Claudio Tamburrino

Android market, pagamento in-app

Esordirà nei prossimi giorni. Si offre la possibilità di caricare le app per testarle in anticipo

Roma - Esordirà a breve, nei prossimi giorni, l'annunciato sistema di pagamento in-app di Android.

Un primo passo verso l'offerta di Apple agli editori (la criticata opzione di pagamento in-app con il 30 per cento degli introiti spettante a Cupertino), Google l'aveva fatta con One Pass: sistema di pagamento che "consente agli editori online di addebitare ai clienti i costi di articoli e altri contenuti" e che chiede il 10 per cento del fatturato più il 2 per cento di commissione su ogni transazione ad appannaggio del suo servizio Checkout.

In attesa dell'esordio del nuovo sistema l'Android Market offre già la possibilità di caricare e testare le app che impiegano sistemi di pagamento interni. L'utente business potrà caricare la propria applicazione sulla Developer Console, creare un catalogo di prodotti disponibili in app, stabilire il prezzo e testare internamente l'efficienza del servizio prima che arrivi al pubblico.
Claudio Tamburrino
Notizie collegate
3 Commenti alla Notizia Android market, pagamento in-app
Ordina
  • È diverso da 12?

    Si, per il marketing è diverso. Quel 2% viene quasi perso di vista.
    ruppolo
    33147
  • Il 10% sul fatturato dell'applicazione mentre il 2% è sulla transizione. Ti spiego meglio.

    L'App cosa 10€? Bene, 1€ va a google.

    Mettiamo che l'app venda brani musicali, ogni brano costa 1€, ad ogni transizione di acquisto Google ti chiede il 2%, quindi 0.02€

    Non è Marketing, anche PayPal ti chiede una percentuale per transizione ed anche molte carte di credito. Un 2% mi pare più che onesto.

    Ricordo che Apple vuole il 30%. Mica tanto onesto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Uno di Passaggio
    > Il 10% sul fatturato dell'applicazione mentre il
    > 2% è sulla transizione. Ti spiego
    > meglio.
    >
    > L'App cosa 10€? Bene, 1€ va a google.
    >
    > Mettiamo che l'app venda brani musicali, ogni
    > brano costa 1€, ad ogni transizione di acquisto
    > Google ti chiede il 2%, quindi
    > 0.02€
    >
    > Non è Marketing, anche PayPal ti chiede una
    > percentuale per transizione ed anche molte carte
    > di credito. Un 2% mi pare più che
    > onesto.

    Ma cosa perdi tempo a spiegare, è chiarissimo se hai un briciolo di cervelloA bocca aperta

    > Ricordo che Apple vuole il 30%. Mica tanto onesto.

    No, ma il dogma del'Applismo è: "Jobs è infallibile, Apple è verità"Con la lingua fuori
    Funz
    12987