Raffaella Gargiulo

Il premio Turing all'intelligenza artificiale

╚ Leslie Valiant ad aggiudicarsi l'ambito riconoscimento. Le sue ricerche hanno fornito le basi teoriche per i progressi nel campo dell'intelligenza artificiale e per la teoria dell'apprendimento della macchina

Roma - Il premio Turing Award, considerato il Nobel dell'informatica, è stato assegnato allo scienziato Leslie G. Valiant, 61 anni e professore dell'università di Hardvard, il cui lavoro ha posto le basi teoriche per l'apprendimento della macchina.

Il premio, in onore al matematico britannico Alan Turing che ha contribuito a sviluppare un fondamento teorico per la comprensione del calcolo automatico, prevede lo stanziamento di 250mila dollari finanziati da Intel e Google e gestiti dalla Association for Computing Machinery. Valiant riceverà il premio il 4 giugno con una cerimonia a San Jose.

"Le realizzazioni di Leslie Valiant negli ultimi 30 anni - ha dichiarato il presidente ACM Alain Chesnais - hanno fornito la base teorica per i progressi nel campo dell'intelligenza artificiale e hanno portato a risultati straordinari per la teoria dell'apprendimento della macchina". "Il suo lavoro - ha continuato - ha prodotto modelli che elaborano risposte su questioni fondamentali, come ad esempio il modello computazione, o ancora spiegazioni di come il cervello calcola i dati. La sua profonda visione informatica, matematica e di teoria cognitiva sono state combinate con altre tecniche per costruire forme moderne di apprendimento automatico e di comunicazione, come ad esempio Watson di IBM, che hanno permesso a sistemi informatici di rilevare la capacità di un essere umano di rispondere alle domande".
Tra le opere influenti del professore vincitore vi è un documento importante dal titolo "Teoria del s'impara", che è considerato una fonte fondamentale per l'apprendimento della macchina.

Gran parte della ricerca pionieristica del professor Valiant nel machine learning è stato fatto nel 1980. "Sicuramente - per riportare le dichiarazioni di Jonathan Kleinberg, ricercatore di informatica presso la Cornell University - poteva ottenere l'assegnazione del premio un decennio fa, ma questo era il suo momento data la concentrazione delle iniziative in questi settori".

Il professor Valiant ha fornito il suo contributo ad una serie di branche, tra le quali la machine learning, la complessità computazionale, il computing parallelo e distribuito, lo studio dei metodi come l'elaborazione del linguaggio naturale e molto altro ancora. In particolare, la ricerca del professore ha gettato le basi matematiche per consentire ai computer di imparare, per giungere ad applicazioni tra le quali una miriade di filtri antispam, al riconoscimento vocale e al sistema di rilevamento delle frodi.

I suoi decenni di ricerca sono stati programmati per esplorate le modalità per rendere i computer simili all'uomo, per fare in modo che le macchine imitassero sia il pensiero umano sia processo di ragionamento.

Più recentemente, Valiant ha esplorato il campo delle neuroscienze computazionali, esaminando la capacità del cervello di accedere rapidamente ai database contenenti enormi quantità di informazioni. Tra i suoi saggi in materia, importante è uno intitolato Circuits of the Mind, che adotta un approccio computazionale per studiare come funziona il cervello umano.

Alfred Spector, vicepresidente Google, ha dichiarato: "Il suo concetto geniale e brillante di ricerca ha avuto un ampiezza incredibile, grazie agli studi del professore si è arrivati ad innovazioni nel campo del machine learning, un settore di crescente importanza in molti utilizzi del computing". Google, infatti, sta applicando alcune ricerche del professor Valiant per alcuni dei suoi progetti più avveniristici, tra i quali una applicazione per smartphone che traduce le chiamate vocali tra inglese e spagnolo in tempo reale.

Raffaella Gargiulo
Notizie collegate
5 Commenti alla Notizia Il premio Turing all'intelligenza artificiale
Ordina