Roberto Pulito

La CPU Intel che chiede l'amicizia a Facebook

L'azienda di Santa Clara presenta nuove CPU a basso consumo dedicate ai micro-server. Gli ingegneri del social network sembrano piuttosto interessati. La risposta del chipmaker ai server ARM?

Roma - Il chipmaker di Santa Clara pianifica nuovi processori a basso consumo, dedicati ai sistemi server e micro-server. Per fronteggiare la minaccia di ARM, sempre più impegnato in questo settore, verrà utilizzata una combinazione tra "Sandy Bridge" Xeon e CPU Atom.

Intel ha già avviato la produzione dei nuovi Xeon E3-1260L ed E3-1220L: piattaforme Sandy Bridge quad-core e dual-core che consumeranno rispettivamente 45W e 25W. A partire dal prossimo anno arriverà poi sul mercato un ulteriore Atom, ancora senza nome, con Thermal Design Power inferiore a 10 Watt. Processori ideali da utilizzare in ambito micro-server, con più schede single-socket che condividono lo stesso chassis.

Durante la conferenza stampa di ieri, il portavoce Intel ha sottolineato la possibilità di utilizzare gli Atom per gestire il social-networking. Il rappresentante di Facebook presente all'evento ha confermato che l'azienda sta già valutando l'idea di utilizzare i micro-server come alternativa alla virtualizzazione "classica", per alleggerire i carichi di lavoro del front-end, ma non crede che si possano sostituire i server tradizionali in ambito back-end.
Intanto, nel corso del 2011, Intel inaugurerà un vero e proprio laboratorio chiamato Micro Server Evaluation Lab, completamente incentrato su questa offerta. Una struttura nella quale sarà possibile testare il micro-ambiente e ottimizzare il proprio software indirizzato ai data center.

Roberto Pulito
Notizie collegate