Mauro Vecchio

Google: copyright, c'Ŕ motore e motore

Una squadra legale di BigG Ŕ intervenuta nel corso del processo in appello contro il search engine canadese IsoHunt. Si teme la possibile estensione di un'eventuale condanna a motori di ricerca legali come quello di Mountain View

Google: copyright, c'Ŕ motore e motoreRoma - Un'amicizia forse preziosa, offerta di recente ad una corte d'appello californiana. Una squadra legale di Google ha così fatto la sua comparsa nel corso del secondo atto di un processo infuocato, scatenato ormai cinque anni fa dagli alti rappresentanti della Motion Picture Association of America (MPAA).

Alla sbarra era finito Gary Fung, fondatore e CEO del celebre motore di ricerca canadese IsoHunt. Un search engine dedicato esclusivamente alla ricerca di file torrent, spesso sfruttati dagli utenti del web per la condivisione di contenuti in violazione delle norme a tutela del copyright.

I rappresentanti legali di BigG cercheranno allora di contribuire alla definitiva formulazione della sentenza in appello, in seguito al ricorso presentato dagli avvocati di IsoHunt. Un giudice di primo grado aveva infatti emanato un'ingiunzione permanente volta all'eliminazione della stragrande maggioranza dei contenuti indicizzati.
Lo stesso Fung aveva però sottolineato come non ci fossero particolari differenze tra il suo motore di ricerca e quello della Grande G. Un assunto adottatto anche dai legali di The Pirate Bay: entrambi i search engine si limiterebbero a restituire agli utenti contenuti presenti altrove.

Google non aveva mai sentito la particolare esigenza di intervenire in questo tipo di processi, cercando di rimanerne fuori il più possibile. Già i rappresentanti di IFPI avevano spiegato alla difesa di The Pirate Bay come Google collabori ogni giorno alla tutela online del diritto d'autore.

Ma questa volta l'azienda di Mountain View ha deciso di diventare amica della corte. In primis perché interessata alle potenziali implicazioni del caso nella generale interpretazione - e relativa applicazione - del cosiddetto safe harbor. Ovvero del porto sicuro per gli intermediari garantito dal famigerato Digital Millennium Copyright Act (DMCA).

Potrebbe sembrare un intervento favorevole alle future sorti di IsoHunt, e invece no. I legali di Google hanno sottolineato come il search del torrentismo sia da considerare a tutti gli effetti un servizio pirata. Responsabile - anche se in maniera indiretta - della violazione sistematica del diritto d'autore.

Quello che preoccupa realmente Google è la possibile estensione di una sentenza favorevole a MPAA. In ballo ci sarebbe il delicato equilibrio tra protezione del copyright e la necessità di innovare a livello tecnologico. In sostanza, filtri e forbici potrebbero mettere a rischio servizi leciti come YouTube.

E qui l'interesse di Google è evidente, in prossimità dell'appello del caso scatenato dai legali del colosso Viacom. Il conglomerato mediatico aveva presentato il suo ricorso dopo la vittoria in primo grado del Tubo, ritenuto non responsabile delle violazioni commesse dai suoi utenti.

Pare che IsoHunt non abbia particolarmente gradito l'intervento di BigG, che pure è accorso in parte a difesa del search engine. La questione safe harbor - e quindi DMCA - dovrebbe essere trattata in maniera separata da quella relativa all'incitamento alla violazione del copyright.

In altre parole, BigG ha sottolineato come IsoHunt sia certamente colpevole perché più volte indifferente alle richieste di rimozione effettuate dai signori del copyright. Ma la negazione del porto sicuro per gli intermediari non dovrebbe essere direttamente collegata con l'accusa di incitamento volontario alla violazione del diritto d'autore.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
45 Commenti alla Notizia Google: copyright, c'Ŕ motore e motore
Ordina
  • La differenza sta nel fatto che su Isohunt scarichi il file .torrent necessario per contattare i trackers, mentre Google fornisce al massimo l'indirizzo di altri siti dove scaricare suddetto file (tra cui Isohunt, per l'appunto).
    Enok
    245
  • - Scritto da: Enok
    > La differenza sta nel fatto che su Isohunt
    > scarichi il file .torrent necessario per
    > contattare i trackers, mentre Google fornisce al
    > massimo l'indirizzo di altri siti dove scaricare
    > suddetto file (tra cui Isohunt, per
    > l'appunto).

    Capirai che differenza.
    Io uso google per trovare i siti coi link ai torrent.
    Manco lo sapevo che si chiamava isohunt, me ne sono accorto solo da questo articolo.
    Io apro google, scrivo iso nome_che_cerco torrent e clicco su "mi sento fortunato" e il torrent parte da solo la maggior parte delle volte.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Io apro google, scrivo iso nome_che_cerco
    > torrent
    e clicco su "mi sento fortunato" e il
    > torrent parte da solo la maggior parte delle
    > volte.
    Dove nome_che_cerco è sempre di film in bianco e nero, assolutamente introvabile sul mercato, e di altissimo valore culturale; da preservare e condividere nelle serate al circolo con gli amici, o l'ultimissima distro linux, o canti della rivoluzione colombia in CC, vero?A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: pippO
    > - Scritto da: panda rossa
    > > Io apro google, scrivo iso nome_che_cerco
    > > torrent
    e clicco su "mi sento fortunato" e
    > il
    > > torrent parte da solo la maggior parte delle
    > > volte.
    > Dove nome_che_cerco è sempre di film in bianco e
    > nero, assolutamente introvabile sul mercato, e di
    > altissimo valore culturale; da preservare e
    > condividere nelle serate al circolo con gli
    > amici, o l'ultimissima distro linux, o canti
    > della rivoluzione colombia in CC, vero?
    >A bocca aperta

    Io ti rispondo di si, e la risposta ti deve bastare.
    La caccia alle streghe e' finita da secoli.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: pippO
    > > - Scritto da: panda rossa
    > > > Io apro google, scrivo iso nome_che_cerco
    > > > torrent
    e clicco su "mi sento fortunato" e
    > > il
    > > > torrent parte da solo la maggior parte delle
    > > > volte.
    > > Dove nome_che_cerco è sempre di film in bianco e
    > > nero, assolutamente introvabile sul mercato, e
    > di
    > > altissimo valore culturale; da preservare e
    > > condividere nelle serate al circolo con gli
    > > amici, o l'ultimissima distro linux, o canti
    > > della rivoluzione colombia in CC, vero?
    > >A bocca aperta
    >
    > Io ti rispondo di si, e la risposta ti deve
    > bastare.
    > La caccia alle streghe e' finita da secoli.
    E se permetti, sono liberissimo di NON crederci...A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: pippO
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: pippO
    > > > - Scritto da: panda rossa
    > > > > Io apro google, scrivo iso nome_che_cerco
    > > > > torrent
    e clicco su "mi sento
    > fortunato"
    > e
    > > > il
    > > > > torrent parte da solo la maggior parte delle
    > > > > volte.
    > > > Dove nome_che_cerco è sempre di film in
    > bianco
    > e
    > > > nero, assolutamente introvabile sul mercato, e
    > > di
    > > > altissimo valore culturale; da preservare e
    > > > condividere nelle serate al circolo con gli
    > > > amici, o l'ultimissima distro linux, o canti
    > > > della rivoluzione colombia in CC, vero?
    > > >A bocca aperta
    > >
    > > Io ti rispondo di si, e la risposta ti deve
    > > bastare.
    > > La caccia alle streghe e' finita da secoli.
    > E se permetti, sono liberissimo di NON
    > crederci...
    >A bocca aperta

    Certo, tu sei liberissimo di credere a quello che ti pare.

    Comincia a credere al sacrosanto principio che 1 mp3 copiato produce un danno INCALCOLABILE per le major.

    Se credi a quello, puoi credere a tutto.
  • Se non lo fosse, cosa cambierebbe?
    non+autenticato
  • Non ti parte il file torrent direttamente da Google (neanche se premi "Mi sento fortunato"), bensì devi prima accedere ad un sito (come Isohunt) dal quale scaricare suddetto file.
    Enok
    245
  • Ma isohunt non ha quel materiale dentro di se...
    Sgabbio
    26178
  • Si, però favorisce lo scambio illecito di quel determinato materiale. E come tale andrebbe perseguito, cioè meno di chi quel file lo distribuisce in prima persona.
    Enok
    245
  • - Scritto da: Enok
    > Si, però favorisce lo scambio illecito di quel
    > determinato materiale. E come tale andrebbe
    > perseguito, cioè meno di chi quel file lo
    > distribuisce in prima
    > persona.

    Fixed.
    Favorisce solo lo scambio.
    Che sia illecito dipende dalla natura del contenuto, e non spetta a isohunt stablirlo.
  • Pare abbiano un po' di paura che qualcuno si accorga che, in fondo, sono esattamente la stessa cosa.
    Anzi, youtube fa molto piu' di isohunt nel favorire la pirateria.
    non+autenticato
  • non più ora mai hanno capito che youtube è una fonte di soldi, tanto più che ora qualsiasi singolo sia meso su youtube direttamente dalle major (quasi tutte hanno canali ufficiali sul tubo) ma non solo anche contenuti caricati da altri spesso non vengono rimossi più ma viene soltanto aggiunta una nota che indica questo materiale è di proprietà della XXX. Puoi comprare il brano su iTunes.
    Basta farsi un giro su Youtube per vedere questo.
    non+autenticato
  • ma se youtube è nota per il suo ecesso di zelo!
    Sgabbio
    26178
  • Google sta ciurlando nel manico...

    E' molto facile passare da posizione dominante ad ABUSO di posizione dominante, e causare rogne legali alla concorrenza e' uno dei modi.

    M$ insegna.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Google sta ciurlando nel manico...
    >
    > E' molto facile passare da posizione dominante ad
    > ABUSO di posizione dominante, e causare rogne
    > legali alla concorrenza e' uno dei
    > modi.
    >
    > M$ insegna.

    Google si sta accorgendo che la sua quota di utilizzo si sta lentamente erodendo

    http://translate.googleusercontent.com/translate_c...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Punto
    > - Scritto da: panda rossa
    > > Google sta ciurlando nel manico...
    > >
    > > E' molto facile passare da posizione dominante
    > ad
    > > ABUSO di posizione dominante, e causare rogne
    > > legali alla concorrenza e' uno dei
    > > modi.
    > >
    > > M$ insegna.
    >
    > Google si sta accorgendo che la sua quota di
    > utilizzo si sta lentamente erodendo
    >
    >
    > http://translate.googleusercontent.com/translate_c

    anche "chiedi" è calata di un bel po' A bocca aperta
    però mi chiedo come mai google sia sceso in favore di bing e yahoo... non mi pare che questi due offrano di più, anzi.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 23 febbraio 2011 12.41
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: il solito bene informato

    > però mi chiedo come mai google sia sceso in
    > favore di bing e yahoo... non mi pare che questi
    > due offrano di più,
    > anzi.

    Chiediti che cosa c'e' di default nel preinstallato e troverai anche la risposta alla tua domanda.
  • Questa è una stupidaggine, vista la diffusione di Explorer che continua a perdere utilizzatori e quella degli altri browser che invece sono in continua crescita la spiegazione che dai è frutto solo di stupido pregiudizio
    non+autenticato
  • IE è ancora il più usato comunque
    Sgabbio
    26178