SCO sconfessa Novell: Unix è nostro

SCO pesca dal dimenticatoio un documento che potrebbe mettere a tacere le rivendicazioni di Novell circa i copyright su Unix. E si muove anche sul fronte Linux, mostrando parti del codice che brandisce contro tutto e tutti. Ecco i dettagli

SCO sconfessa Novell: Unix è nostroRoma - Ribadire le proprie posizioni e sconfessare Novell, brandendo documenti e codici per difendere quelli che ritiene siano propri diritti inalienabili. Così si sta muovendo SCO Group per condire quella che si può certo definire l'ennesima puntata della tecnonovela SCO-Linux.

In questo episodio, SCO esibisce un vecchio documento che a suo dire sostiene a tutto tondo la propria rivendicazione del possesso del copyright su porzioni essenziali di Unix.

Un emendamento datato 1996 e relativo al contratto stipulato fra SCO e Novell un anno prima affermerebbe infatti che "tutti i diritti della tecnologia Unix e UnixWare, inclusi i copyright, vengono trasferiti a SCO".
Il documento, che SCO sostiene di aver scoperto solo di recente, sembra dunque stravolgere uno dei passi più importanti del contratto originario, ossia quello che escludeva espressamente dall'accordo di acquisto "tutti i copyright e le proprietà di Unix e UnixWare"; la stessa clausola su cui il CEO di Novell, Jack L. Messman, basava le tesi espresse in una recente lettera aperta a SCO.

"A questo punto è chiaro come SCO sia il solo legittimo possessore di System V e di tutti i copyright", ha proclamato Darl McBride, CEO di SCO.

Sebbene Novell sostenga di non essere riuscita a trovare una copia dell'emendamento sciorinato da SCO, ha ammesso che la modifica al contratto "sembra sorreggere i reclami di SCO in merito al fatto che certi copyright di Unix sono stati trasferiti a SCO nel 1996". Novell ha tuttavia ribadito come questo documento non smentisca il fatto che è lei l'unica detentrice dei brevetti relativi alle tecnologie di Unix System V.

Dunque tutto chiaro? Niente affatto. Nella guerra di parole che si è scatenata fra SCO e Novell, e che per il momento non si è ancora tradotta in nessuna azione legale, alcuni hanno fatto notare come SCO abbia ammesso di non sapere se i copyright su Unix acquisiti da Novell siano mai stati registrati presso il Copyright Office. Se c'è chi sostiene che la mancata registrazione potrebbe rendere assai più arduo difendere tali diritti in tribunale, il senior vice president di SCOsource, Chris Sontag, afferma invece che questo atto ha poca importanza ai fini legali e che, se necessario, i copyright potranno essere registrati in futuro.

Nella causa legale intentata contro IBM, SCO ha accusato la propria rivale di violazioni di contratto e concorrenza sleale, lasciando dunque da parte, almeno per il momento, ogni reclamo su copyright e brevetti. L'azienda si è tuttavia riservata, nel futuro, di estendere il merito del contendere e, se necessario, di trascinare in tribunale anche Novell.

Da parte sua, il boss di Novell ha ribadito quanto scritto nella lettera pubblicata lo scorso 28 maggio, definendo le azioni legali di SCO "un attacco diretto contro la comunità Linux".

Intanto sulle linee di codice "incriminate" arrivano i commenti di una importante società di analisi e sulla vicenda SCO-IBM quelli dei uno dei dirigenti di Oracle. Ecco di seguito i dettagli.
214 Commenti alla Notizia SCO sconfessa Novell: Unix è nostro
Ordina
  • Ho letto molti interventi di voi Unixdipendenti.....
    C'è chi afferma che il numero di Linux in giro è praticamente pari a quelle di Win, non so cosa fumi ma è sicuramente pesante!!!
    E comunque continuo a leggere di quanto sia stabile, sicuro, economico etc, etc, Linux e compari...mahh!
    Provate ad immaginare a dover fare un sysOp che sia compatibile con programmi scritti quasi 20anni fa!!, che abbia musichette, colori, finestrelle tutte amenità richieste a granvoce dagli utenti, che funzioni da 8 a 64bit, che sia sottoposto giornalmente a chissà quanti migliaia di pirla che non hanno di meglio da fare che stracciare le palle.....mahh....sarà poi così merdoso sto Win??
    Se fosse per Unix oggi avremmo ancora i monitor a fosfori verdi.....ci sarà pure un motivo se Unix lo si usa praticamente solo ed esclusivamente nelle università o no?

  • - Scritto da: int21h
    > Ho letto molti interventi di voi
    > Unixdipendenti.....
    > C'è chi afferma che il numero di
    > Linux in giro è praticamente pari a
    > quelle di Win, non so cosa fumi ma è
    > sicuramente pesante!!!

    le affermazioni di UNO non dovrebbero causare discriminazione sul ALTRI

    >...sarà
    > poi così merdoso sto Win??

    per me lo è

    > Se fosse per Unix oggi avremmo ancora i
    > monitor a fosfori verdi....

    non hai mai visto le magnifiche workstation grafiche HPUX, quando winnnovs crocchiava a più non posso sui giochi a bassa definizione
    non+autenticato

  • - Scritto da: int21h
    ....
    > E comunque continuo a leggere di quanto sia
    > stabile, sicuro, economico etc, etc, Linux e
    > compari...mahh!

    Beh... uno può provare Windows e Linux (e quant'altro) e poi trarne le conclusioni...

    > Provate ad immaginare a dover fare un sysOp
    > che sia compatibile con programmi scritti
    > quasi 20anni fa!!, che abbia musichette,
    > colori, finestrelle tutte amenità
    > richieste a granvoce dagli utenti, che
    > funzioni da 8 a 64bit, che sia sottoposto

    Mah... gli 8 bit penso che vengano utilizzati solo più nelle calcolatrici tascabili. I 16 bit Windows se li è trascinati dietro fino a poco tempo fa, però solo come codice e non come supporto. Per quanto riguarda il supporto ai 64 bit Windows è arrivato da buon ultimo.
    In quanto al codice di 20 anni fa, stai tranquillo che ne trovi parecchio anche dentro a Windows...

    > giornalmente a chissà quanti migliaia
    > di pirla che non hanno di meglio da fare che
    > stracciare le palle.....mahh....sarà
    > poi così merdoso sto Win??

    Abbastanza....

    > Se fosse per Unix oggi avremmo ancora i
    > monitor a fosfori verdi.....ci sarà

    Si ? Chissà come mai io i monitor a fosfori verdi li ho visti in vendita solo con i PC con il DOS.....

    > pure un motivo se Unix lo si usa
    > praticamente solo ed esclusivamente nelle
    > università o no?

    Si ? Credi ?


    P.S. Bel nick.... io ho imparato a tirare improperi alla Microsoft proprio studiando le cazzate presenti nei servizi di sistema del DOS...

    non+autenticato
  • altro che Linux copione!

    ecco notizie di altra fonte che affermano l'esatto contrario.

    http://www.eweek.com/article2/0,3959,1123176,00.as...

    "A source close to SCO, who spoke on condition of anonymity, told eWEEK that parts of the Linux kernel code were copied into the Unix System V source tree by former or current SCO employees"

    quindi ci sono le premesse perché la vicenda si concluda esattamente all'oooposto di come è stata "progettata" dal "genio" legale di SCO

    un'eventuale azione legale porterà alla luce la reale portata del presunto plagio e potrebbe risolversi in una burla alla comunita internet tutta, con conseguenze negative solo per SCO



    non+autenticato
  • E chi ci dice che quello che ha presentato non sia codice di Linux, tanto lei non mostrerà il codice integrale di UNIX e può esporre ciò che più gli aggrada
  • Un po' di tempo fa Caldera (ora SCO) aveva rilasciato pubblicamente i sorgenti delle prime versioni di unix. Mi ricordo di averne scaricato anch'io i binari per farli girare su un emulatore PDP11.

    Riporto la notizia apparsa su Programmazione.it

    Caldera rende pubbliche le prime versioni di Unix
    Data: 25-01-2002 - Voto: Nessuno - Votanti: 0 - Lettori: 1434
    Caldera International ha rilasciato sotto licenza ?BSD-style? le prime versioni del sistema operativo Unix (V1-7 e 32V). Questi cimeli della programmazione, ereditati dalla società con l?acquisizione di SCO, sono distribuiti gratuitamente e rappresentano un?opportunità unica per toccare con mano il lavoro svolto dai programmatori che per primi iniziarono lo sviluppo di questo potente sistema operativo. [GP]

    Sarà stato questo Darl McBride a inventarsi sta stronzata?
    Peccato perchè a me caldera piaceva...
    non+autenticato
  • Mostrare 4 righe di codice con commento non prova alcunchè. E' necessario:

    Indicare il BINARIO che è stato compilato partendo dal codice 'copiato'. Tale binario è ovviamente un codice DISTRIBUITO con UNIX e COMMERCIALIZZATO altrimenti anche io mi copio un po' di sorgenti di Linux e poi salto su dicendo che l'ho scritto io 3 anni fa.

    Una volta ottenuto il binario si CONTROLLA che RICOMPILANDOLO dia lo stesso risultato PARTENDO dal codice fornito da SCO.

    Non solo. Il BINARIO UNIX dovrebbe essere PRECEDENTE alla data di quando è apparso il sorgente LINUX altrimenti...

    HotEngine.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 28 discussioni)