USA, in arrivo database del DNA

Si parte in New Jersey, dove si inizierÓ a raccogliere il DNA di centinaia di migliaia di persone, da archiviare in un apposito database dell'FBI. L'obbligo di cedere DNA

Trenton (USA) - Le autoritÓ del New Jersey provvederanno dal mese prossimo alla raccolta di campioni di DNA dei cittadini dello stato americano. Per il momento, saranno sottoposti alla raccolta solo coloro che sono stati o saranno condannati per qualsiasi reato nei tribunali dello stato.

L'idea di una legge che entro la fine di questo mese dovrebbe essere firmata dal governatore del New Jersey Ŕ quella di far confluire in un database centralizzato le strutture DNA di centinaia di migliaia di persone, in modo tale da poter rendere in molti casi pi¨ veloci e meno complesse le indagini da parte degli inquirenti.

I fondi per la costituzione e il mantenimento del database verranno trovati aumentando di un paio di dollari le sanzioni per eccesso di velocitÓ sulle strade dello stato. Questo dovrebbe portare a raccogliere 8,2 milioni di dollari all'anno, con i quali verranno anche assunti circa 40 scienziati specializzati per il laboratorio della polizia.
La legge prevede anche che chiunque si trova attualmente in prigione, oppure sotto supervisione giudiziaria o in libertÓ vigilata dovrÓ sottoporsi alla raccolta del DNA. Si parla di circa 110mila persone, la maggior parte delle quali dovrÓ cedere campioni della propria saliva ai funzionari dedicati alla raccolta.

Tutti questi campioni saranno poi analizzati e tradotti in profili genetici che troveranno posto in un database gestito dall'FBI e che potrÓ comparare questi profili con quanto emerso sulle scene dei crimini commessi in tutti gli Stati Uniti.
47 Commenti alla Notizia USA, in arrivo database del DNA
Ordina
  • Per tutti quelli che sostengono la schedatura del DNA, consiglierei di vedere il film Gattaca puo' aprire gli occhi molto piu' che le parole.
    non+autenticato
  • gli stati uniti, da patria della liberta` che erano, sono ormai a meta` strada sulla scala dello stato di polizia

    del resto si era vista la vera faccia dell'america di oggi, dopo gli attentati dell'11 settembre..

    i politici hanno trasformato la nazione in uno stato di polizia giocando e fomentando la paranoia generale
    non+autenticato
  • ma taci comunista che non sei altro, vuoto e stolto come tutti voi che fate propaganda in ogni parola.
    Viene un conato a leggere il tuo intervento. Non ha nulla di intelligente da dire.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > gli stati uniti, da patria della liberta`
    > che erano, sono ormai a meta` strada sulla
    > scala dello stato di polizia
    >
    > del resto si era vista la vera faccia
    > dell'america di oggi, dopo gli attentati
    > dell'11 settembre..
    >
    > i politici hanno trasformato la nazione in
    > uno stato di polizia giocando e fomentando
    > la paranoia generale

    Il problema non è lo stato di polizia, che è comunque meglio di uno stato militare. Il problema è quando diventa uno stato di polizia segreta.

    Inoltre la polizia è una necessità di ogni stato per garantire la sicurezza ai cittadini. Però come sempre, gli uomini di potere vogliono altro potere. E questo fino ad arrivare a uno stato con potere assoluto. ╚ sempre successo nel passato e succederà ancora nel futuro. Si sperava che non potesse capitare in uno stato democratico ma penso che ci sbagliavamo. In fondo è già successo in passato dove stati democratici sono piombati in un regime tirannico (penso soprattutto all'antica grecia che con i suoi forum non è riuscita a impedire che accadesse).
    non+autenticato
  • chi e` disposto a cedere la sua liberta` per una illusoria sicurezza, non merita ne` liberta ne` sicurezza

    comunque me ne vado in Islanda piuttosto che sottostare a un tale regime

    tanto e` quasi certo che anche qui in qualche anno i politici ci arriveranno
    non+autenticato
  • Pensiamo ai costi contro i benefici.
    So che e' uno scenario serio e forse dovendo prendere una decisione sarei contrario, non lo so, per ora mi limito a rilevare che l'unabomber italiano che ha terrorizzato e ferito anche gravemente persone, ultima una bambina che ha raccolto un evidenziatore-bomba, sarebbe gia' in galera perche' la polizia possiede gia' il suo dna. Purtroppo non sapendo a chi appartiene unabomber e' ancora libero.
    non+autenticato
  • Ma che significa? Unabomber PIANIFICA le porcate che fa e, come tutti i criminali che premeditano un crimine, perndono le loro precauzioni, a seconda della loro abilità. Se so' già che mi hanno schedato il DNA, mi industrierò per non lasciarne sul luogo del crimine o per lo meno di mischiarlo a 1000 altri dna...non ci vuole mica un genio.

    Altra cosa invece sarebbero quei crimini minori o cmq imprevisti: qui il DNA sarebbe sicuramente una prova perfetta.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Pensiamo ai costi contro i benefici.
    > So che e' uno scenario serio e forse dovendo
    > prendere una decisione sarei contrario, non
    > lo so, per ora mi limito a rilevare che
    > l'unabomber italiano che ha terrorizzato e
    > ferito anche gravemente persone, ultima una
    > bambina che ha raccolto un
    > evidenziatore-bomba, sarebbe gia' in galera
    > perche' la polizia possiede gia' il suo dna.
    > Purtroppo non sapendo a chi appartiene
    > unabomber e' ancora libero.

    giusto, pensiamo ai costi/benefici.

    rischio: essere ucciso o ferito da un terrorista. Circa 600 personne/anno su 6 miliardi di persone. Totale 0.00001% di probabilità che ti capiti qualcosa.
    costi: rischiare di perdere la propria libertà/individualità per sempre, te, i tuoi figli e tutti quelli che seguono. Totale 100% di probabilità che capiti con un sistema di sorveglianza perfetto.

    rischio: rimanere ucciso o ferito in un incidente d'auto. Circa 10000 personne/anno su 100 milioni di persone. Totale .01% di probabilità che ti capiti qualcosa.
    costi: rischiare di prendere una multa perchè beccati dall'autovelox o con un tasso di alcolemia 0 al volante.

    Allora perchè tutti sono d'accordo per il sistema di sorveglianza mentre reclamano se la polizia di dota di migliori radar? Mi sembra che i costi/benefici nel secondo caso siano nettamente a nostro vantaggio.
    non+autenticato

  • > Allora perchè tutti sono d'accordo per il
    > sistema di sorveglianza mentre reclamano se
    > la polizia di dota di migliori radar? Mi
    > sembra che i costi/benefici nel secondo caso
    > siano nettamente a nostro vantaggio.

    hai ragione in teoria

    nella realta', con l'autovelox si piazzano nascosti lungo una strada larga e dritta (con rettilineo di 3 km) con un limite assurdo di 50km/h

    cominciamo a mettere limiti ragionevoli e sensati e a togliere ai vari sindaci di paeselli di 500 abitanti (vacche comprese) il potere di mettere limiti di 40 km/h su strade *statali* larghe 10m e completamente dritte
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > Allora perchè tutti sono d'accordo per il
    > > sistema di sorveglianza mentre reclamano
    > se
    > > la polizia di dota di migliori radar? Mi
    > > sembra che i costi/benefici nel secondo
    > caso
    > > siano nettamente a nostro vantaggio.
    >
    > hai ragione in teoria
    >
    > nella realta', con l'autovelox si piazzano
    > nascosti lungo una strada larga e dritta
    > (con rettilineo di 3 km) con un limite
    > assurdo di 50km/h
    >
    > cominciamo a mettere limiti ragionevoli e
    > sensati e a togliere ai vari sindaci di
    > paeselli di 500 abitanti (vacche comprese)
    > il potere di mettere limiti di 40 km/h su
    > strade *statali* larghe 10m e completamente
    > dritte

    ok, l'autovelox lo usano male, ma comunque il rapporto costo/beneficio resta alto non solo per la polizia ma anche per la popolazione.
    Nell'altro caso lo useranno male pure quello (ci scommettiamo?) solo che il costo/beneficio per la polizia sarà immenso, per la popolazione invece sarà solamente un costo e un rischio incredibili per un vantaggio tutto sommato molto piccolo.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Pensiamo ai costi contro i benefici.
    > So che e' uno scenario serio e forse dovendo
    > prendere una decisione sarei contrario, non
    > lo so, per ora mi limito a rilevare che
    > l'unabomber italiano che ha terrorizzato e
    > ferito anche gravemente persone, ultima una
    > bambina che ha raccolto un
    > evidenziatore-bomba, sarebbe gia' in galera
    > perche' la polizia possiede gia' il suo dna.
    > Purtroppo non sapendo a chi appartiene
    > unabomber e' ancora libero.


    Tu stai usando un argomento a forte impatto emotivo per giustificare una pratica liberticida, perche? Manco fossi un politico o un lobbysta. Comunque un folle lucido come unabomber sarebbe anche capace di lasciare tracce di qualcun'altro sul luogo dfel delitto per depistare. E questo potrebbe farlo chiunque, visto che ottenere un campione biologico di qualcuno e' estremamente facile.

    hola
    crack
    non+autenticato
  • Pensiamo ai costi contro i benefici.
    So che e' uno scenario serio e forse dovendo prendere una decisione sarei contrario, non lo so, per ora mi limito a rilevare che ogni caso di stupro porterebbe alla condanna del suo autore.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Pensiamo ai costi contro i benefici.
    > So che e' uno scenario serio e forse dovendo
    > prendere una decisione sarei contrario, non
    > lo so, per ora mi limito a rilevare che ogni
    > caso di stupro porterebbe alla condanna del
    > suo autore.

    certamente, così come qualsiasi altro delitto.

    Io propongo di mettere delle telecamere e dei microfoni in ogni luogo, compresi gli appartamenti e soprattutto nelle stanze da letto (la maggior parte degli stupri si consumano proprio li, parlo delle violenze famigliari, compresi incesti e altro...). Inoltre bisognerebbe impiantare un microchip in ogni persona con un tracciamento GPS e un sistema di sorveglianza automatico in grado di identificare immediatamente chiunque dovesse trovarsi vicino al luogo di un delitto.
    Propongo che tutta la corrispondenza venga letta per scoprire se non ci siano terroristi che usano il sistema postale per mandarsi messaggi (ben più usato che internet).

    Pensa che favola, non ci sarebbe più alcuna forma di crimine o delitto, e anche se ci fosse il colpevole sarebbe immediatamente rintracciato e identificato in modo certo.

    Con l'ausilio del DNA inoltre si avrebbe un sistema di firma digitale ben più sicura di qualsiasi altra e infalsificabile (in pratica è come firmare col sangue). Immense banche dati conterrebbero il nostro codice genetico e sarebbero in grado di fornire tutte le informazioni necessarie a un sistema sanitario dei più capaci al mondo.

    Pensa che bello, tutti quelli che si opporrebbero allo stato e che criticherebbero questo fantastico sistema sarebbero subito rintracciati e condannati per sovversione. I governi sarebbero quindi stabili e non ci sarebbe più rischio di perdite economiche dovute alla caduta di governi o a eventuali golpe.

    Non so cosa ne pensate voi ma questa scusa di proteggerci da tutto e tutti tenendoci sotto sorveglianza continua da parte della polizia mi fa molta paura, molta di più di quanto non mi faccia un terrorista. Se un terrorista dovesse uccidermi morirei da cittadino libero, se lo stato dovesse mettere in piedi un sistema simile vivrei da schiavo. Chi ha detto che è meglio morire da uomo libero che vivere da schiavo? beh, condivido in pieno.
    non+autenticato
  • mai sentito parlare di preservativo?
    si, ci sono i capelli e altre "prove", ma non e' cosi automatico che si trovi sulla scena del crimine la "lampante" prova accusatoria.

    Anche perche se sai che hai le impronte schedate giri coi guanti, se sai che hai il dna schedato ti organizzi per non lasciare tracce o per lasciarne cosi tante "diverse" da far impazzire ogni investigatore....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > lo so, per ora mi limito a rilevare che ogni
    > caso di stupro porterebbe alla condanna del
    > suo autore.

    Forse non sei abbastanza informato, ma 1) i colpevoli di stupro sono quasi sempre identificati con certezza, 2) la vittima spesso non denuncia affatto lo stupro, 3) nel caso in cui si arrivi in trubunale la prova del DNA (sia a carico che a discolpa) viene ammessa gia' adesso, 4) molte donne denunciano uno stupro solo per vendetta (prova a difenderti con il DNA in questi casi se ci riesci).

    La schedatura non serve a niente.

    Per tutti i sostenitori della schedatura, la prossima volta che buttate un preservativo usato nella spazzatura pensate in che mani potrebbe finire.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)