MacOS X-files e l'update misterioso

Da pochi giorni circola libero per la Rete un pacchetto di aggiornamento per Mac OS X di cui nessuno sembra conoscere l'origine. Apple sostiene si tratti di una versione piratata, ma intanto c'è già qualcuno che l'ha provato

Web - Da qualche giorno circola in Rete un aggiornamento non ufficiale a Mac OS X che porta il sistema dalla versione 10.0 alla 10.0.1 (numero di build 4L5).

Che Apple avesse già in sviluppo questo upgrade prima del rilascio ufficiale del sistema operativo non era una novità, ma ora tutti si domandano se la versione che sta circolando su Internet sia una beta o la versione definitiva, ed in quest'ultimo caso da dove provenga.

Apple al momento si è limitata a bollare il file come "piratato" e a consigliare a tutti i propri utenti di non installarlo.
L'update ha una dimensione di 4,1 MB compresso e contiene al suo interno due file: "Update.pkg", che porta il sistema al livello 10.0.1, e "SoftwareUpdate131.pkg", che aggiorna invece alcune applicazioni integrate nel sistema.

In particolare i due aggiornamenti, insieme, dovrebbero mettere una "pezza" a numerosi bug ed incrementare le prestazioni. La conferma arriva anche da chi li ha provati: le prime impressioni sono quelle di un sistema un poco più veloce, soprattutto nella sezione video, e sensibilmente più stabile.

Secondo alcune voci questo pacchetto sarebbe stato destinato agli sviluppatori, ma a breve Apple dovrebbe rilasciare una versione pubblica ufficiale scaricabile dal proprio sito.
TAG: apple
31 Commenti alla Notizia MacOS X-files e l'update misterioso
Ordina
  • OK per la lentezza (dell'intefaccia, non certo delle applicazioni), ma i "numerosi bug" di cui si fa cenno nell'articolo quali sarebbero?
    Non dico che MacOSX sia perfetto, ma di bug finora non ne ho proprio trovati, e lo sto usando intensamente

    ciao
    non+autenticato
  • - Scritto da: avolo

    > OK per la lentezza (dell'intefaccia, non
    > certo delle applicazioni), ma i "numerosi
    > bug" di cui si fa cenno nell'articolo quali
    > sarebbero?

    Ci sono. Non cosi' gravi come qualcuno vuol far credere, ma ci sono. Sarebbe strano il contrario, per un software giovane. Quello che a me interessa non e' il fatto che al momenti vi siano dei bug, ma il grado di maturazione che potra' raggiungere il sistema, in quanto tempo lo fara' e, non meno importante, se il sistema ha difetti architetturali. Ci sono sistemi che in cui le patch vengono rilasciate in continuazione, cosa che non da affatto fastidio a chi li sceglie (anzi, tutto il contrario). Viceversa, ci sono sistemi stabili che pero' hanno grossi difetti architetturali, a cui e' molto piu' difficile ovviare. Riassumendo, i bug possono essere risolti, sulle scelte e' piu' difficile aver ripensamenti in un secondo dempo.

    Meditate.
    non+autenticato
  • Concordo pienamente, é lo stesso discorso di OS 9, la 9.0 faceva skifo ed era sconsigliata e criticata da tutti, la 9.0.4 era già utilizzabile e la 9.1 e pressoché all'altezza di 8.0 e 8.5!

    > Ci sono. Non cosi' gravi come qualcuno vuol
    > far credere, ma ci sono. Sarebbe strano il
    > contrario, per un software giovane. Quello
    > che a me interessa non e' il fatto che al
    > momenti vi siano dei bug, ma il grado di
    > maturazione che potra' raggiungere il
    > sistema, in quanto tempo lo fara' e, non
    > meno importante, se il sistema ha difetti
    > architetturali. Ci sono sistemi che in cui
    > le patch vengono rilasciate in
    > continuazione, cosa che non da affatto
    > fastidio a chi li sceglie (anzi, tutto il
    > contrario). Viceversa, ci sono sistemi
    > stabili che pero' hanno grossi difetti
    > architetturali, a cui e' molto piu'
    > difficile ovviare. Riassumendo, i bug
    > possono essere risolti, sulle scelte e' piu'
    > difficile aver ripensamenti in un secondo
    > dempo.
    >
    > Meditate.
    non+autenticato
  • "Il futuro è qui. La potenza e la flessibilità di UNIX con la semplicità e l'eleganza di Macintosh" è lo slogan che accompagna la distribuzione al pubblico di Mac OS X, il nuovo sistema operativo Apple. L'azienza di Cupertino deve essere tuttavia piuttosto in imbarazzo, se è vero che a stretto giro di posta sarà rilasciato un cerottone (del quale circola già una prima versione ufficiosa) per tappare una serie di indecorosi buchi nel funzionamento di OS X, ad appena una settimana dall'uscita in pompa magna sul mercato. Stupore, perplessità e, perchè no, anche sottile ironia da parte degli addetti ai lavori per l'imprudenza di Apple, che sarebbe stato normale aspettarsi dallo zio Bill piuttosto che dallo zio Steve.
    non+autenticato

  • ...Sono tutti uguali ...pur di uscire prima, essere puntuali ad una promessa, scaricano addosso all'utente, la responsabilita' del collaudo.Comunque, Mac OSX resta un gran bel sistema operativo.... provare per credere.



    - Scritto da: http://www.wintricks.it/news1/news13.html#681
    > "Il futuro è qui. La potenza e la
    > flessibilità di UNIX con la semplicità e
    > l'eleganza di Macintosh" è lo slogan che
    > accompagna la distribuzione al pubblico di
    > Mac OS X, il nuovo sistema operativo Apple.
    > L'azienza di Cupertino deve essere tuttavia
    > piuttosto in imbarazzo, se è vero che a
    > stretto giro di posta sarà rilasciato un
    > cerottone (del quale circola già una prima
    > versione ufficiosa) per tappare una serie di
    > indecorosi buchi nel funzionamento di OS X,
    > ad appena una settimana dall'uscita in pompa
    > magna sul mercato. Stupore, perplessità e,
    > perchè no, anche sottile ironia da parte
    > degli addetti ai lavori per l'imprudenza di
    > Apple, che sarebbe stato normale aspettarsi
    > dallo zio Bill piuttosto che dallo zio
    > Steve.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nick
    >
    > ...Sono tutti uguali ...pur di uscire prima,
    > essere puntuali ad una promessa, scaricano
    > addosso all'utente...

    Era una necessita'. Non potevano continuare a rimandare. Tra le raggioni, c'e' che avrebbero dovuto scaricare il costo dell'ulteriore debugging sul prezzo della licenza. Non vi pare?

    Semmai, sono stupidi gli utenti che hanno acquistato il sistema alla cieca sperando che fosse usabile gia' da subito. Al momento, fino a dopo l'estate, non se ne fanno un tubo. Le applicazioni native sono ancora poche e classic richiede molta memoria per andare e non garantisce in assoluto la compatibilita' (una scelta che apprezzo).

    Anche io ripeto, e' un ottimo sistema, anche se deve maturare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: http://www.wintricks.it/news1/news13.html#681
    > "Il futuro è qui. La potenza e la
    > flessibilità di UNIX con la semplicità e
    > l'eleganza di Macintosh" è lo slogan che
    > accompagna la distribuzione al pubblico di
    > Mac OS X, il nuovo sistema operativo Apple.
    > L'azienza di Cupertino deve essere tuttavia
    > piuttosto in imbarazzo, se è vero che a
    > stretto giro di posta sarà rilasciato un
    > cerottone (del quale circola già una prima
    > versione ufficiosa) per tappare una serie di
    > indecorosi buchi nel funzionamento di OS X,
    > ad appena una settimana dall'uscita in pompa
    > magna sul mercato. Stupore, perplessità e,
    > perchè no, anche sottile ironia da parte
    > degli addetti ai lavori per l'imprudenza di
    > Apple, che sarebbe stato normale aspettarsi
    > dallo zio Bill piuttosto che dallo zio
    > Steve.

    Ehh... tutto il mondo è paese!Sorride

    Byee
    Zeross
    non+autenticato


  • - Scritto da: http://www.wintricks.it/news1/news13.html#681
    > "Il futuro è qui. La potenza e la
    > flessibilità di UNIX con la semplicità e
    > l'eleganza di Macintosh" è lo slogan che
    > accompagna la distribuzione al pubblico di
    > Mac OS X, il nuovo sistema operativo Apple.
    > L'azienza di Cupertino deve essere tuttavia
    > piuttosto in imbarazzo, se è vero che a
    > stretto giro di posta sarà rilasciato un
    > cerottone (del quale circola già una prima
    > versione ufficiosa) per tappare una serie di
    > indecorosi buchi nel funzionamento di OS X,
    > ad appena una settimana dall'uscita in pompa
    > magna sul mercato. Stupore, perplessità e,
    > perchè no, anche sottile ironia da parte
    > degli addetti ai lavori per l'imprudenza di
    > Apple, che sarebbe stato normale aspettarsi
    > dallo zio Bill piuttosto che dallo zio
    > Steve.

    Perlomeno non sarà a pagamento.
    non+autenticato

  • > > Apple, che sarebbe stato normale
    > aspettarsi
    > > dallo zio Bill piuttosto che dallo zio
    > > Steve.
    >
    > Perlomeno non sarà a pagamento.

    Non lo sono neanche i service pack.

    Ciao.
    non+autenticato


  • - Scritto da: mmm

    > Non lo sono neanche i service pack.

    che però sono solitamente molto più imgombranti...
    non+autenticato
  • > > Perlomeno non sarà a pagamento.
    >
    > Non lo sono neanche i service pack.

    be' mica tutti? Windows 98 Seconda edizione e' stato regalato da microsoft ?
    non mi sembra proprio...

    lord auberon
    non+autenticato
  • Che MacOSX fosse in ritardo si sapeva;
    o si faceva uscire con ritardo, o si faceva uscire per la data prevista "sistemandolo" dopo.
    Io preferisco così...

    ciao
    non+autenticato
  • - Scritto da: http://www.wintricks.it/news1/news13.html#681
    > ...
    > L'azienza di Cupertino deve essere tuttavia
    > piuttosto in imbarazzo, se è vero che a
    > stretto giro di posta sarà rilasciato un
    > cerottone (del quale circola già una prima
    > versione ufficiosa) per tappare una serie di
    > indecorosi buchi nel funzionamento di OS X,
    > ad appena una settimana dall'uscita in pompa
    > magna sul mercato.
    > ...

    Buchi indecorosi? Ma quali sarebbero questi buchi indecorosi (notare l'aggettivo appositamente piazzato per screditare OSX) che gli esperti del sopracitato winsito avrebbero scovato? Pompa magna? Ma se e' proprio quello che apple ha evitato di fare!

    Per piacere, siate seri.
    non+autenticato
  • Se ti fossi degnato di andare a vedere al link suggerito, avresti risparmiato una figuraccia. Infatti quella espressa non è solo un'opinione apparsa su Wintricks (un'istituzione nel suo settore), ma c'è riportato un bel linkotto all'articolo di CNet, leggitelo.

    ciao
    non+autenticato