Alfonso Maruccia

Stampa in 3D anche per gli edifici?

Una ricercatrice del MIT sperimenta con un sistema di stampa tridimensionale impiegabile anche con metalli, calcestruzzo, cemento e pietra dura. Stamparsi da sé la propria casa? E perché no?

Roma - In un futuro forse non molto lontano, tra le meraviglie della stampa in 3D potrebbe esserci anche la capacità di stampare elementi prefabbricati da impiegare negli edifici. Questo almeno è quello che pensa Neri Oxman, ricercatrice del MIT Media Lab impegnata a far avanzare la tecnologia della stampa tridimensionale anche nel campo delle costruzioni.

L'obiettivo di Oxman è sfruttare la crescente funzionalità delle stampanti in 3D, una tecnologia che riproduce modellini computerizzati "tagliando" un materiale polimerico strato per strato e che presto sarà in grado di fare lo stesso con materiali di maggiore consistenza come i metalli e il cemento.

La ricercatrice del MIT lavora ad esempio per permettere alle stampanti 3D di modificare il grado di porosità del cemento o l'elasticità di un polimero durante la "stampa", o progetta "testine di stampa" da montare su bracci robotici flessibili così da poter avere una maggiore libertà di movimento rispetto alle stampanti 3D fisse.
Una parte importante del lavoro di Oxman è costituita dallo studio degli elementi naturali alla ricerca di nuove strategie costruttive capaci di ottimizzare l'impiego delle stampanti 3D - riducendo il lavoro e i costi necessari per la realizzazione dei materiali.

Un esempio di queste ottimizzazioni "naturali" è quello del legno presente nei tronchi degli alberi di palma, più denso nelle parti esterne - dove le sollecitazioni da sopportare sono maggiori - e più poroso (e quindi meno pesante) al centro. Adottando una simile strategia costruttiva per la stampa 3D di colonne per edifici, stima Oxman, si potrebbe ridurre la quantità di cemento necessaria di più del 10%.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
34 Commenti alla Notizia Stampa in 3D anche per gli edifici?
Ordina
  • Una volta tanto in Italia fanno qualcosa di molto simile già da un paio d'anni ... magari i due potrebbero collaborare visto che lo studio del MIT sembra più esteso: http://mag.wired.it/rivista/storie/come-ti-stampo-...

    Ciao, Giulio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giulio Tugnoli
    > Una volta tanto in Italia fanno qualcosa di molto
    > simile già da un paio d'anni ... magari i due
    > potrebbero collaborare visto che lo studio del
    > MIT sembra più esteso:
    > http://mag.wired.it/rivista/storie/come-ti-stampo-
    >
    > Ciao, Giulio.

    Finalmente! Grazie.

    Avevo letto quell'articolo ma non riuscivo a ricordare in quale rivista.
    non+autenticato
  • Hai dei link a progetti finiti?
  • - Scritto da: Giulio Tugnoli
    > Una volta tanto in Italia fanno qualcosa di molto
    > simile già da un paio d'anni ... magari i due
    > potrebbero collaborare visto che lo studio del
    > MIT sembra più esteso:
    > http://mag.wired.it/rivista/storie/come-ti-stampo-

    > Ciao, Giulio.

    Alludi all'utilizzare i cadaveri nelle colonne di cemento per farle pesare meno ?
    krane
    22544
  • Noi in Italia di cemento già ne risparmiamo parecchio. Anzi siamo così ecologici da usare, senza dirlo troppo in giro, la sabbia del mare per costruire. Poi alla prima scossetta crolla tutto ma si chiama "rinnovo urbanistico". Muove l'economia.

    Mi sa che da noi la sana cazzuola durerà ancora parecchio, anche perché ci sta arrivando un sacco di manodopera tunisina che si dice essere molto economica.

    Firmato MAFIA SPA.
  • Nessuno pensa a noi? Il malvagio internet, dopo aver distrutto i discografici, vorrà anche il nostro sangue.
    Scaricare case è come rubare!
    non+autenticato
  • Standing ovationA bocca aperta
  • Purtroppo è legge del mercato.......
    Se tiri troppo la corda si spezza, e ci sarà sempre qualcuno che ti fa le scarpe.
    Se non si capisce Io ce l'avrei un po con muratori e costruttori.
    non+autenticato
  • A proteggere questi già ci sono i piani regolatori e certe leggi, altrimenti con pochi euro ti compri una casa prefabbricata (mobili)che oggi hanno ben poco da invidiare alle case di muratura, ed anzi hanno diversi vantaggi.
    non+autenticato
  • http://www.wolfhaus.it/index.php?id=3070
    Mobile?Occhiolino

    Scherzi a parte, se mi faccio la casa, me la faccio fare da loro, o da gente che lavora come loro.
    non+autenticato
  • Ne parlate come se fosse un'idea nuova: in Giappone lo fanno da anni.
  • Oddio!
    Dobbiamo immediatamente chiamare l'MIT e dirgli che sono degli imbecilli a non essersene accorti!
  • - Scritto da: chobeat
    > Ne parlate come se fosse un'idea nuova: in
    > Giappone lo fanno da
    > anni.
    Se lo fanno come le centrali nucleari...A bocca aperta
    non+autenticato
  • > Se lo fanno come le centrali nucleari...A bocca aperta

    In realtà è costruita su progetto GE americano... Ai tempi non avevano ancora le capacità necessarie a costruirsele da soli. Quelle che hanno costruito poi loro in effetti hanno retto benissimo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: fregge
    > > Se lo fanno come le centrali nucleari...A bocca aperta
    >
    > In realtà è costruita su progetto GE americano...
    > Ai tempi non avevano ancora le capacità
    > necessarie a costruirsele da soli. Quelle che
    > hanno costruito poi loro in effetti hanno retto
    > benissimo.
    A giudicare dai risultati, non sembrerebbe...
    non+autenticato
  • Un terremoto del 9° grado Richter non ha sfasciato nessuna centrale giapponese, sono tutte rimaste in piedi, pur se progettate per resistere fino al 7° grado. Il fatto che i generatori diesel di scorta fossero a livello mare di fronte alla spiaggia è un difetto del progetto di origine americana. Ti ricordo che in Italia un terremoto di grado 5.8 ha distrutto quasi totalmente L'Aquila. E il Vajont ha fatto 2000 morti, il carbone nel 1952 a Londra ne ha fatti 12000. E chissà quanti altri in Cina e nel resto del mondo. Come anche il petrolio, il gas. E chissà i pannelli fotovoltaici, quando sarà tempo di riciclarli.
    non+autenticato
  • - Scritto da: HAL

    >E chissà i pannelli fotovoltaici, quando sarà tempo
    > di
    > riciclarli.

    Quest'ultima mi ha un po' stonato. L'alternativa sarebbe buttare diossina nell'atmosfera fino ad allora? O sotterrare rifiuti radioattivi nelle campagne dove la mafia ha già seppellito qualche strato di rifiuti solidi?
    Senza contare che i pannelli sono già il frutto del riciclo di rifiuti tecnologici altrimenti irrecuperabili.
  • - Scritto da: Redpill
    > - Scritto da: HAL
    >
    > >E chissà i pannelli fotovoltaici, quando sarà
    > tempo
    > > di
    > > riciclarli.
    >
    > Quest'ultima mi ha un po' stonato. L'alternativa
    > sarebbe buttare diossina nell'atmosfera fino ad
    > allora? O sotterrare rifiuti radioattivi nelle
    > campagne dove la mafia ha già seppellito qualche
    > strato di rifiuti
    > solidi?

    ... consumare meno Sorride
  • Toh! Per una volta siamo d'accordo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Certo certo
    > Toh! Per una volta siamo d'accordo.

    forse mi confondo ma mi pare che spesso siamo d'accordo, tranne quando si parla... di informatica A bocca aperta