Alfonso Maruccia

Antennagate, un problema reale. E universale

Ricercatori UK stabiliscono che il problema della copertura delle antenne degli smartphone č reale. E non riguarda solo iPhone. Un problema strutturale, difficile da risolvere

Roma - Dietro il cosiddetto scandalo antennagate ci sarebbe molto di più del banale gossip tecnologico: un team dell'Università di Bristol ha replicato in laboratorio la degradazione del segnale dovuta alla semplice impugnatura di uno smartphone, l'ha misurata e ne ha decretato l'universalità assieme alla difficoltà oggettiva di potervi porre rimedio.

I ricercatori hanno misurato la sensibilità dell'antenna contenuta nei dispositivi di comunicazione portatile quando questi vengono tenuti in mano, sono liberi da impugnatura, o vengono a contatto con un pollice "finto" realizzato per simulare le interferenze elettromagnetiche della pelle umana.

I risultati dello studio: "Una riduzione di 100 volte nella sensibilità del dispositivo quando impugnato, o quando il pollice dell'utente viene simulato con materiale fittizio". A degradare sensibilmente non è tanto "la forma della radiazione" elettromagnetica, dicono i ricercatori, quanto piuttosto "l'accoppiamento elettrico fra l'antenna e la circuiteria elettronica".
A peggiorare ulteriormente il problema c'è la scoperta che i famigerati "bumper" forniti da Apple, o per meglio dire "un vuoto tra la superficie dell'antenna e il pollice fittizio realizzato usando uno strato di isolante elettrico di materiale plastico", nulla possono per mitigare l'effetto deleterio della pelle umana sulla sensibilità dell'antenna alle onde radio.

Ma "antenngate" non riguarda soltanto Apple e il suo iPhone: il fenomeno rilevato dai ricercatori di Bristol ha una natura "universale", tanto più che lo studio non è stato condotto attraverso gli smartphone oggi presenti sul mercato - iPhone incluso, dunque - quanto piuttosto con "dispositivi wireless dotati di antenne multiple e canali di input e output multipli (MIMO)".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
64 Commenti alla Notizia Antennagate, un problema reale. E universale
Ordina
  • Beh, la cosa è prevedibile: se avvolgo qualsiasi cellulare con entrambe le mani, esso misura un segnale meno intenso, proprio perché ci sono le mani che fanno da schermo.
    Insomma, è qualcosa che sapevamo già, ed è sempre valida (suppongo che i ricercatori in questione abbiano fatto studi per descrivere cosa accade nelle varie situazioni, e non si siano limitati a constatare il problema in modo binario).

    Però ci sono configurazioni delle antenne che possono minimizzare questo effetto nell'uso comune, in modo che non crei problemi nella funzionalità del dispositivo. Insomma, ci sono dei distinguo da fare.

    Quindi il fatto che più o meno tutti soffrano di questo problema non va considerato come un'attenuante per chi ha progettato MALE iphone4, visto che proprio in quel dispositivo l'effetto è non solo evidente, ma anche difficilmente evitabile nell'uso comune... Insomma, Mamma Apple non cerchi giustificazioni!
  • posseggo un iphone 4 e posso dire di concordare in pieno. ció non toglie che resti un telefono eccezionale.
  • La risposta e' l'auricolare bluetooth (o normale), ponendo il cellulare sulla scrivania nel punto in cui c'e' "piu' campo". E oltretutto ci si becca anche una minor dose di radiazioni
  • - Scritto da: an0nim0
    > La risposta e' l'auricolare bluetooth [...]
    > oltretutto
    > ci si becca anche una minor dose di
    > radiazioni

    meno radiazioni?
    col bluetooth???
    mah
    non+autenticato
  • - Scritto da: come prego
    > meno radiazioni?
    > col bluetooth???
    > mah

    Per trasmettere a qualche metro come avviene nel caso degli auricolari basta una potenza nettamente inferiore a quella necessaria per trasemttere
    a qualche chilometro come nel caso del cellulare, mi sembra ovvio.

    Non ho sotto mano i dati esatti, ma gli auricolari operano nell'ordine dei 10mW di potenza, metre i cellulari spaziano da <lW fino a circa 3W a seconda della distanza dal trasmettitore della cella, quindi mediamente una potenza centinaia di volte superiore....
    non+autenticato
  • Secondo me no, perchè è praticamente dentro l'orecchio.
    C'era un vecchio modello Sony Ericsson con auricolare lungo circa 50 cm. Il BT lo fissavi con una clips.
    non+autenticato
  • intanto io con il mio Galaxy Tab.. non ho nessun problema di impugnatura in quanto lo tengo, nel borsello, sul tavolo, oppure se anche lo tengo in mano ne occupo una percentuale moolto minimaA bocca aperta
    lroby
    5311
  • Il galaxy tab ha il modulo chiamate? Parlo sul serio, non sono sarcastico, non lo so e te lo domando perchè in effetti potrebbe interessarmi.
    non+autenticato
  • assolutamente SI! infatti è quello il primo motivo per cui l'ho comprato..
    dovevo sostituire il mio N97 che non mi piaceva più (aveva anche dei difetti che mi mandavano in bestia considerando che uso il cell per lavoro)
    e stavo per comprare il HTC Desirè HD però dopo averlo provato non mi ha convinto molto (il Desirè intendo)..
    caso volle che a fianco vi era anche a disposizione per test questo Galaxy Tab e dopo 1 ora non riuscivo quasi più a staccarmi da questo gioiellino..
    Poi l'ho comprato e ho fatto la scelta migliore!
    lroby
    5311
  • Immagino si debba usare l'auricolare bluetooth per avere un minimo di comodità. Come ti trovi? La batteria dura a sufficienza?

    La cosa mi interessa e mi sta passando per la mente di acquistare il Galaxy Tab "2" che uscirà nei prossimi mesi, però avere commenti di chi lo usa aiuta molto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paolo Nocco
    > Immagino si debba usare l'auricolare bluetooth
    > per avere un minimo di comodità.
    L'unico accessorio che non uso è proprio l'auricolare BT,
    io uso sopratutto le sue cuffiette originali, le trovo comodissime,
    qualche volta mi capita di usarlo anche in vivavoce (che è fantastico),
    usando il tomtom GO910 come vivavoce BT o direttamente l'autoradio Sony sempre come vivavoce BT (che manda l'audio direttamente alle casse della macchina e possiede pure un microfono integrato).
    Attenzione che il Galaxy Tab 2 sarà una copia più spudorata del Ipad, quindi solamente 10" (almeno all'inizio), NON avrà il modulo telefonico e peserà il doppio del mio attuale TAB.
    se proprio dovessi comprare un 10" che non telefona aspetto che esca in commercio il migliore di tutti i tablet annunciati. ASUS eee Trasformer.
    se la cosa ti incuriosisce vai a vederne le presentazioni su Youtube.
    Io me ne sono innamorato e sarà un regalo che mi farò per il puro divertimento (mentre il Galaxy Tab 1 lo uso per lavoro quindi + come supercellulare che come puro Tablet)


    Come ti trovi?
    nelle modalità descritte sopra, da Dio..

    > La batteria dura a
    > sufficienza?
    come per tutte le cose dipende dal tipo di utilizzo, ho provato ad usarlo come solo cellulare (chiamate e sms) e mi è durato 8 giorni, nella media rimane sui 3,5-4 giorni e se lo stresso parecchio, scende a 2-2,5 giorni.


    > La cosa mi interessa e mi sta passando per la
    > mente di acquistare il Galaxy Tab "2" che uscirà
    > nei prossimi mesi, però avere commenti di chi lo
    > usa aiuta
    > molto.
    Piuttosto che il Gtab2, come detto sopra, butta un'occhio all'AsusA bocca aperta
    felice di aiutarti

    ps
    da quando possiedo il Tab 1, non riesco più ad usare con soddisfazione nessun smartphone (perfino il HTC Desirè HD che è forse lo smartphone più bello)
    lroby
    5311
  • Grazie, seguirò Asus di cui possiedo già con soddisfazione un eee, per cui non mi aspetto altro che qualcosa di buono.
    non+autenticato
  • - Scritto da: lroby
    > assolutamente SI! infatti è quello il primo
    > motivo per cui l'ho
    > comprato..
    > dovevo sostituire il mio N97 che non mi piaceva
    > più (aveva anche dei difetti che mi mandavano in
    > bestia considerando che uso il cell per
    > lavoro)
    > e stavo per comprare il HTC Desirè HD però dopo
    > averlo provato non mi ha convinto molto (il
    > Desirè
    > intendo)..
    > caso volle che a fianco vi era anche a
    > disposizione per test questo Galaxy Tab e dopo 1
    > ora non riuscivo quasi più a staccarmi da questo
    > gioiellino..
    > Poi l'ho comprato e ho fatto la scelta migliore!


    e usi un tablet come cellulare? ma lo appoggi anche all'orecchio?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Berlu
    > e usi un tablet come cellulare?
    Non solo come cellulare ma ANCHE come cellulare, la gestione dei contatti della rubrica e della agenda è in assolute migliore rispetto a qualsiasi altro smartphone.

    ma lo appoggi
    > anche
    > all'orecchio?
    è l'unica modalità che non è consentita, e poi sarebbe un pochino ridicolo, non credi?
    potendolo usare con il suo vivavoce integrato, con le cuffiette BT o con il filo, con il vivavoce di Tomtom e dell'autoradio, direi che non c'è bisogno anche della modalità vicino all'orecchioA bocca aperta
    lroby
    5311
  • comodo, soprattutto da mettere nel taschino...
  • e un antenna esterna come i vecchi cellulari ?
    penso che con questa tutti i designer stiano vomitando sangue eh eh eh
  • L'estetica non è mai stata amica della pratica. Ecco perchè architetti e ingegneri sotto sotto vorrebbero uccidersi a vicenda.
    non+autenticato
  • Ma a volte neppure tanto sotto-sotto.
    Perseguono necessità diverse difficili da fare convivere, e quando una dele due deborda arrivano i problemi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paolo Nocco
    > L'estetica non è mai stata amica della pratica.
    > Ecco perchè architetti e ingegneri sotto sotto
    > vorrebbero uccidersi a
    > vicenda.

    Finché un giorno arrivò l'ergonomia. Ma non tutti se ne sono accorti...
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: Paolo Nocco
    > > L'estetica non è mai stata amica della pratica.
    > > Ecco perchè architetti e ingegneri sotto sotto
    > > vorrebbero uccidersi a
    > > vicenda.
    >
    > Finché un giorno arrivò l'ergonomia. Ma non tutti
    > se ne sono
    > accorti...

    e poi misero le antenne esterne e videro che NON era cosa buona ma data la cecità dei fedeli gli dissero di cambiare mano o di prenderlo in modo diverso e i fedeli lo presero... come sempre... felici ^^
  • Ruppolo, ti prego evita. le iCose sono tutto tranne che ergonomiche secondo la definizione di fusione tra pratica ed estetica che tu vorresti dare al termine. Non per niente molti architetti usano MacBook.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: Paolo Nocco
    > > L'estetica non è mai stata amica della pratica.
    > > Ecco perchè architetti e ingegneri sotto sotto
    > > vorrebbero uccidersi a
    > > vicenda.
    >
    > Finché un giorno arrivò l'ergonomia. Ma non tutti
    > se ne sono
    > accorti...

    Sicuramente non gli utenti Apple...
    Funz
    13000
  • ...e nessuno ha pensato al telefonino/ghiacciolo, col manico estraibile verso il basso, A bocca aperta
    non+autenticato
  • ... e nessuno ha pensato al telefonino/ghiacciolo,
    col manico estraibile verso il basso ...

    Ottima idea, se poi il manico fosse la batteria magari sarebbe più facile mantenerne una facile sostituibilità.
    Comunque io, da vecchiaccio, preferisco tenere l'iPhone all'interno del polso ... nonostante iOS non lo contempli come opzione nelle sue impostazioni troppo vertical oriented.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)