Mauro Vecchio

Copyright, la zarina europea vien da IFPI

Maria Martin-Pratt, già a capo delle politiche legali della federazione con base a Londra, sarà il nuovo capo del Direttorato Generale per i mercati interni e i servizi legati al copyright. Preoccupazione generale

Roma - C'è chi ha sottolineato come si tratti di una nomina preoccupante, a sancire il definitivo distacco dell'organismo legislativo dell'Unione Europea dagli interessi dei cittadini e dei consumatori nel campo della proprietà intellettuale.

Maria Martin-Pratt, già direttrice alle politiche legali della International Federation of Phonographic Industry (IFPI), sarà ora la nuova zarina europea del copyright. A capo del Direttorato Generale dei mercati interni e della divisione dei servizi legati al diritto d'autore.

Di cittadinanza spagnola, Martin-Pratt si occuperà - a partire dalla metà di questo mese - di regolamentazioni legislative delicate come IPRED, ma anche di portare avanti il discorso aperto con gli Stati Uniti per il famigerato Anti-Counterfeiting Trade Agreement (ACTA).
È comunque il suo passato con IFPI che ha preoccupato la maggioranza degli osservatori, visti anche degli episodi in cui Martin-Pratt si era scagliata contro la duplicazione dei supporti fisici come i CD. Attività che "non avrebbe proprio dovuto esistere".

"Benvenuti nell'Unione Europea - ha scritto sul suo blog Christian Engström del Piratpartiet - dove le lobby del grande business hanno ormai preso il controllo della Commissione. E dove i cittadini sono visti come seccature da ignorare. Credo che l'unica notizia vera è che non si scomodano neanche più a cercare di nascondersi".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàACTA, via libera europeoPrimo voto al Parlamento. La differenza tra favorevoli e contrari è minima, ma ha prevalso il fronte del sì
  • AttualitàUSA, copyright a martelloConsenso bipartisan intorno alla cyberzarina voluta da Obama. Le autorità a stelle e strisce temono molti nemici del diritto d'autore, in primis la Cina. E qualcuno si spinge fino a proporre misure draconiane
  • AttualitàRapidShare, condivisione al CongressoIl servizio di file hosting lotterà perché il governo a stelle e strisce ascolti le sue posizioni. E tolga il suo nome dalla lista dei cattivoni del P2P. Assoldati lobbisti per combattere i sequestri dei domini
10 Commenti alla Notizia Copyright, la zarina europea vien da IFPI
Ordina