Mauro Vecchio

Sony, grande fuga da iTunes?

Gli editori sarebbero stati rapiti dai rigidi ambienti distributivi di Apple. Parola di Sony Music, che spera nel successo del servizio musicale Unlimited per pianificare il grande esodo dei contenuti

Roma - I vari protagonisti dell'editoria vivrebbero ormai come in ostaggio, rapiti da Apple e rinchiusi tra gli stretti meandri dei suoi ambienti di distribuzione. Questa la visione di Michael Ephraim, attualmente a capo della divisione australiana di Sony Computer Entertainment.

Nel corso di un'intervista pubblicata dal quotidiano aussie The Age Ephraim ha sottolineato come gli editori rapiti stiano tentando la grande fuga dall'ecosistema di Cupertino. Lasciare l'application store della Mela per tentare altre piattaforme di distribuzione online dei propri contenuti.

Ma la fuga non dovrebbe compiersi subito, almeno stando ai piani solo ipotizzati da Ephraim. Il colosso giapponese potrebbe decidere sul da farsi entro tre/cinque anni, soprattutto in base alle sorti future della piattaforma di distribuzione musicale Sony Music Unlimited.
Un servizio in the cloud, sbarcato sui mercati di Francia, Germania e Italia con abbonamenti fino a 9 euro al mese. Per ascoltare in streaming circa 6 milioni di brani, a disposizione di tutti i possessori di PlayStation 3, Bravia TV o player Blu-ray.

Come sottolineato da Ephraim, Sony Music potrebbe smettere di dipendere da iTunes, specialmente in caso di successo del servizio Music Unlimited. Un'ipotesi ancora lontana dalla possibilità di concretizzarsi, nonostante i recenti dissapori che hanno avuto per oggetto l'app Sony Reader.

Apple aveva infatti rifiutato la richiesta d'accesso già inoltrata dal gigante nipponico, lasciando fuori la sua applicazione per la lettura di ebook su dispositivi come iPhone e iPad. La società di Cupertino aveva quindi comunicato a tutti gli sviluppatori che non sarebbe stato possibile acquistare al di fuori dell'app store.

Gli stessi editori europei si erano scagliati contro la decisione presa da Apple, in modo da "essere liberi di offrire ai lettori vari sistemi di pagamento, liberi di negoziare sui possibili livelli di prezzo delle proprie pubblicazioni in formato digitale".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, aperta la caccia ad iTunes?Stando alle indiscrezioni, il servizio musicale in the cloud di Google potrebbe essere disponibile già a partire da questo mese. Mentre il lancio statunitense di Spotify dovrà vedersela con le esose richieste delle major del disco
  • BusinessSony, pioggia di musica dalla nuvolaLanciato nel Regno Unito un servizio musicale in the cloud per dispositivi come Bravia TV e PS3. Permetterà di iscriversi a dozzine di canali non stop e ad ascoltare on demand 6 milioni di brani. Ma senza download su device mobile
15 Commenti alla Notizia Sony, grande fuga da iTunes?
Ordina
  • Questa lotta di sicuro danneggerà entrambi, e di certo non porterà benefici ai loro clienti.
    Speriamo sia un colpo duro nei rispettivi portafogli, magari sarà la volta che si fanno un po' più furbi...
    Funz
    13000
  • - Scritto da: Funz
    > magari sarà la volta che si fanno un
    > po' più
    > furbi...
    Di questo dubito fortemente.
    non+autenticato
  • ...siete liberi di andare dove vi pare tanto quanto siamo liberi noi clienti di acquistare un determinato contenuto dall'editore che vogliamo.
    ruppolo
    33147
  • sono d'accordo.

    credo che le regole del gioco Apple le avesse indicate da tempo, se agli editori non vanno bene che guardino altrove, esistono anche altre realta'.
    non+autenticato
  • - Scritto da: formichiere
    > sono d'accordo.
    >
    > credo che le regole del gioco Apple le avesse
    > indicate da tempo, se agli editori non vanno bene
    > che guardino altrove, esistono anche altre
    > realta'.

    le regole del gioco le ha cambiate da pochissimo apple
    non+autenticato
  • - Scritto da: lordream non loggato
    > - Scritto da: formichiere
    > > sono d'accordo.
    > >
    > > credo che le regole del gioco Apple le avesse
    > > indicate da tempo, se agli editori non vanno
    > bene
    > > che guardino altrove, esistono anche altre
    > > realta'.
    >
    > le regole del gioco le ha cambiate da pochissimo
    > apple


    aaaaaaaaaaaaah opsSorride allora ritiro tutto
    non+autenticato
  • Ahahahahah, ma nasconditi...
    non+autenticato
  • > quanto siamo liberi noi clienti di acquistare un
    > determinato contenuto dall'editore che vogliamo.

    In realtà tu compri da un "commerciante" in questo caso apple e non direttamente da un editore: domani potrebbe essere che sony non da più la propria musica ad iTunes, o che comincia a commerciare direttamente lei.
    E quindi se vuoi la musica della sony devi passare altrove.
    Poi non è detto a Sony convenga tagliare il cordone del tutto, magari si accontenteranno di creare un servizio alternativo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > ...siete liberi di andare dove vi pare tanto
    > quanto siamo liberi noi clienti di acquistare un
    > determinato contenuto dall'editore che
    > vogliamo.

    Hanno cambiato le regole del copyright?
    2678
  • > Scritto da: gerry
    > - Scritto da: ruppolo
    > > ...siete liberi di andare dove vi pare tanto
    > > quanto siamo liberi noi clienti di acquistare un
    > > determinato contenuto dall'editore che
    > > vogliamo.
    >
    > Hanno cambiato le regole del copyright?
    Si, si adesso anche il marocchino all'angolo è un editoreA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > ...siete liberi di andare dove vi pare tanto
    > quanto siamo liberi noi clienti di acquistare un
    > determinato contenuto dall'editore che
    > vogliamo.

    Quoto.
    Chi è intelligente si tiene lontano sia da Sony che da Apple. Chi è fesso si abbassa alle loro condizioni-capestro.
    Funz
    13000
  • - Scritto da: ruppolo
    > ...siete liberi di andare dove vi pare tanto
    > quanto siamo liberi noi clienti di acquistare un
    > determinato contenuto dall'editore che
    > vogliamo.

    Tu come altri milioni di possessori di iPhone/iPad siete liberi di acquistare dall'editore che volete?

    A me pare che siete liberi di acquistare solo da chi va bene ad Apple (ovvero gli editori disposti a mettersi a 90 e pagare l'obolo all'unico store permesso)
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > ... tanto
    > quanto siamo liberi noi clienti di acquistare un
    > determinato contenuto dall'editore che
    > vogliamo.

    No, tu no purtroppo...
    non+autenticato