Mauro Vecchio

Cina, nuova stretta al web?

Alle autoritÓ di Pechino non Ŕ piaciuto il recente discorso del Segretario di Stato Hillary Clinton. Gli Stati Uniti vorrebbero interferire nella politica estera cinese. Intanto si pensa a nuovi blocchi per la Rete

Roma - "Siamo contrari all'operato di tutti quei paesi che cercano di sfruttare la tutela della libertà in Rete come mero pretesto per poter interferire negli affari esteri di altre nazioni". Così il portavoce del ministero degli Esteri cinese Ma Zhaoxu, recentemente intervenuto a commentare certe posizioni assunte dal governo degli Stati Uniti.

In particolare quelle illustrate dal Segretario di Stato statunitense Hillary Clinton, che alla platea della George Washington University aveva parlato del principio di libertà di connessione, una delle principali direttive della politica estera sostenuta dall'amministrazione Obama.

Zhaoxu ha commentato aspramente le dichiarazioni di Clinton, sottolineando come il reale intento del governo statunitense consista nel controllo remoto della politica estera cinese. Secondo lo stesso portavoce, gran parte degli utenti del paese asiatico avrebbe libero accesso alla Rete. Ad eccezione di quei blocchi specifici imposti dalla legge.
E di controllo del web è tornato a parlare il Presidente cinese Hu Jintao, soprattutto in seguito al forte vento di rivolta popolare scatenatosi in Medio Oriente. A rischio ci sarebbe in primis la stabilità del governo di Pechino, minacciato da conflitti che troverebbero in Rete la più vasta eco.

Le autorità cinesi sarebbero dunque pronte ad una nuova stretta su determinate libertà di espressione, in particolare quelle veicolate attraverso le principali piattaforme di microblogging. Le maglie della censura potrebbero così stringersi intorno a community online, forum e servizi in stile Twitter.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàEgitto, la caduta di InternetIl governo egiziano sarebbe riuscito nel tentativo di spegnere Internet. Hillary Clinton chiede il ripristino della libera circolazione delle informazioni. E Anonymous annuncia un atto di sabotaggio online
  • AttualitàTwitter, eclissi totale in EgittoIl popolare servizio di microblogging sarebbe stato bloccato dalle autoritÓ governative per evitare la diffusione di immagini e notizie sui disordini scoppiati di recente. Twitter conferma l'interruzione dei cinguettii
  • AttualitàIran, blogger in manetteHossein Derakhshan condannato a 19 anni di carcere. Irraggiungibile il suo blog. Sconcerto da parte delle autoritÓ canadesi. Mentre RSF ha condannato la pi¨ dura sentenza mai emessa contro un blogger in terra iraniana
  • AttualitàCina, se Egitto è una parola tabùLe autoritÓ di Pechino hanno bloccato una delle parole chiave pi¨ arroventate della piattaforma di microblogging Sina. Immagini e notizie sulla rivolta egiziana sono state estromesse dai principali media di stato
1 Commenti alla Notizia Cina, nuova stretta al web?
Ordina
  • Se la Cina, richiedesse i soldi che ha prestato agli Americani il dollaro varrebbe meno del valore della carta su cui è stampato, io non approvo nessun sistema che limiti la libertà dell'individuo, ma di fatto gli americani se mantengono lo stile di vita che hanno è grazie alla cina che finanzia, quindi dovrebbero essere meno ipocriti e invasivi.
    Il fatto che vorrebbero speculare anche in Cina come fanno nel resto del mondo, invece per fortuna almeno li non l'hanno vinta.
    non+autenticato