DRM
  • TecnologiaSandy Bridge, Intel alla sostituzioneI chipset per i nuovi processori Intel sono affetti da un baco strutturale impossibile da correggere via software. Santa Clara conferma il problema, avvia le operazioni di update e sostituzione e rassicura: marginale l'impatto finanziario
  • BusinessSandy Bridge, mercato in panneProduttori e OEM fanno i conti con le conseguenze del baco scoperto da Intel nei chipset per processori Core iX a 32 nanometri. Il mercato si ferma per un breve periodo, con effetti misurabili su bilanci e piani di lancio
11 Commenti alla Notizia Intel tra bug e nuove CPU
Ordina