Claudio Tamburrino

Google Docs, novità su cui discutere

Docs ottiene nuove funzionalità per il lavoro socializzato: la funzione "discussione". Per gli amanti del genere, una sorta di eredità di Google Wave

Roma - L'ultimo aggiornamento di Google Docs introduce una serie di novità che vanno nella direzione della collaborazione social.

La principale novità è l'introduzione di funzioni di editing in tempo reale (così da vedere digitazione dopo digitazione le modifiche introdotte dagli altri collaboratori a un determinato documento). Per favorire li lavoro di squadra è stata aggiunta, inoltre, la barra laterale con la chat.

Accanto a questa ristrutturazione è stato migliorato il sistema di formattazione, nonché la funzione di importazione ed esportazione dei documenti.
Introdotto, poi, un sistema per esprimere commenti al testo cui si sta lavorando.
Diversa dai commenti è la funzione "Discussione": ultima aggiunta alle opzioni già offerte con quella che aspira a diventare la suite per ufficio in cloud in competizione con Office, permette di avviare dibattiti specifici su un tema. Si tratta di uno spazio dove discutere del documento cui si sta collaborando con, per esempio, la possibilità di attivare un sistema di notifiche per essere avvertiti via email di ogni nuova risposta e un funzionamento, in modo simile ai commenti Facebook. Una volta giunti ad una conclusione soddisfacente, è possibile chiudere il dibattito con il pulsante "risolto".

Questi aspetti, in particolare, richiamano alla mente l'abbandonato Google Wave, che doveva rappresentare la visione social del lavoro da parte di Mountain View. Al momento della presentazione ufficiale, d'altronde, la stessa Google parlando della funzione Discussioni l'ha definita "figlia di Wave".

Claudio Tamburrino

Notizie collegate
  • AttualitàGoogle, problemi di accessibilitàDue università sono state denunciate per l'utilizzo delle applicazioni e dei servizi email di Google: discriminerebbero i ciechi
  • BusinessGoogle, il docuverso esce dalla betaIl plug-in per la sincronizzazione tra Office e le nuvole di Mountain View esce dallo stato di beta. Google esorta allo switch mentre Microsoft vince la gara per la fornitura di servizi di cloud computing alle istituzioni scolastiche statunitensi