Alfonso Maruccia

ACS:Law, antipirateria fino alla fine

I comportamenti dello studio legale britannico che voleva trasformare il contrasto alle violazioni del copyright in un business minacciano di avere serie conseguenze sulle nuove norme introdotte nell'ordinamento legale dell'Isola

Roma - No, ACS:Law non può svignarsela alla chetichella dopo aver tuonato contro i presunti "pirati" del P2P trascinati a forza nei tribunali di Sua Maestà: la decisione del fondatore Andrew Crossley di ritirarsi dal business delle lettere minatorie, a caccia di compensazioni monetarie per reati tutti da dimostrare, non è una motivazione sufficiente per chiedere la dismissione dei 26 casi aperti contro altrettanti "pirati" del file sharing.

Lo ha deciso il giudice Birss della Patents County Court: dopo essersi in passato già detto "stupefatto" dalla condotta di ACS:Law e del "copyright troll" suo cliente MediaCAT, Birss ha ora stabilito la necessità di continuare con l'iter dei 26 casi suddetti fino alla loro naturale conclusione, qualunque essa sia.

Alla nuova udienza ACS:Law era presente con un nuovo avvocato, mentre MediaCAT non ha reputato necessario far partecipare nessuno in rappresentanza dei propri - supposti e mai dimostrati - interessi sul copyright dei contenuti scaricati "illegalmente": i 26 casi di presunta violazione vanno avanti, ha deciso Birss, e i veri proprietari dei diritti d'autore contesi - qualora mai esistessero - hanno un altro paio di settimane di tempo per presentare le loro richieste alla corte.
Nel decidere la prosecuzione dei casi di presunto P2P illecito, il giudice Birss ha colto ancora una volta l'occasione per evidenziare le magagne delle pretese addotte dai legali dell'accusa (vale a dire le suddette ACS:Law e MediaCAT), la "straordinaria" mancanza di prove fattuali presentante al giudice e l'evidente intenzione dei protagonisti di "spremere" denaro dagli utenti accusati - attraverso le lettere minatorie - piuttosto che di proseguire con le cause legali in tribunale.

Birss ha inoltre contestato con gran forza l'assunto secondo cui un indirizzo IP sia sufficiente per scatenare una tempesta legale contro un utente accusato - magari senza motivo - di download illegale, un pronunciamento che minaccia di far cadere una nuova tegola sulle sempre più criticate strategie antipirateria in salsa britannica codificate nella legge nota come Digital Economy Act.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàACS:Law, disastro dell'antipirateriaLo studio legale britannico continua a collezionare fallimenti e figuracce in tribunale. Il giudice mette alla berlina assenze e comportamenti dell'avvocato Andrew Crossley
  • Diritto & InternetACS:Law, fine dell'antipirateria minatoriaIl fondatore del discusso studio legale conferma: mi ritiro da questa brutta storia. Le lettere di "riparazione" monetaria ai presunti danni derivanti dal P2P non autorizzato non verranno più spedite, i casi in tribunale verranno dismessi
  • AttualitàUK, ripensamenti sul blocco dello sharing?Le autorità d'Albione affideranno all'Ofcom il compito di capire se il blocco dei siti in violazione del copyright sia realmente praticabile. In ballo alcune questioni tecniche. Si cercherà di capire meglio quanto costerebbe agli operatori
1 Commenti alla Notizia ACS:Law, antipirateria fino alla fine
Ordina
  • Facciamo una bella legge che si chiama "difesa dei diritti del cittadino che paga le tasse ACT" e ci mettiamo dentro che:

    Tutte le volte che qualcuno mi porta in tribunale per qualsiasi motivo, e mi chiede un risarcimento per qualsiasi ragione, se poi il giudice dichiara che io sono innocente tu che mi hai portato in tribunale e fatto perdere tempo, soldi, il sonno e la calma, non solo mi paghi le spese legali (perchè è davvero troppo facile per chi come le case discografiche o gli uffici legali una spesa del genere rappresenta briciole), ma mi paghi esattamente quanto mi avresti chiesto come risarcimento.

    Pensi che io ti abbia rubato fantamilioni di Quattrini scaricando la canzoncina sul mio dischino?
    Ok
    Mi porti in tribunale, mi fai causa e mi chiedi 2 fantastilioni di paperdollari?
    Ok
    Se adesso, disgrazia tua, succede che il giudice da ragione a me e mi reputa innocente/estraneo ai fatti, sei tu che paghi i 2 fantastilioni di paperdollari al sottoscritto.
    Ecco, così allora, io cittadino che non posso permettermi il lusso di andare ad intentare cause a casaccio, mi sento un minimo tutelato....
    non+autenticato