Roberto Pulito

AMD, Llano in partenza

Il chipmaker di Sunnyvale consegna le prime APU ai produttori di PC. E rivede il contratto con il partner Globalfoundries per evitare ulteriori ritardi

Roma - Advanced Micro Device ha annunciato la produzione dei primi Llano realizzati a 32 nanometri. Da questa settimana sono quindi iniziate le consegne delle APU (Accelerated Processing Unit) ai partner OEM, anche se bisognerà attendere fino a dopo l'estate per vederle all'interno di laptop e PC desktop.

Il chip che integra sullo stesso die CPU x86 e GPU Radeon HD 6000, connessi da un bus dedicato, debutterà in versione quad-core con TDP da 100W o 65W. Entro la fine del terzo trimestre di quest'anno sembra che arriverà anche un dual-core con consumi da 65W. Al momento AMD non ha rivelato molto altro sulle specifiche tecniche di questi primi modelli di Llano (serie "A"), ma probabilmente se ne saprà di più al Computex 2011 che si terrà il prossimo giugno.

Fino a ieri il progetto Llano è rimasto comunque ancorato sui 45 nanometri perché il partner produttivo Globalfoundries ha avuto qualche problema col processo costruttivo a 32nm e AMD ha ricevuto molto meno di quanto pattuito. A causa di questo ritardo sul lancio, AMD ha modificato i termini del contratto e anche il metodo tariffario applicato ai wafer sfornati dal suo partner.
Globalfoundries si è ora impegnata a pedalare velocemente per rifornire AMD con un numero fisso di wafer a 45 e 32nm, nel corso di tutto il 2011. Per questo primo anno di Llano, l'azienda di Sunnyvale non pagherà la merce col metodo del costo maggiorato (cost-plus). Per i prodotti a 45nm consegnati nel 2011,verrà stabilito un prezzo fisso, mentre il prezzo dei modelli a 32nm varierà in base ai volumi di produzione e alla resa finale del die.

Roberto Pulito
Notizie collegate
  • TecnologiaAMD, Llano in mostraConvincente prova di forza in pubblico per l'APU di Sunnyvale, che integra sullo stesso die CPU e GPU. L'arrivo sul mercato è però posticipato all'estate 2011
  • TecnologiaGlobalfoundries e la forza di 28 nanometriLa rivoluzione inizierà alla fine del 2011 con la produzione di unità con miniaturizzazione spinta. Saranno utilizzate nel mercato mobile, e il nuovo processo riguarderà anche chip ARM