Alfonso Maruccia

HP: il futuro nella cloud

Il CEO del colosso statunitense svela la nuova strategia aziendale: tutta all'insegna delle nuvole telematiche, infrastrutture e servizi per sviluppatori e utenti, marketplace universale. Al centro c' il sistema operativo webOS

Roma - La nuova uscita pubblica di Leo Apotheker era attesa da qualche settimana, e il CEO di Hewlett-Packard non ha deluso chi si aspettava un indirizzo di sostanza per il futuro del maggior produttore dell'IT mondiale. Apotheker discetta amabilmente di cloud computing e promette nuove infrastrutture distribuite, servizi per utenti, clienti e sviluppatori, un sistema operativo leggero e in grado di diffondersi velocemente e quanto nessun altro è stato in grado di fare dopo Microsoft Windows.

Il nuovo corso di HP si chiama "infrastruttura-come-servizio", un insieme di tecnologie da cloud computing pensate per estendere il suo dominio dal tradizionale hardware informatico - settore in cui la multinazionale eccelle - a quello dei server online offerti "un tanto a banda" per applicazioni di calcolo intensivo, hosting, sviluppo e via elencando.

Il cloud computing in declinazione HP comprende anche l'immancabile marketplace di applicazioni, univoco per professionisti e utenti consumer e offerto accanto a tutta una serie di servizi per gli sviluppatori di codice. "Se vuoi stare nel business del cloud - ha dichiarato Apotheker - devi farlo su larga scala".
Il "master plan" di HP non sarebbe completo senza un sistema operativo proprio (e parzialmente proprietario), e a tal proposito il CEO Apotheker ha ribadito il concetto già espresso nei giorni scorsi sulla centralità di webOS nella nuova strategia industriale. Il "piccolo" OS ereditato da Palm sarà parte di 100 milioni di dispositivi prodotti all'anno - PC, tablet, smartphone - promette in conclusione.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
6 Commenti alla Notizia HP: il futuro nella cloud
Ordina
  • stanno pensando che il primo processo da spostare sulla cloud ... è il browser
    (e vediamo chi la capisce questa)
    non+autenticato
  • - Scritto da: hp sucks
    > stanno pensando che il primo processo da spostare
    > sulla cloud ... è il browser

    cloud computing qui non è "gmail" dal tuo PC qui e IaaS con sopra magari pure PaaS e SaaS.
    Questo si può articolare in tanti modi, tra questi da un terminale (dumb o PC normale) ti colleghi ad un intero sistema operativo remoto.
    Quindi puoi benissimo aprire il browser in remoto sulla macchina, se poi questo ti abilità ad accedere a dati gestiti in sicurezza dentro una area ristretta accessibile solo da dentro la macchina virtuale....
    non+autenticato
  • Bello e interessante.
    Avere un sistema operativo,affiancato da una macchina super potente, per mandare in calcoli milioni di dati.
    non+autenticato
  • - Scritto da: niko
    > Bello e interessante.
    > Avere un sistema operativo,affiancato da una
    > macchina super potente, per mandare in calcoli
    > milioni di
    > dati.
    Bellissimo peccato che il gonzone di turno sotto casa mentre fa er buco per riparare una perdita d'acqua te taglia la fibbra, poi me lo dici che ci fai con i milioni di carcoli renali.

    Vogliamo poi parlare di chi ti garantisce la privacy e la sicurezza dei tuoi archivi, google insegna nessuno di voi ha perso tutte le sue email nell'ultimo casino capitato, immaggina se questo capita sul database degli ordini della tua azienda.
  • > Bellissimo peccato che il gonzone di turno sotto
    > casa mentre fa er buco per riparare una perdita
    > d'acqua te taglia la fibbra, poi me lo dici che
    > ci fai con i milioni di carcoli renali.

    come dire che il bancomat non va bene perché a volte non funziona.
    Comunque oggi esistono soluzioni che tengono copia dei tuoi documenti su strutture come google docs con una copa in locale per emergenza.

    > Vogliamo poi parlare di chi ti garantisce la
    > privacy e la sicurezza dei tuoi archivi,

    questo è un tema meno scontato

    > google insegna nessuno di voi ha perso tutte le sue
    > email nell'ultimo casino capitato, immaggina se
    > questo capita sul database degli ordini della tua
    > azienda.

    si è trattato di una percentuale minima, molto minore delle percentuali di dati persi dagli home user in media in un hanno, molti dei quali non sanno cosa sia il backup.
    Ovviamente un azienda seria che adottasse questi servizi pretenderà che il propri dati vengano backuppati in sedi geograficamente separate in più copie.
    non+autenticato
  • Immagina un cloud di Banche e dati personali e sanitari all'estero....
    ...ad un certo punto tu non fai un piacere al stato B e questo ti toglie...
    ...tutto.... ben tornato all'epoca della pietra.
    IL Cloud ha un lato oscuro, che sarà usato quando potrà produrre un guadagno.

    Ropi le balle a qualcuno..... Click, e non ci sei più !
    Be&O
    1121