Da PC a videocellulare e viceversa

Già pronto il servizio che viene lanciato ufficialmente da 3 e Tiscali: consente di effettuare chiamate dal computer ai cellulari video degli utenti 3, e riceverle. Tramite webcam e NetMeeting

Roma - Prosegue l'integrazione della comunicazione tra rete e telefonia mobile con l'annuncio di un nuovo servizio che consente agli utenti internet di chiamare il videofonino di un utente 3 e di ricevere videofonate.

Il servizio "Chiama 3" nasce da una partnership dell'operatore mobile con Tiscali ed è un'estensione dei precedenti servizi che già consentivano agli utenti 3 di videochiamare utenti Tiscali dotati di Webcam. Anche con Chiama 3 è necessario disporre del software Microsoft NetMeeting, che non è disponibile su tutte le piattaforme.

Per sfruttare al meglio il servizio è naturalmente auspicabile essere dotati di connessione broad band, disporre di una webcam, di NetMeeting ed è necessario connettersi al sito Tiscali dedicato dove è necessario registrarsi.
Il servizio ovviamente non è gratuito. Costa 99 centesimi al minuto, a cui si devono aggiungere 15 centesimi di euro alla risposta (Iva inclusa). "Il costo delle chiamate - assicura Tiscali - è calcolato per gli effettivi secondi di conversazione. Il pagamento avviene attraverso un conto prepagato che si attiva chiamando il numero 899 112006. Il credito verrà addebitato direttamente sulla bolletta del telefono da cui viene effettuata la chiamata".

Per gli utenti 3, chiamare gli utenti di Chiama 3 ha un costo variabile a seconda del piano tariffario ed uguale a quello per le videochiamate nazionali. Può sembrare scontato ma la ricezione delle videotelefonate è gratuita. Paga chi chiama.
9 Commenti alla Notizia Da PC a videocellulare e viceversa
Ordina
  • ...costavano circa 2000 lire al minuto, grosso modo, e tutti quanti riempivamo l'etere di lunghi e spesso inutili chiacchericci non ostante la tariffa non proprio gratuita. Quindi il singolo Euro al minuto richiesto per il servizio di videochiamata non mi sembra così insostenibile come spesa (utilità a parte) per gli utenti privati. Che poi il mercato risponda in massa a tale proposta sarà in funzione più della capacità marketing di Tiscali (e di H3G) di renderlo desiderabile sostenendo una campagna pubblicitaria sufficientemente ampia e convincente, che dal prezzo richiesto.
    Ed anche questo servirà un po' a far smuovere di un pelo la stagnante economia di questi anni.
    Almeno speriamo.
    Per il bene di tutti.

    non+autenticato
  • il fatto è: la priorità è comunicare un messaggio o vederti? Prima il cellulare era l'unica alternativa per comunicare in mobilità, ora se posso scegliere tra nua chiamata audio o una videochiamata, che magari costa 5 volte tanto, magari scelgo la prima. Non c'è ancora la killer application, e se non verrà presto farebbero bene ad abbassare un minimo i prezzi.
    non+autenticato
  • se non verrà la killer application faranno bene a smontare la baracca e cercarsi un altro lavoro.

    sai bene i costi di gestione di un'infrastruttura che permette la banda necessaria a questi giochini.. non è poca.


    secondo me h3g ha fatto una scommessa azzardata.


    avvelenato che attende il telefonino wi-fi in VoIP
  • non sembra orientata esattamente alla clientela business
    non+autenticato
  • bene ... io credo che facciano bene comunque ....
    e paradossalmente comincio a vedere qui' a Roma gente col videofonino , molta piu' di quella che mi sarei aspettato. E' chiaro che la penetrazione della 3^ generazione dei cellulari è mirata alla clientela consumer.
    Altrimenti come si diffonde una tecnologia ???

    I prezzi sono ancora altini ma c'è una piccola fliessione verso il basso rispetto a 4-5 mesi fa .
    non+autenticato
  • a me l'ultima mi sembra istigazione alla delinquenza, una ragazza ruba il cellulare ad un suo amico per prenderne uno dela tre. Poi è vero che glielo restituisce, ma qualcuno potrebbe pensare di saltare l'ultimo passaggio.
    non+autenticato
  • Ve lo ricordate che fine ha fatto l'Iridium di Motorola con i suoi 80 satelliti e chianati a 1.5 dollari al minuto (ci siamo quasi)????

    Penso che se non cominciano a farlo funzionare bene e con tutto quello che hanno speso (57000 miliardi (lire) SOLO per le licenze dallo stato) con un bacino d'utenza di circa 3 milioni di italiani ricchi (analisi di American Express) e dediti hai giochini (a questi prezzi)
    Chissa' come faranno a spiegare ai loro azionisti di aver investito 57.000.000.000.000 lire diviso 3.000.000= 190.000.000 per ogni cliente potenziale a una media di facciamo 2 milione al mese di chiamate per ogni cliente....fanno 80 mesi... 6 anni e 8 mesi per rientrare dalle spese iniziale....non ho conteggiato i costi degli impianti e del personale......IMPRESSIONANTEQ!!!! CHE START UP!!!!
    non+autenticato
  • > 57.000.000.000.000 lire diviso 3.000.000=
    > 190.000.000 per ogni cliente potenziale a

    Non voglio prendere le parti di "3" ma i conti non tornano, diciamo pure 19.000.000 per ogni cliente potenziale...
    non+autenticato
  • Diciamo anche che le licenze dallo stato italiano non erano costate 57.000 miliardi, ma circa un decimo di quella cifra...

    E con questo ci siamo già riportati a cifre più ragionevoli: 1.900.000 lire a cliente.

    In realtà poi oltre ai costi delle licenze ci sono quelli dell'infrastruttura, degli stipendi, della pubblicità, dei telefoni in esclusiva, etc
    Comunque l'ordine di grandezza dovrebbe essere quello del milione/10 milioni di lire a cliente, da spalmare su un po' di anni. Non sono pochi soldi, e questo spiega perché il target siano clienti danarosi, ma non è neppure un obiettivo irrealizzabile, come lo erano i 190 milioni del primo post della thread.
    non+autenticato