Claudio Tamburrino

UE: gli ISP non paghino per la TV

Davanti alla Corte di Giustizia le tasse imposte agli ISP da Francia e Spagna per finanziare le televisioni pubbliche, private delle pubblicità

Roma - La Commissione Europea è pronta a portare la Francia davanti alla Corte di Giustizia per la cosiddetta "taxe télécoms" imposta ai fornitori di connettività per finanziare le televisioni.

Parigi aveva deciso di passare alla tv pubblica, privata degli introiti pubblicitari, parte di quelli generati da Internet: una tassa ad hoc per gli ISP (fino allo 0,9 per cento del loro fatturato) per sostenere il medium tradizionale. Il nuovo per il vecchio. Come se i due media fossero vasi comunicanti da cui attingere indiscriminatamente.

Già a febbraio dell'anno scorso la Commissione Europea aveva avviato per questo meccanismo una procedura d'infrazione nei confronti della Francia: la direttiva europea 2002/20/CE stabilisce i limiti entro cui è possibile tassare i fornitori di connettività, categoria che viene tutelata da Bruxelles in quanto considerata servizio primario. In essa si stabilisce anche che ogni nuovo balzello debba essere "specificatamente e direttamente legato alla copertura dei costi di regolamentazione del settore".
Tali limiti sarebbero invece stati superati da Parigi, e le condizioni non rispettate: per questo il Governo Sarkozy era stato in maniera informale già avvertito circa l'illiceità del provvedimento e i rischi connaturati ad un tale tipo di intervento in un settore così strategico come quello delle telecomunicazioni.

Questo anno passato dagli avvertimenti, a quanto pare, non è stato sufficiente alla Francia a mostrare le proprie ragioni o a cambiare idea, tanto che l'Eliseo non ha fatto marcia indietro e di conseguenza Bruxelles è ora pronta a far arrivare, come paventato, la questione alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea.

Sul banco degli imputati a Lussemburgo siederà anche la Spagna che ugualmente ha previsto una tassa sugli ISP per finanziare le televisioni. Per gli stessi motivi nei confronti dell'Ungheria è stata appena aperta una procedura di infrazione.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
24 Commenti alla Notizia UE: gli ISP non paghino per la TV
Ordina
  • Cioé vogliono tassare i service provider per finanziare la tv ??? a quale guadagno la TV è destinata a morire e loro la vogliono tenere attiva ???
    Ma chi la vuole chi ha mai avuto intenzione di continuare a finanziare una ditta che non fornisce alcun servizio utile ???
    Da dieci anni a questa parte è risultata SOLO DISTRUTTIVA sia in ambito educativo che nel Informativo.
    Allora perche io che non guardo più la tv ed ho pure regalato le due tv che avevo ai miei parenti devo pagare per continuare a finanziare un servizio di cui non usufruisco ????
  • Sarebbe bello iniziare a far pagare le emittenti TV per le frequenze che hanno in uso, invece dell'obolo ridicolo che pagano ora, e usare gli introiti per potenziare la rete.
    Ma abbiamo i politici e gli elettori che abbiamo.
    Funz
    13017
  • prima che arrivi qualcuno, passo in anticipo.

    Avevo sentito al tempo in TV ( una delle poche volte che la guardavo ) che togliere la Frequenza a Rete4 ( e mandarla sul satellite ) per darla a Europa7 ( o come si chiama ) era possibilissimo, solo che in quel caso dovevano rimborsare Rete4 ( e tra rete4 e europa7 diceva che rimborsare la seconda costava meno ).

    Non ricordo chi e dove lo avesse detto e anche se dovessi vederlo potrei non sapere chi sia, seguo poco la TV quindi questi personaggi sono famosi per gli altri.
  • Si stà passando al digitale terrestre. Nel 2012 il passaggio sarà completato. Quel problema non esiste più
  • - Scritto da: BSD_like
    > Si stà passando al digitale terrestre. Nel 2012
    > il passaggio sarà completato. Quel problema non
    > esiste
    > più

    Allora sarebbe opportuno un risarcimento al patron di E7.
    Funz
    13017
  • La TV come la conosciamo è destinata a sparire. Alcune considerazioni esposte in questo video cominciano a verificarsi:

    http://www.youtube.com/watch?v=nBx6ZvjkXDI

    Sorride
    Sicuramente in Italia il processo sarà più lento, ma comunque inevitabile
    non+autenticato
  • - Scritto da: All
    > La TV come la conosciamo è destinata a sparire.
    > Alcune considerazioni esposte in questo video
    > cominciano a
    > verificarsi:
    >
    > http://www.youtube.com/watch?v=nBx6ZvjkXDI

    ci manca solo BananaJoe. Tutto bello, ma non per questo mondo, non per le persone di questo pianeta, ai propri interessi nessuno rinuncia, quindi il copyright rimarrà come rimarrà chi se ne frega del copyright.
  • Se mai dovessero introdurre quella farneticazione che ho scritto nell'oggetto possiamo sperare che la UE intervenga per impedirlo?
    non+autenticato
  • Visto che si deve pagare non vedo il problema...
    O si annulla o che paghino tutti tra l'altro la rai offre un buon servizio anche a livello di nuove tecnologie e il sito della rai è di ottima qualità a livello di contenuti riesce a tenere il passo con mediaset nonostante abbia meno entrate (visto che non può fare un certo tipo di programmi).

    In italia la rai è stata la prima ad offrire contenuti completi gratis agli utenti online a livello tecnico ci sono scelte discutibili l'uso di software microsoft prima di tutto (scelto anche da mediaset poi).

    Il vero problema è che non è giusto togliere soldi a un mercato che non centra niente con la TV come internet.
    E' come tutti guardavano la TV gli ISP chiedessero soldi a Mediaset.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Regur Mortis
    > Visto che si deve pagare non vedo il problema...

    Si deve pagare se si possiede un apparecchio televisivo!

    > O si annulla o che paghino tutti tra l'altro la
    > rai offre un buon servizio

    Che cosa offre la rai?

    > anche a livello di
    > nuove tecnologie e il sito della rai è di ottima
    > qualità a livello di contenuti

    Peccato che non si possa fruire liberamente.

    > riesce a tenere il
    > passo con mediaset nonostante abbia meno entrate
    > (visto che non può fare un certo tipo di
    > programmi).

    Il paragone dovresti farlo con BBC, non con mediaset.

    > In italia la rai è stata la prima ad offrire
    > contenuti completi gratis agli utenti online

    Dove?

    > a
    > livello tecnico ci sono scelte discutibili l'uso
    > di software microsoft prima di tutto (scelto
    > anche da mediaset poi).

    Ah, ecco, appunto.
    Si fa presto a dire "offrire gratis".
  • - Scritto da: Regur Mortis
    > Visto che si deve pagare non vedo il problema...

    Forse perche' pensi che tutti abbiano una tv.

    > O si annulla o che paghino tutti tra l'altro la
    > rai offre un buon servizio anche a livello di
    > nuove tecnologie e il sito della rai è di ottima
    > qualità a livello di contenuti riesce a tenere il
    > passo con mediaset nonostante abbia meno entrate
    > (visto che non può fare un certo tipo di programmi).

    La rai a me offre un pessimo servizio, pensa che con il SO che uso il sito da' un sacco di problemi.
    Inoltre non farei i paragoni con canali italiani, vista la pochezza che offrono.

    > In italia la rai è stata la prima ad offrire
    > contenuti completi gratis agli utenti online a
    > livello tecnico ci sono scelte discutibili l'uso
    > di software microsoft prima di tutto (scelto
    > anche da mediaset poi).

    E se a me non interessasse fruire di quei contenuti ?
    Perarlo non riesco a fruirne a causa di tecnologie proprietarie, bella scelta ! Me lo paghi tu un pc con windows per installarci silverlight ?

    > Il vero problema è che non è giusto togliere
    > soldi a un mercato che non centra niente con
    > la TV come internet.

    Un po' come non e' giusto togliere soldi a un mercato come quello dei supporti per l'equo compenso.

    > E' come tutti guardavano la TV gli ISP
    > chiedessero soldi a Mediaset.
    krane
    22544
  • - Scritto da: Regur Mortis
    > Visto che si deve pagare non vedo il problema...
    > O si annulla o che paghino tutti tra l'altro la
    > rai offre un buon servizio anche a livello di
    > nuove tecnologie e il sito della rai è di ottima
    > qualità a livello di contenuti riesce a tenere il
    > passo con mediaset nonostante abbia meno entrate
    > (visto che non può fare un certo tipo di
    > programmi).

    A livello di contenuti? Tipo il TG1?A bocca aperta
    E non parliamo a livello di sito, con quella chiavica di silverlight...
    Funz
    13017
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)