Raffaella Gargiulo

UE chiede chiarimenti sull'attuazione norma RAEE

Dopo l'inchiesta di Greenpeace e l'interrogazione dell'eurodeputato Alfano, l'Unione risponde chiedendo al Governo italiano di fornire maggiori informazioni al riguardo

Roma - A seguito della video-inchiesta pubblica di Greenpeace sulla problematica adozione in Italia del decreto "uno contro uno" per la raccolta dei rifiuti elettronici, arriva la risposta dell'Unione Europea. L'interrogazione, presentata dall'eurodeputato Sonia Alfano alla Commissione europea sull'esito dell'indagine pubblicata dall'associazione nel dicembre scorso, ha spinto la Commissione a chiedere chiarimenti all'Italia sull'inadeguata attuazione delle normative comunitarie relative allo smaltimento dei RAEE (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche).

Ad annunciarlo è Greenpeace, ricordando che "secondo il decreto uno contro uno il rivenditore hi-tech ha l'obbligo di ritirare gratis il prodotto usato a seguito di un nuovo acquisto".
Nell'interrogazione l'eurodeputato Alfano, dopo aver informato la Commissione sui risultati negativi dell'indagine di Greenpeace sui centri di raccolta dei rifiuti effettuata nel 2009, ha chiesto alla Commissione - secondo quanto riferito dall'associazione ambientalista - se i risultati delle indagini di Greenpeace non ponessero dubbi sulla concreta attuazione della Direttiva sui rifiuti elettronici in Italia. ╚ bastato poco più di un mese ed il Commissario per l'Ambiente, Janez Potočnik, ha risposto che "la Commissione chiederà alle autorità competenti di fornire maggiori informazioni in merito".

Secondo l'indagine resa pubblica da Greenpeace, vi sarebbe stato il mancato rispetto della normativa sugli scarti hi-tech per circa la metà dei negozi intervistati. "Nel 63 per cento dei casi, inoltre - afferma il gruppo ambientalista - non veniva neanche fornita la giusta informazione ai clienti sul ritiro gratuito, nonostante il decreto fosse entrato in vigore da sei mesi". L'inchiesta di Greenpeace, effettuata durante le festività natalizie, aveva preso in esame 107 negozi di elettronica facenti parte di grandi catene di distribuzione in oltre 30 città italiane, ovvero circa il 70 per cento del mercato nazionale del settore.
I risultati avevano portato alla luce che, a oltre sei mesi dall'approvazione del decreto RAEE, gli esercenti dei negozi in questione non avevano rispettato le regole del ritiro dell'usato "uno contro uno". L'organizzazione aveva poi provveduto a stilare una sorta di classifica delle catene di elettronica che meglio si erano adeguate alla norma di legge.

Nel frattempo alcune di queste catene, dopo aver preso visione dei risultati della classifica di Greenpeace, hanno avviato delle opportune verifiche interne. Infatti, come ha precisato l'associazione, "online è possibile consultare la classifica aggiornata che vede Unieuro al secondo posto rispetto al penultimo, occupato lo scorso dicembre".

"Ancora una volta - ha dichiarato Vittoria Polidori, responsabile della campagna Inquinamento di Greenpace Italia - su una materia scottante come la gestione dei rifiuti dobbiamo arrivare all'Unione europea per ottenere risposte"."╚ sconcertante - aggiunge Polidori - il silenzio tombale del ministero dell'Ambiente italiano che non si espone, nonostante venga sistematicamente messo a conoscenza dei risultati delle nostre indagini".

"Ci chiediamo cosa stia aspettando il ministero dell'Ambiente a mettere l'Italia al passo con la Direttiva sui rifiuti elettronici del 2002. La fase di raccolta di questi pericolosi scarti - conclude Polidori - è determinante non solo per tutelare ambiente e salute ma anche per ottimizzare il sistema, incrementare l'occupazione e garantire il recupero, o il corretto smaltimento, di tutti i rifiuti hi-tech".

A seguito della risposta della Commissione è intervenuta anche l'eurodeputato Alfano. "Il fatto che la Commissione abbia risposto sollevando dubbi e abbia chiesto chiarimenti al governo italiano è un risultato importante e mi auguro che questo possa portare l'Italia ad attuare nel più breve tempo possibile la direttiva europea". L'eurodeputato si è inoltre rivolta al ministro dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo, dichiarando che "dovrebbe ascoltare Greenpeace che fa un ottimo lavoro, e non mantenere questo silenzio assordante che suona come un ammissione di colpe e responsabilità".

Raffaella Gargiulo
Notizie collegate
  • AttualitàGreenpeace: RAEE, il grande ingannoUna nuova inchiesta di Greenpeace punta il dito contro i distributori e le istituzioni locali, colpevoli di inadempienza nel rispetto delle norme sullo smaltimento dei rifiuti tecnologici
  • AttualitàRifiuti hi-tech, produttori nel palloneNessun grande player dell'ICT, con la sola eccezione di 3 Italia, Ŕ oggi disponibile a raccontare come si sta preparando alla svolta. Dal primo gennaio in Italia cambia tutto, per legge. Ma cambierÓ davvero?
  • AttualitàRifiuti hi-tech, smaltiti ma non troppo In un convegno a Milano si Ŕ discusso dei diversi approcci al problema dello smaltimento. Punto Informatico racconta lo stato dell'arte del settore, anche grazie al contributo degli studi di Greenpeace
13 Commenti alla Notizia UE chiede chiarimenti sull'attuazione norma RAEE
Ordina
  • Almeno le grandi catene dovrebbero essere obbligate a ritirare i rottami indipendentemente dall'acquisto di un elettrodomestico nuovo.
    Funz
    11913
  • L'attuazione della norma RAEE non ci sarà in Italia perché la mafia non gradisce che le "grandi catene" o chiunque altro si occupi di ciò. Semplice.
    non+autenticato
  • La mafia siamo noi che stiamo in silenzio di fronte a queste cose e ce ne freghiamo del nostro paese affossandolo sempre di più. Ci lamentiamo che l'italia va male, ma non facciamo nulla per migliorarla, anche a piccoli gesti, anche a rimproverare quanti buttano le cicche delle sigarette, dopo che hai fumato, in mezzo alla strada senza gettarli negli appositi cestini. Vuoi crepare? Cavoli tuoi, ma almeno rispetta il prossimoA bocca aperta

    Quindi, non lamentiamoci, ma facciamo qualcosa di concreto
    non+autenticato
  • Semplicemente la mafia farà i prezzi piu' bassi e vincera' le gare di appalto per lo smaltimento dei rifiuti, facendoli finire poi in qualche parte d'Italia o in fondo al mare.
    non+autenticato
  • e il bello è che quando succedono queste cose nessun magistrato chiede intercettazioni a tappeto in modo da agguantare questi farabutti con le mani nel sacco

    lungi da me difendere Berlusconi, ma è mai possibile che si spendono miliardi per intercettare questo vecchio e nessuno pensa a tenere sotto controllo i capataz della 'ndrangheta che affondano navi piene di rifiuti nucleari nel mediterraneo?
    non+autenticato
  • Cercano di decapitare il sistema mafiosoOcchiolino
  • Senza il "Sistema Mafioso" l'Italia sarebbe nel caos, qualunque paese senza un Governo che diriga sarebbe nel caos, se poi Mafia e Governo coincidono..
    AnonimoAnonimoAnonimo
    Be&O
    1113
  • Non è vero che non ci sono le intercettazioni e non è vero che i mafiosi non vengono intercettati. Secondo te dove le trovano le prove per incastrarli?
    non+autenticato
  • Per fortuna, finché sarà possibile farlo, i magistrati intercettano continuamente capi della criminalità organizzata. E molti vengono presi, da sempre.
    Purtroppo intercettare non basta, perché difficilmente usano il cellulare personale per chiamare. Hai presente i pizzini di cui si parla? Ecco.
    non+autenticato
  • >lungi da me difendere Berlusconi, ma è mai possibile che si spendono miliardi per intercettare questo vecchio...

    se la metti su questo piano, visti i fantastiliardi che puo` costare al paese un premier ricattabile, direi che sarebbe meglio ficcargli una webcam 24h e se non gli va bene puo` tornare privato cittadino...
    non+autenticato
  • Al 50% degli Italiani piace essere Sudditi quindi da quì non ci si smuove, poi se chi fa da re ha come esempio Putin e Geddafi ti puoi immaginare come siamo messi.... e da pure dei Comunisti a tutto quello che va contro le sue idee.
    Be&O
    1113