Alfonso Maruccia

Nokia-Microsoft, non ci rimette solo MeeGo

Il sistema operativo open source è la prima vittima eccellente dello storico accordo. Intel comunque dice di crederci ancora. E che fine farà il framework Qt?

Roma - Le prime, importanti conseguenze della storica intesa tra Nokia e Microsoft producono la prima vittima: MeeGo, il sistema operativo open source basato su Linux e nato dalla fusione tra Moblin (Intel) e Maemo (Nokia), deve fronteggiare l'abbandono di Nokia che taglia miliardi in fondi di ricerca e ridisegna le sue attività intorno al nuovo ecosistema di Windows Phone 7.

I piani originali per MeeGo tratteggiavano il futuro di un OS ubiquo, capace di girare su tablet, sistemi embedded, automotive e naturalmente smartphone: Intel sperava di usarlo per incrementare le chance di crescita dei suoi processori x86 (Atom) nel mercato mobile, mentre Nokia era alla ricerca disperata di un "terzo incomodo" capace di rompere le uova nel paniere sia alla gioiosa macchina da guerra di Apple/iOS che ad Android di Google.

Le speranze di portare MeeGo in trionfo sono durate esattamente un anno, e all'annuncio di inizio lavori del Mobile World Congress di Barcellona del 2010 segue ora il piano di Nokia che decide di abbandonare MeeGo e Symbian al loro destino in favore del sistema operativo Microsoft.
Tra le ipotesi in circolazione c'è la constatazione del fatto che il progetto MeeGo era troppo indietro rispetto alle esigenze commerciali di Nokia, ragion per cui il colosso nordeuropeo avrebbe avuto ben poca scelta in merito al cavallo su cui puntare per il futuro. Non che Nokia non sia stata "corteggiata" da Google per l'adozione di Android, conferma il CEO Stephen Elop, ma i miliardi di dollari offerti da Microsoft come contropartita hanno spostato l'ago della bilancia verso Redmond e WP7.

Nokia abbandona MeeGo e dice di voler rilasciare un solo smartphone con il nuovo OS entro quest'anno, mentre Intel si dice "delusa dalla decisione di Nokia" ma sempre convinta del fatto che MeeGo sia una carta vincente da giocare per i dispositivi MID ed embedded del prossimo futuro.

Oltre MeeGo e Symbian c'è infine un'altra community che lamenta la possibile estinzione per inedia, ed è quella che si riunisce attorno al framework di sviluppo Qt: anche in questo caso Nokia aveva promesso di voler puntare tutto sull'ecosistema come ambiente definitivo per la realizzazione di applicazioni mobile, mentre ora l'accordo con Microsoft per Windows Phone 7 rimette tutto in discussione, e c'è chi si lamenta dell'indisponibilità di una "migration path" da Qt verso gli ambienti di sviluppo per WP7.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaMeeGo, anche AMD c'èIl progetto open source Intel-Nokia si arrichisce di una nuova collaborazione. Un po' a sorpresa. Il principale concorrente di Intel si unisce alla cordata: i tablet e gli smartphone fanno gola a tutti
  • TecnologiaUbuntu, Canonical adotta QtLa distro Linux più trendy nel settore mainstream includerà presto l'ennesima novità: Qt si affiancherà a GTK, finora framework principale di Ubuntu. Più scelta per gli sviluppatori, dice Canonical
  • TecnologiaNokia-Microsoft: che l'alleanza abbia inizioCon una lettera aperta i CEO di Redmond ed Espoo comunicano le novità in arrivo dopo l'adozione di Windows Phone 7 su Nokia
96 Commenti alla Notizia Nokia-Microsoft, non ci rimette solo MeeGo
Ordina
  • Premetto che non comprerei mai un cellulare con Microsoft.
    Però, secondo me, nokia ha fatto una scommessa che potrebbe diventare vincente.

    Se avesse scelto Android sarebbe uno degli N produttori con Android.

    Viceversa con windows, può tentare un ecosistema simile a quello di Apple. In più l'utente medio (o utonto, se preferite) pensa ancora che siccome ha un PC microsoft, allora è meglio un cellulare Microsoft. Nokia può veramente diventare la 3za scelta tra iPhone, Android.
    Scelta pessima... ma questo è un altro discorso.
    non+autenticato
  • Ogni tanto capita di leggere qualcosa di serio tra questa banda di fans integralisti che popola il forum.
    non+autenticato
  • sulle potenzialità non ci sono dubbi, ma pure sul fatto che tutto quello che ha toccato microsoft negli ultimi anni nel mondo mobile sia diventato marcio pure(Ericsson,Palm,Motorola,Sendo ecc..., tutte andate in crisi dopo partnership con microsoft). Quindi in teoria si potrebbero fare un bell'ecosistema però permettemi di dubitarne, nokia ha fatto tantissime scelte sbagliate, come non acquistare palm il precedente anno lasciandola ad HP, oppure ritardare lo sviluppo di symbian e meego, oppure non voler ammettere di dover ristrutturare l'azienda, ora windows phone 7, sinceramente fa schifo a primo impatto, poi potrà essere pure bellissimo, ma la gente compra un cellulare o solo per il marchio(Nokia,Apple) o per la prima impressione che ha nell'usarlo(che non significa poi che sia davvero fantastico), quindi ho seri dubbi a meno che Microsoft non tiri fuori un windows phone 8 davvero con i fiocchi. Anche se continuo a pensare che se nokia oggi avesse webos avrebbe risolti tutti i problemi da un pezzo
  • Leggendo questa notizia ci ho rimesso un po' anche io

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • per chi avesse avuto dubbi sulla stupida unione nokia-ms ecco l'ultimo chiodo sulla bara di windows phone 7 http://news.slashdot.org/story/11/02/17/1429229/Mi...

    niente applicazioni open sullo store = programmatori incazzati = wp7 + .net + silverlight snobbati
    non+autenticato
  • Winari, avete creato un "mostro".
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > per chi avesse avuto dubbi sulla stupida unione
    > nokia-ms ecco l'ultimo chiodo sulla bara di
    > windows phone 7
    > http://news.slashdot.org/story/11/02/17/1429229/Mi
    >
    > niente applicazioni open sullo store =
    > programmatori incazzati = wp7 + .net +
    > silverlight
    > snobbati

    Pensa che è la stessa cosa per Apple store eppure...
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome
    > - Scritto da: collione
    > > per chi avesse avuto dubbi sulla stupida unione
    > > nokia-ms ecco l'ultimo chiodo sulla bara di
    > > windows phone 7
    > >
    > http://news.slashdot.org/story/11/02/17/1429229/Mi
    > >
    > > niente applicazioni open sullo store =
    > > programmatori incazzati = wp7 + .net +
    > > silverlight
    > > snobbati
    >
    > Pensa che è la stessa cosa per Apple store
    > eppure...

    Apple non ha rifiutato VLC, sono stati quei geni stessi di VLC e farla rimuovere...
  • - Scritto da: FinalCut
    > - Scritto da: nome e cognome
    > > - Scritto da: collione
    > > > per chi avesse avuto dubbi sulla stupida
    > > > unione nokia-ms ecco l'ultimo chiodo
    > > > sulla bara di windows phone 7

    > http://news.slashdot.org/story/11/02/17/1429229/Mi

    > > > niente applicazioni open sullo store =
    > > > programmatori incazzati = wp7 + .net +
    > > > silverlight snobbati

    > > Pensa che è la stessa cosa per Apple store
    > > eppure...

    > Apple non ha rifiutato VLC, sono stati quei geni
    > stessi di VLC e farla rimuovere...

    Sai com'e'.... Avevano violato il contratto di distribuzione.
    Allora tanto vale che metta anche i giochi pirata se vuole violare i contratti altrui.
    krane
    22544
  • > Apple non ha rifiutato VLC, sono stati quei geni
    > stessi di VLC e farla
    > rimuovere...

    L'hanno fatta rimuovere perché le clausole dell'app store sono incompatibili con la licenza GPL.
    Microsoft ha semplicemente chiarito la situazione invece di approfittarne come fa Apple.
    Ora vediamo se quel buffone di Stallmann dimostra di avere coraggio facendo rimuovere da app store tutto il codice basato su GPL e organizzando una bella class action per chiedere indietro i profitti illecitamente accumulati.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome
    > Ora vediamo se quel buffone di Stallmann dimostra
    > di avere coraggio facendo rimuovere da app store
    > tutto il codice basato su GPL e organizzando una
    > bella class action per chiedere indietro i
    > profitti illecitamente
    > accumulati.
    Coraggio? Se sarà necessario, verrà fatto. E Microsoft, dolente o nolente, dovrà obbedire alle condizioni della licenza GNU GPL.
    La GPL non è la BSD. La BSD è la licenza pro-predoni. La licenza GNU GPL è la licenza free per eccellenza. Se sgarri con la GPL, vai incontro ad un tribunale. E Samsung ne sa qualcosa...
    Darwin
    5126
  • > Coraggio? Se sarà necessario, verrà fatto. E
    > Microsoft, dolente o nolente, dovrà obbedire alle
    > condizioni della licenza GNU
    > GPL.

    Microsoft ha tagliato la testa al toro, sul loro store niente GPL. Tra poco lo farà anche Apple (in maniera esplicita)

    > La GPL non è la BSD. La BSD è la licenza
    > pro-predoni. La licenza GNU GPL è la licenza free
    > per eccellenza. Se sgarri con la GPL, vai
    > incontro ad un tribunale. E Samsung ne sa
    > qualcosa...

    E' una licenza idiota destinata a far sparire i finanziamenti dai progetti più appetibili.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome
    > Microsoft ha tagliato la testa al toro, sul loro
    > store niente GPL. Tra poco lo farà anche Apple
    > (in maniera
    > esplicita)
    Ha fatto bene. Lo ammetto: è stata trasparente.

    > E' una licenza idiota destinata a far sparire i
    > finanziamenti dai progetti più
    > appetibili.
    È un'ottima licenza che non dà la possibilità ai parassiti come Microsoft di prendere i sorgenti e farci i porcacci comodi suoi nascondendo le modifiche agli utenti.
    Darwin
    5126
  • - Scritto da: FinalCut
    > Apple non ha rifiutato VLC, sono stati quei geni
    > stessi di VLC e farla
    > rimuovere...
    Non sono "geni", come li stai definendo tu...
    Sono sviluppatori che hanno rilasciato il software sotto GNU GPL e che vogliono che la licenza sia rispettata.
    Il problema sono le aziende che come Apple, si dimenticano che non hanno a che fare con la licenza BSD...
    Darwin
    5126
  • - Scritto da: Darwin
    > - Scritto da: FinalCut
    > > Apple non ha rifiutato VLC, sono stati quei geni
    > > stessi di VLC e farla
    > > rimuovere...
    > Non sono "geni", come li stai definendo tu...
    > Sono sviluppatori che hanno rilasciato il
    > software sotto GNU GPL e che vogliono che la
    > licenza sia
    > rispettata.
    > Il problema sono le aziende che come Apple, si
    > dimenticano che non hanno a che fare con la
    > licenza
    > BSD...

    Il problema non sono le aziende, Apple in questo caso non ha fatto e detto nulla.

    Esaminiamo il problema cosa dice la GPL? che il software non deve essere a pagamento? infatti non lo era.

    Che il sorgente deve essere sempre disponibile? Sarebbe bastata mettere a disposizione il progetto xcode dell'app e non c'era problema.

    Cosa di preciso non andava in quell'app?

    Fan AppleFan Linux
  • Meno concorrenza = monopolio
    Più concorrenza = tendenza allo standard delle apps e dei formati

    Poi ognuno fa le proprie scelte
  • Non è questo il punto, è che da Nokia ci si aspettava altro.
    Invece, come diceva giustamente un altro utente poco fa, è da anni che Nokia non ne azzecca una…

    Si vede anche dalle sue azioni, che adesso sono ai minimi storici!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 19 discussioni)