Claudio Tamburrino

Amazon, streaming e nuvole

Armadietti digitali per la musica e gli altri contenuti che gli utenti intendono caricare on the cloud

Roma - Amazon ha annunciato Amazon Cloud Drive, un servizio di armadietti digitali che permette agli utenti di conservare online musica e video in modo tale che agli utenti sia permesso, parafrasando il motto adottato con i suoi ebook, di "comprare una volta e usufruire ovunque".

Amazon fa così il suo esordio nel settore della musica streaming e nel cloud computing con uno spazio offerto agli utenti per caricare contenuti personali o conservare quelli acquisiti tramite il suo store digitale. Accetta anche i file comprati su iTunes fintantoché siano senza DRM.

Si tratta di uno storage cloud che usufruirà di Amazon Cloud Player che permette di ascoltare e formare le proprie playlist dal PC o da un dispositivo Android. Si parla di 5GB di storage gratuito, con la possibilità di arrivare a 20 GB al momento dell'acquisto di un album MP3 o di estenderlo a pagamento fino a 1 TB (1 dollaro per GB).
Mancano le ultime (ma non scontate) questioni legali: Amazon deve assicurarsi licenze almeno per i contenuti delle major principali. O almeno assicurarsi di poterne fare a meno, come dice Craig Pape, a capo del settore musica di Amazon: "La funzione è simile a quella di un hard disk esterno, per cui non ne abbiamo bisogno".

Sony è stata la prima ad esprimere i dubbi delle major: "Siamo dispiaciuti per il fatto che gli armadietti digitali proposti da Amazon non abbiano licenza di Sony Music".

Restano, inoltre, in dubbio gli eventuali sistemi di protezione: non è ancora dato sapere se Amazon adotterà, e nel caso quali saranno, misure per distinguere, ad esempio, tra filmati personali e film ottenuti violando la legge.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
6 Commenti alla Notizia Amazon, streaming e nuvole
Ordina
  • Al solito le case discografiche si rivelano senza fondo.
    Pare che il punto della contesa sia che le case discografiche vogliano che uno paghi una licenza per ogni device distinto dal quale ascolta.
    Come se per ascoltare lo stesso disco dovessi comprare un CD per il salotto e uno per la camera da letto. O come se non potesi portarmi i CD in macchina o in montagna con me.
    Per non dire: Sony quando ha aderito alla DLNA pensava che gli utenti avrebbero dovuto pagare un licenza per ogni device che attaccano alla rete di casa che può fare streaming?
    Questo dimostra solo quanto sono vecchi...
    non+autenticato
  • Direi che più di ogni altro possa fregiarsi del titolo "terminale" e dipendente da tutti fuorché dal proprietario.

    Ah, ma è open source Rotola dal ridere
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Direi che più di ogni altro possa fregiarsi del
    > titolo "terminale" e dipendente da tutti fuorché
    > dal
    > proprietario.

    Come l'iphone

    >
    > Ah, ma è open source Rotola dal ridere

    E ti permette di uscire dalla gabbia, mentre l'iphone non lo permette.

    P.S. : se sei intelligente, c'è una obiezione che potresti fare e che mi metterebbe in difficoltà....
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > - Scritto da: ruppolo
    > > Direi che più di ogni altro possa fregiarsi del
    > > titolo "terminale" e dipendente da tutti fuorché
    > > dal
    > > proprietario.
    >
    > Come l'iphone

    Vero, ma "è scritto sull'etichetta".

    > > Ah, ma è open source Rotola dal ridere
    >
    > E ti permette di uscire dalla gabbia, mentre
    > l'iphone non lo
    > permette.

    Col cavolo.
    Per uscire dalla gabbia devi scassinarli entrambi.
    Ma se io ho scelto di stare nella gabbia non ho motivo di scassinarla.
    Ben diverso invece è credere di stare all'aperto e ritrovarsi invece in una gabbia più stretta delle altre.

    > P.S. : se sei intelligente, c'è una obiezione che
    > potresti fare e che mi metterebbe in
    > difficoltà....

    Una sola?A bocca aperta
    ruppolo
    33147
  • > Col cavolo.
    > Per uscire dalla gabbia devi scassinarli entrambi.
    > Ma se io ho scelto di stare nella gabbia non ho
    > motivo di
    > scassinarla.
    > Ben diverso invece è credere di stare all'aperto
    > e ritrovarsi invece in una gabbia più stretta
    > delle altre.


    Adesso ho capito: tu ti sei chiuso in una gabbia, ma credi di essere libero perchè ritieni di essere fuori dalla gabbia, e che tutto il resto del mondo sia dentro.


    >
    >
    > > P.S. : se sei intelligente, c'è una obiezione
    > che
    > > potresti fare e che mi metterebbe in
    > > difficoltà....
    >
    > Una sola?A bocca aperta

    Non hai trovato nemmeno quella.
    Una volta eri più abile.
    non+autenticato